Gli Amatori Dignano come il Cosmos di Pelè e Chinaglia. E ora la salvezza

Le tradizioni raccontano la nostra storia, trasmettono memorie sportive, sociali, religiose etc;  narrano la storia di un gruppo, ci fanno ricordare le nostre origini, i nostri passi. Spesso per ricordare qualche avvenimento venivano lasciati manoscritti, documenti, foto. Anche in campo amatoriale sono molte le squadre che lasciano un segno tangibile della loro presenza. Per molti, celebrare l’anno sportivo con una foto che poi viene trasformata in calendario, è una vera è propria tradizione. Lo è soprattutto per gli am. Dignano che ogni anno propongono delle foto a tema: Quello di quest’anno – racconta Simone Dreosto –  rappresenta l’america del calcio anni 70, governata dai Cosmos di New York targati Pelè, Chinaglia, Wilson e da moltissime altre stelle del firmamento europeo e sud americano. Essi  dettarono legge nel campionato americano NASL, infuocando lo Yankee Stadium dal 1975 al 1981, facendo conoscere agli USA il gioco più bello del mondo. Ci è sembrato simpatico fare un tuffo nel passato e, attraverso una foto singolare, cercare una sorta di abbinamento tra il calcio amatoriale di Dignano e quel periodo in cui una parte del mondo scoprì il divertimento del balon. A onor del vero questa foto ha richiesto la collaborazione di molti attori protagonisti  per cui devo ringraziare in particolare le nostre splendide ragazze, Alessandra Pilloni, Sara Marin, Tina Carpentieri,Marica Zuccolo e Serena Cominotto (bravissima a cucire gli abiti per tutte), che per una sera sono diventate le cheerleaders degli Amatori. Grazie anche a Dario Durat e Nicola Faletti, per la location dove è stata scattata la foto, a Massimo Tomaselli che ci ha prestato la fantastica vettura LINCOLN CONTINENTAL MARK V DEL 1979 e a Simone Benedetti, l’autore della foto e  artista unico nel suo genere capace  sempre a tramutare in poesia tutto quello che fotografa. Infine un grazie a tutti i ragazzi degli Amatori Calcio Dignano, al presidente Mucignato e al vice Aleti che nuovamente si sono resi disponibili per  questo progetto nato come  gioco ma che cerchiamo di migliorare anno dopo anno>> Dopo lo scatto ufficiale che ha immortalato il gruppo, lo stesso ora dovrà balzare in campionato.  La ripartenza dovrà essere senza fronzoli se si vorrà evitare una retrocessione. A Dignano sono consapevoli di questo ma non sono preoccupati più di tanto. >> L’obiettivo- chiosa il presidente Mucignato –  è la salvezza, anche se il vero traguardo è divertirci dando continuità a questo fantastico gruppo. Sul campo vada come vada. Dopo la promozione dello scorso anno abbiamo deciso di confermare la rosa. Solo a campionato iniziale, causa qualche assenza, è stata integrata con qualche nuovo arrivo. Atleti  che sembrano essere portati da osservatori che li hanno scovati in più parti del mondo (Joel Loquez Maximiliano, Kullodi Klodian, Guerra Greegory Peck, D’Andrea Valdo), mentre in realtà sono tutti ragazzi italiani, con origini diverse, ma che parlano quasi tutti il friulano… Uno dei capisaldi di quest’anno è il nuovo mister Luigi Filipuzi. Ha portato allenamenti divertenti ma allo stesso tempo quasi professionistici. D’Altronde  uno che ha giocato nelle giovanili del Milan con Baresi, ha sicuramente una competenza importante. Insomma – continua – abbiamo le carte in regola per salvarci, considerando anche che in casa abbiamo un bomber affidabile come Francesco Della Vedova, un portiere pararigori quale Simone De Rosa e un dirigente inossidabile come Alessandro Pilloni, dal 1992 con noi. Un grande. >>. E allora in bocca al lupo Dignano.

 Pubblicato anche su Tremila Sport del 03/02/2012

Print Friendly, PDF & Email

Commenti

Leave a Reply

Devi essere loggato per inserire un commento

css.php