Il Plasencis va. Camerin chi?

 

Una piccola comunità, una grande passione per il calcio amatoriale.  Questa potrebbe essere lo slogan per presentare il Don Bosco Plasencis, associazione che da oltre tre lustri gravita nel Collinare e che da sempre si distingue per il suo condividere i valori dello sport amatoriale. Del collettivo fanno parte tutti giocatori del comune (Mereto di Tomba) o di località vicine e dagli albori il gruppo iniziale è rimasto pressoché invariato. Fa eccezione qualche arrivo per integrare persone che, per età o per altri motivi, hanno deciso di lasciare. Ma gli intenti iniziali non sono mai stati sopiti: >>La squadra – conferma Massimo Ponte – è rimasta quella di circa 20 anni fa. Non abbiamo velleità particolari, se non vinciamo non succede nulla, ma l’impegno che mettiamo è sempre  assoluto. E’ stimolante dimostrare, anche a noi stessi, che possiamo ancora divertirci vincendo. Lo facciamo in serenità con un gruppo guidato da mister Andrea D’Odorico e capitanato da Roberto Di Noto. Quest’anno, a completamento della rosa, abbiamo tesserato un centrocampista (Roberto MIotti)  un terzino (Stefano Del Torre) e, considerato che ancora non ha esordito, un oggetto misterioso come Paolo Camerin. Ora il campo emetterà il suo verdetto>>. Intanto il Don Bosco si fa rispettare artigliando il secondo acuto stagionale. Lo fa in casa di un Totò e gli Amici, team che ha  venduto cara la pelle, sfiorando nel finale di pareggiare. Ma il Don Bosco è stato concreto: ha colpito una traversa, realizzato il gol decisivo con una rasoiata di Pischiutta e andando vicino al raddoppio con Mazzolini. Nello stesso gruppo troviamo ADM e Amasanda, squadre che giocano senza particolari tatticismi ( 2-2). Racconta Fabrizio Faleschini: >> pareggio sta un po’ stretto alla compagine di casa, che era avanti 2-0. Onore agli ospiti che hanno avuto il merito di non mollare mai>>.  La capolista San Daniele passa sul campo della Tavernetta e rimane incollata alla CoopCa. I tolmezzini  giocano un bel calcio, hanno un potenziale enorme ma, in questo turno, hanno vinto a fatica contro un Da Lodia che  ha avuto in Nilgessi e Pecile due sicurezze difensive, e tre nitide palle gol, tutte sciupate malamente. Cinquina del Premariacco su un AXo Buja che sta attraversando, causa problemi di lavoro e infortuni, un periodo non felice: Cantarutti (2), Taboga, Micelli e Braga i realizzatori locali. La rete di Screm vale il bottino pieno per Al Sole 2 sul Over Cjassà. Nel gruppo B scatenati Lozito e Zuliani: le loro triplette hanno permesso al Canarino di stendere il Passons. Troppo diverso il passo tra Sangiorgina, team dalla rosa tecnicamente superiore e il Versa, classica squadra amatoriale: e il punteggio ne risente (7-0 il finale). Senza reti il big match tra Botosso  & Vernici e Basaldella, due formazioni che nutrono ambizioni. Pareggi con molte reti invece tra Bicinicco e Da Pippo Uno (3-3, alla doppietta di Tessaro e Giuseppe Bordignon ha replicato il doppio sigillo di Flavio Bordignon e Infanti), e Brigata Brovada e Feletto 90 (2-2).  

 

Pubblicato anche su Tremila Sport del 18/11/2011

Print Friendly, PDF & Email

Commenti

Leave a Reply

Devi essere loggato per inserire un commento

css.php