Sago: risate contro la iella

Sago: risate contro la iella

A Osoppo si tiene il primo Sunsplash: tra le altre iniziative era previsto un torneo di calcio a 5. In quella circostanza, un gruppo di amici udinesi, avevano aderito per la prima volta ad un torneo. Ma non solo. Per l’occasione era stata appositamente creata anche una muta ad hoc. Ma quel torneo non fu fatto. E quel manipolo di ragazzi si trovò a piedi. Ma l’occasione non li demoralizzò. Anzi. Da quel momento capirono che volevano continuare a giocare. Seguirono una nutrita serie di amichevoli, alcune delle quali oltre confine, un torneo vinto e buone prestazioni: furono la spinta per creare ufficialmente il FC Sago. Attualmente la compagine giallo verde rosso,  milita nella prima categoria del Friuli Collinare c5 ma, come afferma Roberto Focardi, uno dei bomber della squadra, “costretto” a guidare dalla panchina il team udinese dopo essersi, nella prima gara di campionato, rotto i legamenti, probabilmente è solo di passaggio in questa categoria.>>Il ripescaggio ci ha proiettati in una dimensione che non ci appartiene e la classifica attuale lo dimostra; questo non è un problema, a noi ha sempre interessato privilegiare l’aspetto ludico e goliardico dello sport. E poi, visto che non siamo forti, puntiamo ad essere esteticamente belli (divise, felpe e vestiario in genere). E’ un modo per distinguerci. A parte gli scherzi devo dire – continua Focardi – che la stagione, da un punto di vista sportivo, non è iniziata benissimo. Assieme a me si è anche infortunata l’altra punta, Alessio Qualizza. Quindi ora proviamo a fare di necessità virtù in una squadra in cui Massimo Galluzzo, notoriamente un difensore, considerato la sua ecletticità, viene schierato in avanti. Nel team, ricco di personaggi dalle mille sfaccettature, spicca Nicola Angeli, non solo per le sue capacità pedatorie, ma anche perché ha più “nervo” di tutti. Quando gioca è sempre teso, quasi irascibile come Braccio di Ferro. Come non dimenticare poi il presidente/giocatore Giorgio Panizzo, abile a gestire le nostre esigenze anche grazie alla sua”arroganza” e il nostro portiere e…sponsor Massimo Ciccotti.>>  Chi dice che i risultati sono tutto faccia una capatina dalle parti del Sago:è facile che cambi idea. E che si diverta un sacco.

                                                                                                                                        Paolo Comini

Pubblicato anche su Tremila Sport del 21/01/2011

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

We have placed cookies on your computer to help make this website better. Read the cookies policy
yes, I accept the cookies