Cicciolotti, il sogno diventa realtà. Il tricolore è vostro. Complimenti!

IMG-20150914-WA0002Ancora un successo storico per il calcio amatoriale friulano ai campionati nazionali CSEN con i Cicciolotti di Udine che conquistano il tricolore, nella categoria “amatori” calcio a 5. La manifestazione, tenutasi presso il bellissimo impianto sportivo “Romagna Centro” di Martorano (Cesena) dal 09 al 13 settembre, ha visto scendere in campo 12 squadre in rappresentanza di 6 regioni. A difendere i colori regionali due squadre di calcio a 5, i vicecampioni del Manzignel ed i Cicciolotti , tutte formazioni che avevano acquisito il diritto a partecipare alla kermesse nazionale dopo aver vinto dei titoli nei campionati della Lega Calcio Friuli Collinare.
IMG-20150914-WA0007
E’ stato un vero exploit per i Cicciolotti che pur perdendo alcune sfide, hanno saputo recuperare subito forze fisiche e mentali, trovando un successo maturato dopo bellissime partite giocate tutte fino all’ultimo respiro. Ottimo anche il torneo per il Manzignel, rimasto in corsa fino all’ultimo ma che, nella partita con il Castelfidardo Ancona che valeva l’accesso alla semifinale, non ha concretizzato la mole di gioco proposta.

Comunque un plauso ad entrambe le compagini, dimostratesi competitive anche sotto l’aspetto della correttezza e lealtà sportiva.

Over 50, ecco la loro manifestazione.

La Lega Calcio Friuli Collinare,, informa che nella stagione 20152016, proporrà una manifestazione di calcio a 11 dedicata agli  over 50 che potrebbe essere giocata in concomitanza con il campionato “Giancarlo Geretti” over 40. Questa proposta nasce su  richiesta di molte squadre del campionato over 40, che, avendo giocatori con più di 50 anni, vorrebbero offrire a questi ultimi la possibilità di giocare in un torneo meno competitivo e più conforme alle loro motivazioni e capacità motorie.
Per ragioni di tutela sanitaria, è necessario che i giocatori siano tesserati con un’associazione. Qualora però un’associazione non abbia un numero sufficiente di giocatori per disputare il torneo, potrà costituire assieme a un’altra o più associazioni una squadra, che potrà prendere il nome delle due o più associazioni o uno di fantasia. La squadra così costituita dovrà far riferimento però a una sola delle associazioni e il presidente dell’associazione di riferimento sarà responsabile della conservazione dei certificati medici di tutti i giocatori della squadra così costituita.

 

Ai fini del mantenimento dei gruppi esistenti, ma anche per favorire la nascita di questa manifestazione, potranno essere iscritti 8 fuori quota (dai 45 ai 50 anni) ma in lista gara sarà obbligatorio schierarne solo due.

 

La manifestazione potrebbe essere distribuita in due fasi: autunnale (ottobre e novembre) e  primaverile (aprile/maggio).
Se qualche squadra vuole avere informazioni,  se qualcuno che non fa parte di gruppi esistenti è interessato a partecipare alla manifestazione, ci invii una email a [email protected] con oggetto “torneo over 50”. Le squadre saranno contattate per ulteriori delucidazioni, mentre agli atleti singoli che vorrebbero partecipare a questa manifestazione si chiede di  indicare nome, cognome, numero telefonico e zona di residenza. Tutti i nominatavi saranno poi segnalati, in base alla zona di residenza, ai responsabili delle squadre over 50 più vicine.

Bild, l’Irriducibile voglia di vincere.

Bild - titolo negli irriducibili 2014 2015

Finale Irriducibili C5
Giocata il   31/05/2015 a Mereto di Tomba
Bild – ASD Prost 4 – 3
Bild: Cocetta, Bello, Domini, Migliani, Braida, Peressini, Coradazzi
ASD Prost: Calligaro, Nurra, Rosafio, Viola, Bertoni, Lorenzoni, Somaglino, Scotto, Tosolini, Romanello, Miani, Mesaglio. Dir: Cencig
Arbitri: Agostino Palumbo e Fabrizio Vidal
Marcatori: Nel Pt al 2° Scotto, al 18° Bello, al 25° Coradazzi. Nel St al 5° Lorenzoni, al 8° Domini, al 11° Lorenzoni, al 23° Coradazzi

La Bild conferma la sua straordinaria condizione di forma e si aggiudica, per la prima volta, il trofeo dedicato agli Irriducibili. Capitan Domini e soci, nella terza fase non hanno mai perso e vogliono dimostrare, anche alla PROST, il loro valore. Sull’altro fronte il team di Cencig, alla seconda finale consecutiva, vorrebbe bloccargli la strada per centrare un traguardo che darebbe prestigio alla stagione. La sfida inizia con la PROST che prova a fare gioco trovando sempre però una BILD che risponde con intensità e compattezza. Il primo tempo si chiude con la Bild in vantaggio (2-1). Nella ripresa la Prost prova a invertire la tendenza cercando, attraverso il gioco, di trovare l’allungo decisivo. La Bild però ribatte colpo su colpo, fa leva sull’estro dei suoi uomini, ringrazia Cocetta per qualche intervento decisivo, e prova a dare mandato agli attaccanti di aprire la difesa ospite. La partita, a tratti spigolosa, è giocata sul filo dell’equilibrio, rotto al 23° dal gol pesantissimo di Coradazzi: lasciato colpevolmente solo riesce a trovare una perentoria conclusione che vale alle camisete bianche il loro primo titolo.

Fiocco Boys, la Coppa è tua!

Fiocco Boys - re della Coppa Amatori 14 15Finale Coppa amatori C5

Giocata il   31/05/2015 a Mereto di Tomba
Julia ASD – Fiocco Boys 3 – 5
Julia ASD: Flaibani, Foschiani, Merlino, Mesaglio, Polverino, Dario Pozzebon, Rodaro, Valente, Diego Pozzobon. Dir: Loglio
Fiocco Boys: Entesano, Basile Colosetti, Gigante, Malisan, Marchi, Pallamin, Vrech, Zanello. Dir: Degano
Arbitri: Dino Cadamuro e Raffaele Liguori
Marcatori: Nel Pt al 5° Malisan, al 6° Valente, al 9° Diego Pozzobon, al 15° Rodaro, al 16° Basile, al 18° Malisan. Nella ripresa, al 7° , al 24° Zanello

Sono i Fiocco Boys i re di Coppa. Alzano il trofeo dopo aver superato una Julia capace di andare sul sul 3-1 ma anche di perdere in freschezza e lucidità fino a disunirsi e lasciare spazio alla rimonta dei ragazzi di Morsano. Il team di capitan Zanello, non ha mai mollato riuscendo grazie alla forza e determinazione di tutto il collettivo, a portare a casa l’ambito trofeo. Non è stata però una gara spettacolare. Molto tatticismo, molta fisicità, poche le azioni corali, troppi lanci dal portiere verso l’attaccante di riferimento. Nella ripresa la svolta. La Julia commette un errore: al rientro dal time out, invece di far entrare tutto il quintetto, per qualche secondo, entra in campo solo con 4 uomini. I Fiocco Boys, proprio in quel frangente, riescono a trovare un vantaggio (4-3) che da morale ed energia. La Julia si sbilancia, cerca il pareggio con qualche bella azione personale di Rodaro e D.Pozzobon, ma il muro difensivo morsanese regge. La partita rimane frenetica, qualche fallo di troppo non viene fischiato. Ma i Fiocco hanno in serbo ancora una carta, capitan Zanello. E lui, al 24°, a chiuderla con un gol bellissimo di rara fattura tecnica: un pallonetto, al volo, che supera l’estremo difensore udinese. Per il team di Morsano il coronamento di una stagione indimenticabile, per la Julia la consapevolezza di avere una buona squadra a cui però manca ancora esperienza.

Cicciolotti per la terza volta campioni

Cicciolotti 2014 2015

 

Finale Campionato amatori C5

Giocata il   31/05/2015 a Mereto di Tomba

Cicciolotti – STU Fagagna c5   5 – 2

Cicciolotti: Missio, Matteo Bianchin, Massimo Bonino, Cecconi, Cestari, Di Benedetto, Di Gaspero, Pinosio, Pitassi, Sullo, Venier, Zamparo. Dir: Stefano Bonino, Andrea Bianchin, Rigonat.

STU Fagagna c5: Stella, Cecone, Greatti, Iriti, Nobile, Tomasino. Dir: Dreossi, Rescazzi, Caravello

Arbitri: Pasquale Lombardi e Maurizio Pozza

Marcatori: Nel Pt al 24° Tomasino. Nella ripresa al 10° Pitassi, al 15° Cecone, al 18° Cecconi, al 21° e al 24° Massimo Bonino, al 25° Matteo Bianchin

Note: ammoniti Cecconi e Pitassi per Cicciolotti, Iriti per STU Fagagna

 

Mereto di Tomba: I Cicciolotti si laureano campioni nel campionato amatori calcio a 5 e conquistano il loro terzo titolo. Non è una partita facile per gli uomini di mister Stefano Bonino che trovano nello STU Fagagna un avversario pericoloso nelle ripartenze e parco a concedere spazi. L’avvio è con due squadre molto attente che tendono a non scoprirsi e, laddove le maglie difensive si allargano, ecco che gli interventi di Stella e Missio, a blindare il punteggio. Solo al 24° del primo tempo, da uno schema su punizione, si apre la partita. Nobile è atterrato al limite, batte capitan Iriti che finta il tiro e passa a Tomasino abile, da posizione defilata, a gonfiare il sacco. Nella ripresa i Cicciolotti fanno salire il ritmo e al 10° pareggiano: Massimo Bonino pesca con un lancio millimetrico Pitassi che, in corsa, incrocia il tiro e pareggia. La sfida è avvincente, i Cicciolotti provano a inventare ma è lo Stu Fagagna a essere pericolosissimo di rimessa tanto da trovare il vantaggio con Ceccone. Ma il team di capitan Zamparo non ci sta e perviene al pareggio con una bella azione in velocità capitalizzata da Cecconi. La sfida continua a regalare parecchie emozioni, continui cambi di fronte rendono avvincente un tenzone, dove le strepitose parate dei due portieri, fanno pensare ai supplementari. Ma non è così. Un errore difensivo dei fagagnesi, con palla persa in uscita dall’area, a 4 dalla fine, costa caro. Massimo Bonino, fino a quel momento ben marcato da Greatti, gli ruba palla e sigla il 3-2. A questo punto il Fagagna si getta a capofitto ma viene ancora freddata: prima da un gol capolavoro di Massimo Bonino e poi dal diagonale di Matteo Bianchin.   

Pizz. Da Pippo Uno re di Coppa

 

download

Il giorno 30 maggio alla fine della stagione calcistica 2014/2015 si sono trovate le compagini della “Pizzeria da Pippo Uno” e della “Amasanda 86” sul campo del bell’impianto sportivo di piazzale Lancieri d’Aosta a Cervignano del Friuli per disputare la finale del trofeo “Coppa Over 40 – Geretti” della Lega Calcio Friuli Collinare. Incontro seguito da un discreto numero di tifosi e al quale hanno assistito alcuni dirigenti della LCFC, fra i quali il presidente Corrado Lunetta. Incontro diretto dal bravo arbitro Alessandro Radivo e coadiuvato da una coppia di guardalinee di tutto rispetto e che nel loro curriculum possono vantare di aver calcato terreni della serie A uno, mentre l’altro si è fermato nelle serie appena inferiori: i signori Dino Lodolo e Franco Conzutti. La gara ha visto subito la squadra della Pizzeria da Pippo Uno, in maglia bianca, iniziare con un piglio più determinato proponendo due azioni consecutive ficcanti sulle fasce, mancando però la concretizzazione in rete. Al 6’ c’è la reazione dei blu di San Daniele con un calcio di punizione dal limite, la ribattuta del quale termina sui piedi di un attaccante che però spara al volo lontano dai legni che formano la porta. Riprende subito il possesso del gioco la squadra della Pizzeria che al 7’ con un tiro da fuori area di Licio Cortalezzis costringe il portiere Werner Tomasin ad una spettacolare parata con deviazione in calcio d’angolo. Sugli sviluppi di questo c’è una rocambolesca serie di rimpalli, uno dei quali colpisce la traversa prima che il capocannoniere Renato Spaccaterra trovi il pertugio giusto per infilare in rete facendo passare la palla attraverso una selva di gambe. Vantaggio quindi dei “pizzaioli” legittimato anche dalle azioni seguenti con consecutivi tentativi da fuori del numero 5 Fausto Pez all’11’ e di Alessandro Menon al 22’. Bel tentativo di rovesciata aerea al 23’ dal centro dell’area da parte del realizzatore della rete Calcaterra che però non prende il pallone! Due minuti dopo la compagine dell’Amasanda riesce ad uscire dal proprio fortino con una bella azione corale che mette i brividi alla difesa di capitan Andrea Paoloni ma che non si concretizza. Riprende il forcing dei “blancos” con ripetute azioni alternate a destra e a sinistra che portano al raddoppio prima del riposo con un gol del numero 6 classe 1960 Roberto Modonutti che insacca su un generoso passaggio indietro di un compagno di squadra che invece di tentare il gol personale preferisce offrire l’assist al compagno meglio piazzato all’altezza del dischetto del rigore. Altruista. La ripresa è caratterizzata dall’allungamento delle squadre, permettendo così maggiori spazi ma anche meno raccordo fra i vari reparti. I giocatori dell’Amasanda 86 sembrano essere rientrati con una maggior determinazione. Fatto che abbinato ad un apparente appagamento degli avversari caratterizza una ripresa più equilibrata. Anzi, il pallino del gioco ora è nelle mani dei “blues” che cercano di riaprire l’incontro già al 3’ minuto con una bella e ficcante azione, fermata però dai difensori avversari. Nel momento di maggior sforzo di chi deve recuperare però al 7’ si scatena il contropiede di chi è già in vantaggio e con una azione personale di Renato Spaccaterra segna il terzo gol con un tiro di precisione che prima di finire in rete colpisce la parte inteIl giorno 30 maggio alla fine della stagione calcistica 2014/2015 si sono trovate le compagini della “Pizzeria da Pippo Uno” e della “Amasanda 86” sul campo del bell’impianto sportivo di piazzale Lancieri d’Aosta a Cervignano del Friuli per disputare la finale del trofeo “Coppa Over 40 – Geretti” della Lega Calcio Friuli Collinare. Incontro seguito da un discreto numero di tifosi e al quale hanno assistito alcuni dirigenti della LCFC, fra i quali il presidente Corrado Lunetta. Incontro diretto dal bravo arbitro Alessandro Radivo e coadiuvato da una coppia di guardalinee di tutto rispetto e che nel loro curriculum possono vantare di aver calcato terreni della serie A uno, mentre l’altro si è fermato nelle serie appena inferiori: i signori Dino Lodolo e Franco Conzutti. La gara ha visto subito la squadra della Pizzeria da Pippo Uno, in maglia bianca, iniziare con un piglio più determinato proponendo due azioni consecutive ficcanti sulle fasce, mancando però la concretizzazione in rete. Al 6’ c’è la reazione dei blu di San Daniele con un calcio di punizione dal limite, la ribattuta del quale termina sui piedi di un attaccante che però spara al volo lontano dai legni che formano la porta. Riprende subito il possesso del gioco la squadra della Pizzeria che al 7’ con un tiro da fuori area di Licio Cortalezzis costringe il portiere Werner Tomasin ad una spettacolare parata con deviazione in calcio d’angolo. Sugli sviluppi di questo c’è una rocambolesca serie di rimpalli, uno dei quali colpisce la traversa prima che il capocannoniere Renato Spaccaterra trovi il pertugio giusto per infilare in rete facendo passare la palla attraverso una selva di gambe. Vantaggio quindi dei “pizzaioli” legittimato anche dalle azioni seguenti con consecutivi tentativi da fuori del numero 5 Fausto Pez all’11’ e di Alessandro Menon al 22’. Bel tentativo di rovesciata aerea al 23’ dal centro dell’area da parte del realizzatore della rete Calcaterra che però non prende il pallone! Due minuti dopo la compagine dell’Amasanda riesce ad uscire dal proprio fortino con una bella azione corale che mette i brividi alla difesa di capitan Andrea Paoloni ma che non si concretizza. Riprende il forcing dei “blancos” con ripetute azioni alternate a destra e a sinistra che portano al raddoppio prima del riposo con un gol del numero 6 classe 1960 Roberto Modonutti che insacca su un generoso passaggio indietro di un compagno di squadra che invece di tentare il gol personale preferisce offrire l’assist al compagno meglio piazzato all’altezza del dischetto del rigore. Altruista. La ripresa è caratterizzata dall’allungamento delle squadre, permettendo così maggiori spazi ma anche meno raccordo fra i vari reparti. I giocatori dell’Amasanda 86 sembrano essere rientrati con una maggior determinazione. Fatto che abbinato ad un apparente appagamento degli avversari caratterizza una ripresa più equilibrata. Anzi, il pallino del gioco ora è nelle mani dei “blues” che cercano di riaprire l’incontro già al 3’ minuto con una bella e ficcante azione, fermata però dai difensori avversari. Nel momento di maggior sforzo di chi deve recuperare però al 7’ si scatena il contropiede di chi è già in vantaggio e con una azione personale di Renato Spaccaterra segna il terzo gol con un tiro di precisione che prima di finire in rete colpisce la parte interna del palo alla sinistra dell’incolpevole Werner Tomasin. Il gol subito e lo sforzo profuso fino a quel momento da parte dell’”Amasanda 86” aggiunto ad una gestione del risultato della “Pizzeria da Pippo Uno”, fa trascorrere i minuti senza altre emozioni se non il bel gol della bandiera dei sandanielesi al 13’ realizzato dal numero 14 Antonio Anzilutti. Dopo 5 minuti di recupero il signor Alessandro Radivo con il triplice fischio sancisce la fine della gara: la Pizzeria da Pippo Uno ha vinto la Coppa Over 40 – Geretti 2015. I complimenti vanno a tutti indistintamente, vinti e vincitori, per lo spirito e la voglia comunque di giocare a quello che dicono essere lo sport più bello del mondo! Claudio Gigante rna del palo alla sinistra dell’incolpevole Werner Tomasin. Il gol subito e lo sforzo profuso fino a quel momento da parte dell’”Amasanda 86” aggiunto ad una gestione del risultato della “Pizzeria da Pippo Uno”, fa trascorrere i minuti senza altre emozioni se non il bel gol della bandiera dei sandanielesi al 13’ realizzato dal numero 14 Antonio Anzilutti. Dopo 5 minuti di recupero il signor Alessandro Radivo con il triplice fischio sancisce la fine della gara: la Pizzeria da Pippo Uno ha vinto la Coppa Over 40 – Geretti 2015. I complimenti vanno a tutti indistintamente, vinti e vincitori, per lo spirito e la voglia comunque di giocare a quello che dicono essere lo sport più bello del mondo!

Claudio Gigante

Mal di schiena? Ecco l’appuntamento che fa per te!

KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA

La Lega Calcio Friuli Collinare propone 4 incontri di carattere medico sportivo. Tali incontri, dalla durata di circa 90 minuti, tratteranno tematiche utili e adatte a tutti gli sportivi, e si terranno nella saletta CSEN di via Valdagno 35 a Udine. I corsi sono aperti non solo ai soci LCFC, che acquisiranno ad ogni partecipazione dei crediti formativi, ma a tutti i tesserati delle associazioni sportive dello CSEN. Ricordiamo che l’appuntamento per il 04/12 (20.00 -21.30 ) è con il dott. Poser e tratterà il tema “Mal di schiena nello sportivo, come prevenirlo e curarlo”.

Si ricorda che la partecipazione è GRATUITA. Per aderire, i soci della LCFC devono prenotarsi attraverso l’accesso alla loro area squadra, mentre i tesserati delle associazioni sportive affiliate CSEN devono aderire, entro 72 ore prima dell’inizio del corso, iscrivendosi esclusivamente all’indirizzo http://www.lcfc.it/ e cliccare sull’icona gialla CORSI. Qualora non venga raggiunto il numero minimo degli iscritti (15), o se il corso debba essere spostato di data o sede, sarà inviato sms di info al numero cellulare segnalato sulla scheda d’iscrizione.

Csen: a Monfalcone incontro sulla corretta gestione amministrativa delle ASD e SSD

CSEN

Nell’ambito delle iniziative a sostegno delle Associazioni e Società Sportive Dilettantistiche presenti sul territorio, il Centro Sportivo Educativo Nazionale “CSEN”, in collaborazione con lo Studio Leonardo Ambrosi & Partners e la S.S.D. General Sport Service e con il Patrocinio della Provincia di Gorizia e del
Nucleo Regionale Friuli Venezia Giulia Associazione Nazionale Carabinieri, organizza un Convegno rivolto ai Dirigenti e Operatori di Associazioni e Società Sportive Dilettantistiche.
Il motivo che ci ha spinto ad organizzare questo incontro, nasce dalla constatazione che negli ultimi anni si sono succeduti un gran numero di accertamenti fiscali per la prevenzione e il contrasto all’evasione che troppo spesso hanno chiamato in causa le associazioni sportive dilettantistiche con pesanti conseguenze
sotto il profilo fiscale.
Lo Studio Leonardo Ambrosi & Partners è specializzato nella consulenza ad Associazioni Sportive ed Enti no profit. Lo Studio è formato da Professionisti che possono vantare un’esperienza quindicinale nel mondo dell’associazionismo sportivo dilettantistico e del no profit.

IL CONVEGNO SI SVOLGERA’ NELLA GIORNATA DI SABATO 22 NOVEMBRE 2014 presso la SALA CONGRESSI DI MARINA LEPANTO sita in Via Consiglio d’Europa n. 38, Monfalcone (GO).

Nel corso della giornata verranno approfonditi i seguenti temi di discussione:
– Le verifiche fiscali e le diverse tipologie di contestazione con particolare riferimento al disconoscimento della qualifica di ente associativo
– La responsabilità del legale rappresentante negli enti non riconosciuti, le fattispecie di reato e il termine per gli accertamenti
– Le buone pratiche per la corretta gestione amministrativa e fiscale di un’associazione
– I vantaggi delle società sportive dilettantistiche rispetto alle associazioni sportive dilettantistiche
– Decreto legislativo 81/08 e BLSD: sicurezza e primo soccorso nelle associazioni sportive dilettantistiche

Il programma della giornata sarà il seguente:
Ore 10.00: relazione introduttiva e saluto degli organizzatori
Ore 10.15: intervento Dott. Leonardo Ambrosi, Tributarista – Esperto Terzo Settore
Ore 13.00: questions time, spazio dedicato alle domande/dubbi
Ore 13.30: pausa pranzo
Ore 14.30: intervento Dott. Maurizio Giuncaioli, Direttore Tecnico della SIS NORD
Ore 15.30: questions time, spazio dedicato alle domande/dubbi – termine incontro
L’incontro è aperto a tutte le associazioni e società sportive dilettantistiche, compresi i sodalizi non affiliati al Centro Sportivo Educativo Nazionale “CSEN”.
Sarà possibile pranzare c/o il Ristorante di Marina Lepanto al prezzo di 12 euro.
Al termine del Convegno, verrà consegnato gratuitamente a ciascun rappresentante del sodalizio partecipante, un cd con la presentazione degli argomenti trattati nel corso della giornata.

L’INCONTRO E’ APERTO A TUTTE LE ASSOCIAZIONI E SOCIETA’ SPORTIVE DILETTANTISTICHE CON INGRESSO LIBERO

Conoscere per prevenire: al via gli incontri medici targati LCFC

La Lega Calcio Friuli Collinare propone 4 incontri di carattere medico sportivo. Gli appuntamenti, dalla durata di circa 90 minuti, tratteranno tematiche utili ed adatte a tutti gli sportivi e si terranno nella saletta CSEN di via Valdagno 35 a Udine. I corsi sono aperti non solo ai soci LCFC, che acquisiranno ad ogni partecipazione dei crediti formativi, ma a tutti i tesserati delle associazioni sportive dello CSEN.

Per i corsi, gratuiti, è necessario raggiungere il numero minimo di 15 iscritti. Per partecipare, i soci della LCFC devono prenotarsi attraverso l’accesso alla loro area squadra, mentre i tesserati delle associazioni sportive affiliate CSEN devono aderire, entro 72 ore prima dell’inizio del corso, iscrivendosi esclusivamente all’indirizzo http://www.lcfc.it  Qualora non venga raggiunto il numero minimo degli iscritti, o se il corso debba essere spostato di data o sede, sarà inviato sms di info al numero cellulare segnalato sulla scheda d’iscrizione.

Nazionali CSEN, calcio a 5: Il titolo va a Varese, Manzignel vice campione di categoria

Cervia. Gli stimoli ci sono, la voglia di stupire anche. Il Manzignel lotta, prova a rispondere colpo su colpo,  cerca di trovare il bandolo della matassa senza riuscire però a scalfire una retroguardia varesina che, sul piano fisico e sulla facilità di impostazione, fa la differenza. D’altro canto gli avversari, il Ronchi 2000,  presenta tutti giocatori che hanno giocato nel calcio a 5 (Serie C) della FIGC e quindi, oltre ad una ottima tecnica di base, conoscono i movimenti a memoria e sanno quando far girare palla ed affondare i colpi.  Ma la sconfitta non demoralizza la compagine friulana che sa di aver ottenuto un grande risultato e di aver offerto, per tutta la manifestazione, un ottimo gioco d’insieme. << Siamo contenti per il nostro cammino – racconta Luca Corgnali – consapevoli di aver dato tutto. Gli avversari di questa finale erano sicuramente più forti ma il nostro gruppo è comunque felice di aver vissuto questa bella esperienza a livello nazionale>>,. Complimenti!

Finale 1/2 posto

AIAC RONCHI 2000 Varese  vs  Manzignel Udine    6 – 2   (reti friulane di Zompicchiatti e Passoni)

Ecco i vicecampioni:

Manuel Bibalo, Luca Corgnali, Ivan Costantini, Andrea Della Rovere, Francesco Disnan, Armando Misano, Edi Paravano, Marco Passoni, Francesco Pizzutti, Denis Zamaro, Paolo Zamaro, Daniele Zompicchiatti

Nazionali CSEN: Manzignel in finale

Fatica più del previsto il Manzignel ma riesce nell’impresa di centrare la finale nazionale di calcio a 5. Dopo che la doppietta di Zompicchiatti aveva regalato il pareggio nella semifinale con i fiorentini del Back in Black, sono stati i rigori a lanciare Corgnali e soci verso il sogno tricolore.  E domani, domenica 14/09, la sfida decisiva per il titolo: avversario un AIAC Ronchi 2000 (Varese) che non ha avuto particolari problemi, superando con disinvoltura la formazione di Aosta per 6-1.

 

Risultati:

AIAC Ronchi 2000 (Va)  vs  Istitute Agricole  (AO)     6 – 1

Manzignel Udine   vs  Back in Black (Fi)                      2 – 2  (4 -2 dcr)

Nazionali Csen: Ibligine e Thermokey abdicano in semifinale. Manzignel si gioca l’accesso all’epilogo

 

Logo-Lcfc-verdeoro

 

 

Nel calcio a 11 escono di scena le rappresentanti friulane che pagano più degli altri gli sforzi atletici cedendo, entrambe in semifinale, al cospetto di due pari categoria siciliane.

L’Ibligine inizia bene, si porta sul doppio vantaggio grazie al gol di Eugenio Valent e alla punizione di Radina, ma poi deve fare i conti con un  blackout che ha permesso alla Cartia Plant di Ragusa la rimonta.

Thermokey invece, che ha dominato in tutte le precedenti partite, è abbandonata da quella freschezza atletica che aveva manifestato nelle prime uscite e, a sorpresa, lascia strada all’Ottica Trovato. Il team di Teor potrebbe comunque lasciare il segno visto che, al momento, in testa alla classifica marcatori con 5 reti , c’è Giammetta.

 

Nel calcio a 5 Manzignel, ormai qualificata, fa turn over dando spazio e a chi ha giocato meno  e perde contro i fortissimi varesini del AIAC Ronchi, una delle candidate al titolo. Ora, alle 15.45, il team di Manzano è atteso in semifinale dai toscani del Back in Black, già affrontati e battuti nella gara d’esordio. Ma non sarà facile. La posta in palio e motivazioni sono diverse. In bocca al lupo.

 

Le gare disputate

Cartia Plant (RG)  vs  Ibligine                     3 – 2

Thermokey Rivarotta Vs Ottica Trovato   0 -2

Manzignel  vs  AIAC Ronchi (Va)                0 -5

 

 

 

Cervia: friulane tutte in semifinale

 

untitled

Il Manzignel vince di misura (3-2),  grazie alla doppietta di Zompicchiatti e al sigillo di Passoni, contro i marchigiani di Albanova e mette al sicuro il suo passaggio alla semifinale. Prima però dovrà affrontare, nella mattinata di oggi, l’ultimo e forse il più temibile ostacolo del girone, i varesini del AIAC Ronchi 2000.

 

Nel calcio a 11, ieri sera, l’IBligine ha sconfitto, grazie al sigillo di Claudio Concina, l’Ottica Trovato di Ragusa e il Thermokey ha superato i siciliani del Cartia Plant grazie allo scatenato Giammetta, autore dei 3 timbri che certificano la gara. Oggi le semifinali:

Thermokey vs Ottica Trovato

Ibligine vs Cartia Plant.

 

 

Nazionali CSEN: Manzignel ancora imbattuto, Thermokey scalda i motori

 

untitled

 

 

 

 

Dal 11 al 14 settembre Cervia è il teatro dei campionati di calcio nazionali dello C.S.E.N.

Tre le discipiline in competizione: calcio a 5, a 7 e a 11. A difendere i colori friulani l’Ibligine, il Thermokey Rivarotta, nel calcio a 11 e il Manzignel nel calcio a 5. La squadra carnica ha acquisito il diritto alla partecipazione grazie alla vittoria nel campionato carnico amatori del 2013, il Thermokey e il Manzignel per aver vinto i propri gironi d’Eccellenza rispettivamente nei campionati Friuli Collinare calcio a 11 e 5.

Una manifestazione che, nonostante veda la partecipazione di 22 squadre in rappresentanza di 9 regioni, sta cercando di costruirsi una sua identità attraverso il coinvolgimento di altre realtà territoriali. Infatti, il calcio CSEN è presente in quasi tutte le regioni italiane ma solo su poche ha una fisionomia organizzativa ben definita. Da qui le difficoltà a proporre iniziative comuni che per essere definite tali devono sposare un unico progetto. E il compito del nuovo Settore Calcio, consapevole delle diversità territoriali, è quello di costruire nel tempo una struttura che possa dare un’unica identità al movimento. Nel contempo si gioca. Ecco i primi risultati:

 

Calcio a 11

 

Ottica Trovato (Ragusa) – Thermokey Rivarotta       1- 1 (rete friulana di Modolo Perelli)

 

Cartia Plant (Ragusa) – Ibligine                               4-0

 

Ibligine – Thermokey Rivarotta                               1-3 (Schiratti per Ibligine; Giammetta(2) e G.Bozza per Thermokey)

 

 

 

Calcio a 5

 

Back in Black (Firenze) – Manzignel                          2-4 (tripletta di Passoni, Misano)

 

VT Osimo (Ancona) – Manzignel                              3-4 (Doppietta di Zompicchiatti, Zamaro e Passoni

 

Manzignel   – Istitute Agricole                                        2-2 (Zompicchiatti, Misano)

 

 

 

Comunicato stampa

untitledLa Lega Calcio Friuli Collinare e lo CSEN provinciale di Trieste annunciano che hanno trovato un protocollo d’intesa con il Gruppo Arbitri Venezia Giulia. Il patto prevede che l’attuale gruppo arbitrale triestino, pur mantenendo piena autonomia gestionale, passi sotto l’egida della L.C.F.C e ne segua gli indirizzi di filosofia sportiva. Una collaborazione che smaterializza i fantasmi di presunti campanilismi tra province  e che vuole essere un primo passo per la creazione di un progetto ambizioso a lungo termine. Confrontarsi con realtà nuove, scambiarsi le esperienze, cercare di trovare un’unica identità, è sicuramente un buon viatico  per una crescita culturale comune che, attraverso un percorso graduale, possa regalare a tutto il settore arbitrale, qualità e sempre maggiori competenze. Questa cooperazione tra il Gruppo arbitri Venezia Giulia, composto prevalentemente da ragazzi giovani che attualmente dirigono tornei di calcio a 7, e L.C.F.C, può aprire molteplici scenari: dall’offrire agli amanti del calcio amatoriale di poter valutare alternative a prezzi accessibili, al consentire la possibilità agli arbitri di dirigere anche fuori dai confini cittadini, e, in futuro,  al favorire la nascita di nuovi tornei/campionati di calcio a 5 e 11 a Trieste. La nuova sezione arbitrale, targata LCFC, avrà sede logistica e operativa  in via Revoltella 39 a Trieste, nei locali dello CSEN provinciale.

Socleif-Dimpeç C5, una vittoria che da morale.

untitled

 

Socleif-Dimpeç C5 – Futsal Club 50    3 – 1 

Presso l’impianto comunale di Ampezzo si sfidano i padroni di casa del “Socleif-Dimpeç C5”, che sono in piena lotta per uscire dalla zona play-out, contro il “Futsal Club 50”, che invece mira ad abbandonare le ultime zone della classifica. La partita viaggia a ritmi abbastanza lenti, con le due formazioni che rischiano poco ed attendono l’errore dell’avversario per colpire. Difatti proprio da un pallone perso da un giocatore ospite si innesca il contropiede micidiale che porta Dorigo ad insaccare su assist al bacio di Valent. Subito dopo lo stesso Valent raddoppia in mischia dentro l’area di rigore. Nella ripresa subito sugli scudi Burba che ruba un pallone nell’area avversaria e sigla il gol del 3 a 0. Il “Futsal Club 50” non demorde e prova in tutti i modi a rimontare. I carnici si difendono però con ordine, anche se faticano a segnare ancora e a chiudere quindi l’incontro. A pochi minuti dalla fine gli ospiti accorciano su punizione. Nel complesso è stata positiva la direzione di gara del sig. Mauro Matteo: l’unica decisione contestata è stata la punizione che ha portato all’unico gol del “Futsal Club 50”. Per il resto nulla da obiettare.

Top: Sgura Emanuele (Futsal Club 50) attaccante, Burba Mirco (Socleif-Dimpeç C5) attaccante
Marcatori: Burba Mirco (Socleif-Dimpeç C5), Valent Jacopo (Socleif-Dimpeç C5), Dorigo Maicol (Socleif-Dimpeç C5), Sgura Emanuele (Futsal Club 50)

Portomotori, grande rimonta

downloadPortomotori – AC Pozzecco    2 – 2 

 

Partita iniziata in salita degli uomini di mister Costa che dopo nemmeno 1 minuto si trovano in svantaggio; quindi dopo una nitida occasione non sfruttata dalla squadra di casa, e attacchi sterili degli avversari si arriva all’intervallo con il risultato di 0 a 1. Nella ripresa la squadra di casa si butta all’arrembaggio senza creare grandi problemi agli ospiti che raddoppiano in un’azione di contropiede con il loro uomo più pericoloso. Quindi con la girandola dei cambi, la squadra ritrova coraggio e con il neo entrato De Santis segna la rete del 1 a 2 anticipando il portiere in uscita. Quindi l’arbitro, che ha arbitrato a senso unico a favore degli ospiti ammonisce per due volte di fila il neo entrato Breccia reo di essersi lamentato di due fallacci subito da gicatori avversari che in entrambi i casi si erano completamente disinteressati della palla. Il portomotori però non demorde e nel finale dopo un forcing che ha costretto la squadra ospite nei propri venti metri pareggia su rigore per un netto fallo di mano in area. con questa grande prova di carattere il Portomotori, anche se tra alti e bassi si è dimostrata una compagine di carattere che può mettere in difficoltà anche squadre che occupano posizioni di classifica molto più in alto. –Pervenuto da: fabiobre78

Top: De Santis Marco (Portomotori) attaccante, (AC Pozzecco)

Marcatori: Morelli Denis (AC Pozzecco), Pavan Simone (Portomotori), Ciconj Patrick (AC Pozzecco), De Santis Marco (Portomotori)

Aperte iscrizioni per le Coppe targate Lcfc. Tra le novità il calcio a 7 over 45

 

 

calcio a 7

La Lega Calcio Friuli Collinare rende noto che sono aperte le iscrizioni per le Coppe Collinare di calcio a 5 e 11, manifestazioni la cui novità è rappresentata dalla possibilità di far giocare atleti, che abbiano compiuto 30 anni, provenienti da altri Enti o Federazioni. Aperte anche le adesioni per altre proposte sportive come i due tornei di calcio a 7, uno aperto a tutti e l’altro dedicato agli over 45,  o  il calcio a 5 rivolto agli over 40. Il termine per le adesioni è fissato per il 09 aprile 2014, mentre l’inizio delle kermesse è previsto per il 2 maggio 2014. Perle norme di partecipazione  accedere al sito www.lcfc.it visitando il Comunicato ufficiale n 25 del 13/03/2014.

Tutela sanitaria: sottoscritta convenzione con Medicus s.r.l

KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERAL’amore per lo sport non deve essere causa di rischi per la salute.  Per praticarlo è necessario avere almeno una consapevolezza delle proprie caratteristiche fisiche, capire se ci sono delle situazioni che possono portare degli allarmi, cercare di identificare malesseri che possono essere all’origine di un problema.  Non siamo tra i professionisti, seguiti minuto dopo minuto da staff competenti, il nostro mondo non prevede medici, fisioterapisti che ci accompagnano durante tutte le nostre partite. E allora, per ridurre al minimo i rischi, è necessario fare delle indagini preventive, ogni anno, attraverso la visita medica specialistica. Per questoProprio per cercare di dare un alternativa, una possibilità di scelta agli associati, la Lega Calcio Friuli Collinare ha sottoscritto una ulteriore convenzione con professionisti del settore e ha coinvolto un’altra struttura medica di Udine, la Medicus srl. La struttura ha sede in via delle Scienze 100 a Udine (polo universitario, accesso da palestra del CUS) e garantisce alla LCFC prezzi scontati. La convenzione e il tariffario proposto sono visibili collegandosi all’indirizzo  http://www.lcfc.it/convenzioni/

Conosciamo i dirigenti: Davide Quattrini

 

 Davide Quattrini - i Paisans

 

 

Nome:  Davide

 

Cognome : Quattrini 

 

Ruolo :   Giocatore/Responsabile Ass. I Paisans

 

Età : 21

 

Professione:  Lavoratore/Studente

 

Presenze in stagione (fino al 21/02/2014)  15

 

Come mai la scelta di denominare la VS squadra i Paisans:

La denominazione è stata scelta per sottolineare il fatto che siamo tutti di una stessa area geografica. E allora il nome “Paesani” unisce più punti di un stessa zona ( Tolmezzo, Terzo, Betania etc) come però se fosse un’unica entità. Per quello ci sentiamo paesani, per una sorta di condivisione che accomuna la nostra passione: quella dello sport che d’estate ci fa giocare il campionato carnico, e negli altri periodi ci unisce grazie alla nuova esperienza nel calcio a 5. Se poi aggiungiamo che siamo tutti coetanei e amici, quando usciamo assieme non passiamo mai inosservati!!!

  

Hai altre passioni oltre lo sport?

Il calcio è sempre stato il mio chiodo fisso fin da piccolo, le giornate le riempivo cosi… anche se un altra passione è viaggiare. Per questo spero di visitare molti posti durante la mia vita e di scoprire le meraviglie che il mondo offre. Inoltre Spero anche di coronare questo sogno, quest’anno, con un viaggetto assieme agli amici della squadra.

 

 Qual è il film che non dimenticherai mai e perché?

Scarface: Il motivo è  perchè c’è una frase del film che secondo me noi giovani, soprattutto in questo periodo di crisi, dobbiamo fare nostra; Alla domanda :”Che cosa vorresti conquistare?” Tony montana risponde : “Il mondo…e tutto quello che c’è dentro!!!”

  

Qual è l’avversario o la squadra che ti hanno messo in crisi?

Abbiamo trovato difficoltà con il Boca Juniors e il Cergneu, due squadre in piena corsa promozione anche se devo dire che nessuna squadra è da sottovalutare vista l’imprevedibilità del calcio a 5.

  

Gli arbitri sono come…

…noi. Come ogni giocatore in campo. Possono sbagliare,fare prodezze, essere intrattabili o disponibili, possono rendersi protagonisti nel bene e nel male, esattamente come noi!

 

 

Qual è il vostro peggior vizio calcistico?

 

Ne abbiamo parecchi. Sicuramente soffriamo tanto di cali di concentrazione e  spesso sembriamo un “diesel” che parte piano (a volte prendendo sottogamba la partita) per poi accelerare a motore caldo. Inoltre la porta talvolta ci sembra così piccola che riusciamo a mangiarci parecchi gol sotto rete. Ma siamo alla prima stagione. Stiamo già lavorando per eliminare  e diminuire questi vizi.

 

 

Cosa pensa la tua morosa del tempo che passi con la tua squadra?

 

Fortunatamente è contenta e paziente, riesco a bilanciare bene le cose. Sa benissimo quanto è importante per me stare assieme alla squadra e quando può, assieme alle altre morose dei miei compagni, si rende partecipe di cene e uscite varie

 

Quali pensi siano le caratteristiche vincenti della tua squadra?

 

L’unione. Il fatto che quasi tutti i componenti della squadra, sono o sono stati compagni di squadra nelle giovanili del carnico o in prima squadra attualmente, ha giocato un ruolo fondamentale. Il gruppo è molto unito, e si cerca sempre di risolvere subito anche il più piccolo dei problemi. Dialogando e confrontandoci e lottando per un unico Obbiettivo: la promozione.

 

 Pubblicato anche su Tremila Sport del 21/02/2014