Donazione sangue: il nuovo progetto AC Sacile per un Natale di solidarietà

Come ogni anno gli Amatori Calcio Sacile si é impegnata con un gesto di solidarietà utile al prossimo.

L’idea ben accolta dai ragazzi ha  coinvolto gran parte del nostro gruppo, quest’anno però non solo con la emerita beneficenza monetaria ma attraverso la formula della donazione del sangue con AVIS.

L’iniziativa é nata con lo scopo di avvicinare il gruppo di atleti al mondo della donazione e per il fabbisogno sempre più carente di sangue della regione Friuli.

Per alcuni atleti é stata l’occasione per iniziare il nuovo percorso che proseguirà poi negli anni, per altri é stata una giornata di ritorno al dono, spesso dimenticata o posticipata.

Abbiamo potuto contare su un’alta partecipazione del gruppo, tanto da richiedere la prenotazione di due giornate presso la sala prelievi ospedale di Pordenone.

L’esperienza, è stata  occasione di tenere monitorata la propria salute attraverso gli esami periodici e soprattutto compiere un gesto di generosità che può aiutare a salvare la vita a pazienti affetti da malattie ematologiche o persone che hanno subito interventi chirurgici.

Un ringraziamento va fatto all’ organizzatissima associazione AVIS che ha permesso tutto questo nelle persone del Sig. Raffaele, Sig. Lino per l’accoglienza e Laura Venerus per il supporto.

Alcune foto dei nostri giocatori durante le due giornate di donazione

OVR40 C5: Tessaro spinge il Santa Maria, il Manzignel prende la scia

Carpe diem. L’ottavo turno del campionato Over 40 calcio a 5 sarà un turno a singhiozzo. Due partite su cinque, infatti, sono state rinviate al prossimo anno solare: tra queste, il big match I CicciolottiS.T.U. Over C5. L’O.ver Manzignel, però, gioca. Gioca eccome, rosicchia punti preziosi e, con lo stesso numero di partite giocate della capolista, si trova ora a una sola lunghezza dalla vetta.

Continua...

AM5: Poker di Nobile, STU lotterà all Inferno

Si conclude la prima fase degli Amatori a 5, completato così il quadro delle squadre che andranno a comporre i gironi Inferno, Purgatorio e Paradiso.

Girone A. A conquistare il girone “infernale”, insieme a Modus-Stellare e Danieli già certe della qualificazione, sono i Viola dello STU Fagagna grazie al 6-7 sul campo della Friuli Antincendi, che a sua volta giocherà nel Paradiso. Decisivo il poker di Nobile.

Continua...

FC5: Highlander e Pertegada, è vendemmia di gol

ECCELLENZA

Una dimostrazione di forza letteralmente pazzesca. Gli Highlander Torriana mantengono la vetta nel girone di Eccellenza sotterrando sotto un terrificante 15-0 il malcapitato Real Madris: a Gradisca non c’è stata semplicemente partita, con Cussigh mattatore (pokerissimo per il dinamico centrocampista) e gli ospiti che hanno pagato a caro prezzo il fatto di essersi presentati contati all’appuntamento.

Continua...

FC11: Cavallaro in gran spolvero, Union sull’ottovolante

Procede ancora a singhiozzo a causa delle precipitazioni la stagione del Collinare a 11 che si avvia comunque verso la sosta: ancora due le gare da disputare prima del break natalizio che permetterà alle squadre di tirare le prime somme e preparare la rincorsa primaverile finale.

Scontro salvezza. Partita delicata quella vinta dalla Valmeduna sul campo del Real Sella in Eccellenza, visto che le due squadre si sono presentate al campo appaiate in coda a quota tre punti.

Continua...

FC11. Le voci dei protagonisti: Le Aquile vs Drenchia

Aquile – Drenchia, cominciamo dalla fine.

A fine partita una dirigente della squadra locale regala una rosa all’arbitro (donna), nell’ ambito della giornata contro la violenza sulle donne. Ma non solo, come sempre, fantastico terzo tempo con direttore di gara, avversari e i supporter ospiti e locali. Ottima l’affluenza di pubblico che ha degustato il fantastico chili offerto, come da tradizione, a fine partita dalla dirigenza del paese della bassa.

Continua...

AM5: La situazione a cinquanta minuti dal termine

Ottava e penultima giornata per gli Amatori a 5. Sono poche le squadre che non avranno nulla da giocarsi nel prossimo turno nel girone A e nel girone C, rendendo l’ultimo weekend autunnale di gare assolutamente appetibile. Giochi già chiusi invece nel girone B. Analizziamo gruppo per gruppo la situazione a cinquanta minuti dal termine.

Girone A. Sicure della partecipazione al girone Inferno sono la Danieli, la quale ha già terminato la propria prima fase, e il Modus-Stellare, entrambe capaci di ottenere vittorie convincenti nell’ultimo turno rispettivamente contro Real Pittibull, a sua volta inserito nel girone Paradiso, e STU Fagagna.

Continua...

OVR40: Tra Farra, Versa e Medea, è un Isontino pigliatutto

PARADISO

Isontino caput mundi, in attesa che dalla longobarda Cividale i Gjanes lancino l’assalto alla Fortezza Gradisca prima e alla vetta degli Amatori Farra poi. Sì, perché l’ottava giornata del girone Paradiso è un inno al territorio goriziano, con l’ennesimo successo della capolista blucerchiata e con un altro squillo importante del Versa.

Continua...

Le voci dei protagonisti: Gold Feet Aquileia vs Highlander Torriana

Aquileia: semaforo rosso per l’Highlander Torriana, che nella città patriarcale incassa la prima sconfitta stagionale. Parte bene l’Highlander, che sblocca il risultato al 2′ con un calcio piazzato dagli otto metri che Ferrazzo spedisce a fil di palo. La reazione del Gold Feet non si fa però attendere, e c’è subito lavoro per Arcamone: il sostituto di Pettenà si fa trovare pronto su due calci piazzati dello specialista Degrassi, mentre la squadra ospite alleggerisce il pressing avverasario con una ripartenza che Salis non riesce a finalizzare al meglio calciando fuori da ottima posizione. Ma è sempre la squadra di Aquileia a tenere in mano il pallino del gioco, con Mariano che spesso crea apprensioni alla squadra di mister Tirelli.
Nella ripresa l’andamento della gara non cambia. Moras al 6′ colpisce il palo, al 10′ Arcamone vince il duello con Degrassi, ma il pareggio è nell’aria. La rete arriva infatti al 12′, quando Mariano recupera palla a metà campo e va fino in fondo prima di battere Arcamone dal limite dell’area. L’Highlander fa fatica a macinare gioco: ci prova Ferman al 14′ ma Marizza è attento, e allora al 17′ il Gold Feet mette la freccia del sorpasso con Pali, che da fuori area trova lo spiraglio giusto per battere Arcamone. La squadra isontina si sbilancia con il quinto uomo di movimento alla ricerca del pareggio, ma Marizza porta a casa la pagnotta opponendosi con bravura prima alla puntalata di Ferman e poi alla conclusione da pochi passi di Salis, con la squadra locale che addiritura sfiora nuovamente la rete in contropiede con Moras, con Arcamone bravo ad opporsi in uscita. Vince il Gold Feet, per la Torriana un passo indietro rispetto alle ultime uscite, con tutte le attenuanti del caso.
A margine della cronaca, infatti – e senza nulla togliere alla meritata e giusta vittoria dei padroni di casa – c’è da riportare, se ce ne fosse ancora bisogno, l’impossibilità a giocare a calcio a 5 in un fondo in cemento molto scivoloso (si pattina, ndr) come quello di Aquileia, che mette a repentaglio l’incolumità stessa dei giocatori.

Campionato Friuli Collinare calcio a 5 – Eccellenza 

Gold Feet Aquileia – Highlander Torriana 2 – 1 
Gold Feet AquileiaA: Marizza, Pali, Oriti, Nocent, Moras, Fumolo, Masin, Mariano, Nardini, Degrassi, Civita. All. Nocent
Highlander Torriana: Arcamone, Cignacco, Tel, Madonna, Cussigh, Salis, Piasenzotto, Ferman, Ferrazzo, Vitiello
Arbitro: Marcuzzi
Marcatori : Mariano, Pali (Gold Feet) Ferrazzo (Highlander)

 

Ufficio stampa HIGHLANDER


FC11: I temi dell’ottava di andata

Il Collinare a 11 si avvicina al giro di boa della stagione: otto infatti le gare sin qui disputate, ancora tre prima della sosta natalizia.

Le voci dai campi. Riccardo Rosa racconta così lo scontro diretto della Prima A tra Gunners e il suo Colugna, vinto dai locali 2-0 grazie alla doppietta di Carruzzi: “La grande posta in palio è testimoniata dalla tensione che si respira fin dagli istanti iniziali. Nella prima frazione siamo noi a renderci più pericolosi, non sfruttando però le ottime occasioni create e sprecando ghiotte opportunità. La formazione di casa fa invece delle ripartenza la propria arma e grazie ad una invenzione di Carruzzi passa in vantaggio. Nella ripresa alcuni cambi nei nostri effettivi cercano di dare la svolta ma la gara si complica, complici anche alcune decisioni arbitrali per noi discutibili. Subiamo il raddoppio che ci spezza le gambe su azione di corner, non riuscendo più a trovare la chiave per riaprire il match, complice anche l’espulsione del nostro estremo difensore. La gestione di alcune situazioni arbitrali non ci ha sicuramente aiutato in una gara tra due ottime squadre“.

Continua...