Le protagoniste del Friuli Collinare c11: Villesse

IL VILLESSE E FORT. DIVERTIMENTO E AMICIZIA…

A Villesse calcio dilettantistico e amatoriale hanno felicemente convissuto per molti anni. Il sodalizio includeva entrambe le compagini, c’era unità d’intenti, esisteva collaborazione, e bei rapporti umani. Ma da qualche tempo non c’era più grande armonia tra alcuni dirigenti delle due componenti. Non grandi cose. Ma quando un rapporto comincia a scricchiolare, per il bene comune, è meglio prendere delle decisioni.  Magari anche drastiche. E allora la fazione amatoriale, che riconosce e ringrazia il Villesse calcio per quanto di buono maturato  in 5 anni di convivenza, cambia strada. La filosofia del calcio “alternativo”  gli è sempre piaciuta. Costituisce una nuova Associazione, valuta le varie proposte sportive e poi si fa attrarre dal campionato amatoriale della Lega Calcio Friuli Collinare. Ora la  nuova dirigenza si dichiara carica di nuovo entusiasmo e, anche se riconosce che esiste qualche  preoccupazione, conferma l’immensa voglia di rimettersi in gioco. Questa nuova realtà la presenta il neo presidente Nicola Moschion. “ La nostra è una storia che dura da oltre 20 anni. Essa racconta come nei primi 16 anni abbiamo partecipato solo a semplici tornei mentre nelle ultime quattro stagioni ci siamo cimentati nel campionato amatori della FIGC. Questo divorzio però ci ha fatto riflettere – continua Moschion. Per questo abbiamo deciso di fare una nuova esperienza, conoscere nuove organizzazioni sportive, confrontarci con altre squadre. L’input di iscriverci al Collinare è venuto da un ragazzo che gioca con noi e contemporaneamente partecipava alle manifestazioni della LCFC. Questa struttura ci è stata descritta positivamente per cui ci siamo imbarcati in questa nuova sfida. Una sfida che, posso affermare con orgoglio, sarà affrontata con un nucleo di 23 persone di cui ben 17 sono del paese. Insomma una squadra di amici che punterà sulla coesione del gruppo e sull’amicizia. Obiettivi? Essendo la prima stagione, chiosa ancora il presidente, non conoscendo la forza delle altre compagini, cercheremo di capire prima di tutto le nostre potenzialità. La nostra squadra non ha grandi stelle, a parte Stefano Fort, unico ad aver giocato a buoni livelli nei dilettanti, per cui punteremo prima di tutto a divertirci cercando nel contempo di offrire un buon calcio amatoriale”.     

Pubblicato anche su Tremila Sport il 10 settembre 2010

Over 40 pronti al via

C’ E’ PIU’ GUSTO NEGLI OVER 40 

 La voglia di non appendere le classiche scarpette al chiodo, la consapevolezza che scendere in campo contribuisce a  migliorare il fisico e la mente, l’intento di cimentarsi in un calcio giocato a ritmi più lenti dove prevale la tecnica e l’esperienza, sono alcuni aspetti che albergano tra i giocatori degli Over 40. E’ un campionato interessante nel quale i pedatores che hanno frequentato i migliori “salotti” dilettantistici, fanno da contraltare ad atleti meno dotati. Tutti però uniti da un unico comun denominatore: la passione per il calcio. E in questo contesto convivono in un campionato dove ci sono squadre dalle grandi capacità tecniche e organizzative  ed altre il cui  sogno principale è quello di essere ancora protagoniste. Non necessariamente per vincere ma per partecipare, magari con una rosa di amici ultraquarantenni. E questo è già un successo in un ordine di idee dove la sconfitta non è certo perdere una partita ma non riuscire più a fare la squadra. D’altronde gli impegni famigliari e lavorativi, l’età che avanza, il fisico che comincia a dare segni di stanchezza porta a fare considerazioni diverse da quando, in età giovanile, si calcavano le scene calcistiche. E allora per by passare i vari problemi che, per le ragioni sopracitate, si potrebbero verificare,  ecco che quasi tutte le rose delle squadre sono composte da oltre trenta giocatori. Un numero elevato certo, ma che dà la tranquillità di poter giocare senza patemi d’animo un campionato che, a ottobre, ripartirà dai blocchi di partenza. Rispetto alla passata stagione una novità: l’ingresso della Brigata Brovada che, dopo aver militato a lungo nel Friuli Collinare, raggiunto i limiti d’età, ha deciso di migrare nel campionato Over. Ecco le 24 protagoniste del prossimo campionato,  stagione che inizierà con venerdi 8 ottobre 2010. 

Paolo Comini

Pubblicato anche su Tremila Sport del 24 settembre 2010 

 ECCO I PROTAGONISTI:

  AMATORI BEIVARS
  LA ROSA
  TOTO E GLI AMICI
  PREMARIACCO
  COOPCA TOLMEZZO
  ZIRACCO CALCIO
  OVER SANGIORGINA CALCIO
  DON BOSCO
  BICINICCO BOYS
  BRIGATA BROVADA
  AMASANDA 86
  V.G. SAN DANIELE
  FELETTO 90
  PASSONS
  BAR GARDEL ARTEGNA
  BASALDELLA OVER
  PIZZ.DA PIPPO UNO
  LA TAVERNETTA REMANZAC
  AXO CLUB BUIA
  EVRAZ PALINI BERTOLI
  OVER CJASSA’
  OSTERIA DA LODIA
  ASD ASA
  CANARINO OVER 40
   

Premiati i protagonisti del fair play

 Fair play. Spesso questa parola e questo concetto fanno bella mostra di se solo nelle intenzioni. Soprattutto dove esiste un calcio in cui gli interessi non sono solo quelli del divertimento e della passione. Doti invece che arricchiscono il campo amatoriale. Qui si gioca con un obiettivo primario, quello del divertimento, in cui moltissimi atleti, pur cercando di ottenere la vittoria (è naturale che in qualsiasi sport si scenda in campo per vincere)  sanno anche accettare la sconfitta. E non è poco. Qui non ci sono pressioni, diritti televisivi o plusvalenze. La sconfitta, anche se talvolta non viene digerita, ha un sapore meno amaro e la vittoria esalta la prestazione, non gli obiettivi.  Ma c’è anche chi arriva nei campionati amatoriali pensando di entrare in un mondo dove l’unico obiettivo è il risultato. Un obiettivo a volte troppo sfidante, se non raggiunto, crea disarmonia e frustrazione, produce crepe all’interno di un gruppo, fa calare la propria autostima e rischia di compromettere l’aggregazione di squadra. E allora, soprattutto in campo amatoriale, perché non cercare di posi degli obiettivi meno performanti ma sicuramente più raggiungibili? D’altronde uno solo vince mentre gli altri stanno a guardare. Bisognerebbe puntare a cercare dei piccoli traguardi personali (migliorare la prestazione, non perdere la fiducia in se stessi, divertirsi). Sono delle piccole mete migliorabili gara dopo gara. Sicuramente questi piccoli obiettivi porterebbero a una motivazione diversa che aiuterebbe anche un contesto di gruppo e che farebbe crescere, anche sotto l’aspetto mentale, il giocatore. Vivere quindi delle sensazioni positive senza lasciarsi trascinare dalla vittoria a tutti i costi è sicuramente possibile. Lo dimostrano i gesti virtuosi accaduti durante la passata stagione sportiva. Non solo atleti artefici di questo tipo di prestazione, ma addirittura delle squadre. E proprio questi protagonisti sono stati premiati davanti al pubblico che ha presenziato all’Assemblea Generale del 30 settembre. Ecco gli episodi che hanno portato al riconoscimento:  

GLI EPISODI

 Friuli Collinare calcio a 11 : Amaranto – Latteria Tricesimo  3-1 (1a categoria 2a giornata

 Si gioca il big match tra Amaranto e Latteria Tricesimo. Il punteggio, quando mancano 10 minuti dal termine, è di 2-1 per la squadra di casa. I locali creano un azione di superiorità numerica e lanciano il loro capitano, Simone Rizzi, in contropiede. Rizzi salta un avversario e s’invola verso la porta ma quando arriva sul limite dell’area si accorge che il giocatore dribblato risente di un problema muscolare. Interrompe l’azione, che forse gli avrebbe dato il 3-1,  e lancia la palla in fallo laterale offrendo la possibilità all’avversario di essere soccorso.

 ***************************************************************

 Campionato Friuli Collinare

ARS Calcio – ASD Campagna  4 – 3 

 Devis Felice, dopo uno scontro fortuito è lanciato a rete. L’avversario rimane a terra ma quando l’attaccante buiese si accorge delle condizioni dell’avversario, a due passi dalla porta, si ferma e calcia fuori.

***************************************************************

Campionato Friuli Collinare calcio a 11

AS Warriors – Latteria Tricesimo 1 – 1 

 La gara è di quelle che valgono la leadership. Per il girone A di prima categoria sono opposte Warriors, che insegue a un punto la vetta, e la capolista Latteria Tricesimo. A differenza di quanto ci si possa aspettare la sfida  è corretta e senza alcuna esasperazione. Merito di tutti gli attori in campo, bravi a interpretare una partita come un gioco e dimostrando con i fatti qual è il significato di correttezza e lealtà sportiva. Un plauso anche all’arbitro, Franco Conzutti,  umile e bravo a interpretare la gara.  Ma veniamo a quelli che sono stati gli episodi virtuosi che hanno illuminato, in ottica fair play il match: Nel primo tempo, sul punteggio di 1-0 a favore dei guerrieri, l’ospite Fabio Fanti cade in area. L’arbitro assegna il rigore e si dirige verso la lunetta. Fabio Fanti però si rivolge al direttore di gara, dichiara che non era stato commesso dal difensore alcun fallo. Ammissione che fa cambiare decisione al direttore di gara. Ma non è finita. Nella ripresa Angelo Del Gobbo raccoglie un traversone e in tuffo gonfia il sacco. L’arbitro convalida. Poteva essere il 2-0 per i locali. Invece Angelo, di nome e di fatto, si dirige dall’arbitro e lo informa che non ha segnato di testa, come percepito in un primo momento, ma con la mano. L’arbitro ne prende atto, non convalida la segnatura, ammonisce Del Gobbo (forse, visto il gesto, l’arbitro avrebbe potuto sorvolare sul cartellino giallo anche se nessuno può contestare una sanzione prevista da regolamento) Per la cronaca la gara finisce con una rete per parte con i gol siglati, guarda le coincidenze, proprio dagli autori dei due gesti. Ma le fatalità non finiscono qui: il minuto in cui si sono verificati gli episodi coincidono con il 20° rispettivamente del primo e secondo tempo. Insomma, vince lo sport, quello sport che ha saputo coniugare divertimento, agonismo e amicizia, fair play proprio in una delle gare più importanti del loro campionato. Complimenti a tutti.  

*********************************************************************************** 

Campionato Friuli Collinare calcio a 11

Millennium – Am. Calcio Ruda 3-4 

 Si gioca la gara tra Millennium e Am. Calcio Ruda, valida per il gruppo B di seconda categoria. La sfida vede i padroni di casa in vantaggio per 2-1 quando l’arbitro concede, tra le proteste locali, un calcio di rigore al Ruda. L’occasione per portarsi sul pareggio è ghiotta ma Kristian Pilon, interpellato dall’arbitro su sollecitazione dei giocatori di casa, ammette di non avere subito il fallo. Il direttore di gara cambia la sua decisione, gli animi si rasserenano, e la partita si riapre. Complimenti all’arbitro, per avere cambiato decisione, ma soprattutto a Pilon che con un gesto virtuoso ha dimostrato come i valori dello sport possano emergere anche nei momenti critici di una gara.

************************************************************************************

 Campionato Friuli Collinare calcio a 11

Moby Dick Rojalese e Turkey Pub Cividale 0 – 2

 Si gioca la gara di recupero tra Moby Dick Rojalese e Turkey Pub. Il punteggio era sullo 0-1 e  Matteo Messere del Turkey Pub viene atterrato. Il direttore di gara assegna il penalty alla squadra ospite che, con l’eventuale realizzazione, avrebbe potuto chiudere definitivamente l’incontro. Messere però comunica all’arbitro che il fallo è avvenuto fuori dall’area di rigore. Il direttore di gara cambia la sua decisione tra gli applausi convinti degli avversari.

 ********************************************************************************** 

Campionato Friuli Collinare c11

Gara di Eccellenza tra AC Gunners 95– Ziracco Calcio 1 – 1

 E’ un derby. Il punteggio è ancorato sul 1-1. Al 10 ° della ripresa c’è un rilancio dello Ziracco. Il pallone arriva all’ultimo difensore dei Gunners Andrea Deganutto che difende palla ma s’infortuna (stiramento). A questo punto non riesce più a difendere il pallone dal pressing portatogli da Carlo Bonafin il quale ruba palla e s’invola indisturbato verso il portiere locale. L’attaccante, che in un primo momento non si è accorto dell’infortunio del difensore, capisce la difficoltà dell’avversario e appena entrato in area si ferma e calcia volutamente a lato.

 ************************************************************************************

 Campionato “Giancarlo Geretti” over 40

Bar Gardel Artegna – La Rosa  2 – 1 

 Al 15° del primo tempo, Roberto Spanghero segna un gol viziato da un netto controllo della mano. L’episodio sfugge all’arbitro. Ma con grande lealtà il giocatore della Rosa, ammette l’accaduto e fa cambiare la decisione dell’arbitro.

 ************************************************************************************

 Campionato “Giancarlo Geretti” Over 40

Evraz Palini Bertoli – Il Canarino  0 – 3    (2°  giornata – prima fase)

 Ancora un bel gesto di grande lealtà sportiva. Questa volta nel campionato Geretti over 40. La gara è Evraz Palini Bertoli vs Canarino. La gara vede i locali sciupare, per imprecisione, nitide occasioni di fronte al portiere ospite. Il Canarino gioca bene di rimessa e al primo affondo passa con un incornata precisa di Lozito. L’Evraz gioca a un campo ma è ancora il team ospite a passare su punizione di Marchetti. Due minuti dopo l’episodio che potrebbe riaprire il match: Iacuzzo va sulla linea di fondo e crossa per l’accorrente Roberto Bissacco, lesto a insaccare. L’arbitro convalida la rete. E qui esce l’educazione sportiva e il fair play di Bissacco che chiama il direttore di gara e lo informa che, quando è stato fatto il cross dal suo compagno di squadra, la palla era completamente fuori. L’arbitro accetta la sua dichiarazione e annulla il gol tra i complimenti dei giocatori ospiti. Bravo.

************************************************************************************ 

Campionato amatori calcio a 5

DLF Energia e Natura – Amatori Forever 5 – 3 (1° giornata)

 E’ il 13° della prima frazione (punteggio 2-0) quando il portiere del DLF, Vito Barbera, blocca un tiro avversario con una parata a terra. L’arbitro impallato dallo stesso portiere, caduto con la palla verso la riga e la schiena verso il campo, non riesce a valutare esattamente se la palla ha varcato la linea. Si avvicina all’estremo difensore e gli chiede se la palla ha effettivamente superato la linea di porta. Il portiere, con grande sportività e fair play, conferma e la rete viene convalidata tra i complimenti di avversari e compagni di squadra. 

 *************************************************************************************

Coppa amatori c5

Bild – Rosanna e Maurizio  3 – 6  

 Viene assegnato un rigore alla squadra ospite del Rosanna e Maurizio. Il giocatore Cristian Bianchin ammette di non aver subito fallo, dichiarazione che induce l’arbitro a cambiare la sua decisione.  Ammirevole

 ************************************************************************************

 Campionato carnico amatori

Gara tra Socchieve eAtletico Bancone 4-3

Roberto Polonia  (Am. Socchieve)

 Siamo sul 3 a 3. Atletico Bancone è in difesa. La palla è rincorsa  da Fabrizio Michelotti,  in vantaggio rispetto agli altri. Il difensore si strappa  prima di raggiungere una palla che giunge a Claudio Polonia che, solo,  potrebbe concludere a rete. Polonia però si accorge che l’avversario è dolorante a terra e calcia la palla in fallo laterale.  

 ***********************************************************************************

Premio “Amatori si diventa –

Fair play come stile di vita ”

 Campionato Friuli Collinare c5

Atletico de Eccher – Gnau Sport  3-1

 La squadra ospite dello Gnau Sport, dopo che le era stata assegnata una rete dall’arbitro, ha segnalato allo stesso che la palla non aveva completamente superato la linea di porta entrando in rete. L’arbitro ha cambiato la sua decisione ed ha fatto riprendere il gioco con una rimessa del portiere.

 ************************************************************************************

Campionato Friuli Collinare c5

Gara 3° categoria tra Futsal Club 50 – Real Madracs  6 – 4

 A due minuti dalla fine il portiere del Futsal, Gottardo, ha un malore. La squadra del Real Madracs, su invito del capitano Marco Pontoni, nonostante il Futsal fosse in vantaggio e senza portiere (portato in pronto soccorso) chiede all`arbitro di finire la partita in anticipo. Al rifiuto del direttore di gara il Real Madracs, nonostante fosse sotto di due reti, rinuncia a giocare facendo trascorrere il tempo fino al triplice fischio.

 ***************************************************************

 Friuli Collinare c11 – 3a Categoria

Enoteca Sandi – Paura&Delirio a Collosomano 3 -2

Gli ospiti sono in vantaggio di una rete. Poco dopo trovano il raddoppio ma nell’azione che porta al secondo gol, non si accorgono che a terra c’è un giocatore dell’Enoteca Sandi. Nemmeno l’arbitro, impegnato a seguire l’evolversi dell’azione, si accorge e convalida la rete. Gli ospiti, a gol realizzato, sentono le lamentele avversarie e si rendono conto dell’accaduto. Decidono così di lasciare palla all’attaccante del team locale, che indisturbato, realizza la rete del 1-2. Un grandissimo gesto di correttezza sportiva, difficilmente visibile sui campi. Complimenti alla squadra dal nome lunghissimo dove alberga un etica sportiva di elevatissimo spessore.

 ************************************************************************************

Premio Etica dello Sport

                                               La Tavernetta Remanzacco

Campionato Geretti Over 40

VG San Daniele – La Tavernetta

 Si gioca la semifinale d’andata del campionato tra VG San Daniele e La Tavernetta Remanzacco. Durante la gara, causa un problema tecnico, si spegne l’impianto di illuminazione. La partita è sospesa. A termini di regolamento, se la squadra ospitata non accettasse la ripetizione, ci sarebbe la perdita della gara per il team ospitante. La Tavernetta, che con la vittoria a tavolino avrebbe potuto ipotecare la finale, accetta di rigiocarla. Complimenti al team di Remanzacco che con questo gesto ha dato una grande dimostrazione di quali siano i veri valori dello sport.

***********************************************************************************

Premi Fair play e Sport per Tutti

 Questi premi sono riservati alle Associazioni che hanno sempre rispettato i princìpi del calcio amatoriale, contribuendo anche al miglioramento del nostro movimento 

 Premio Fair Play:  Virtus Udine 93

Premio Sport Per Tutti:    Effe 84 Friulclean   

                                                                                              Paolo Comini

                                                        Pubblicato anche su Tremila sport del 24/09/2010

Tremila Sport

Dal 2007 TremilaSport è uno dei punti di riferimento dell`informazione sportiva regionale. Prossimamente, è intenzione del settimanale, al fine di darci maggiore visibilità, intensificare la collaborazione con le squadre iscritte alla Lega Calcio Friuli Collinare. Anche per questo vorrebbe offrire a tutte le Associazioni la possibilità di vedere realizzato e pubblicato, in formato 1/2 pagina e a colori, il proprio poster. Un servizio che potrà dare maggior risalto ai protagonisti del torneo. Per maggiori informazioni invita le Associazioni interessate a chiamare la redazione allo 0432 3330893, oppure a inviare i recapiti telefonici dove volete essere contattati, via mail, ad [email protected]