Drenchia – Grimacco 0 – 0

 

download

Nick –  I.R.S. – Trasferta quasi in terra straniera per il Billerio, che si ritrova catapultata nel campo che l’anno scorso ha consacrato la sua matematica promozione in prima categoria. Passa un anno, ma la storia è cambiata…o meglio….parzialmente.
La novità è che piove e soprattutto non si lotta più per il vertice alto della classifica, ma per scappare da quello basso! E soprattutto: perché il sabato sera, alle 18.30, nel primo vero pomeriggio freddo dell’autunno 2013, proprio una trasferta così lontana??
Nulla però ostacola il nutrito gruppo di “Ultras Disfas”, presenti, sempre e comunque, anche sotto  la pioggia battente!
Bando alle sterili polemiche e si cominci a narrare la partita.
Fin dalle prime battute si nota come il campo sia tutt’altro che un tavolo da biliardo: i rimbalzi imprevedibili si fanno fin da subito pericolosi per tutti, rendendo i fraseggi molto frammentati.
Il Billerio parte aggressivo su tutte le palle, con un inedita formazione dovuta ai tanti infortuni e assenze, che hanno privato il Mister Alino di tutto il suo reparto d’attacco titolare: trazione anteriore sulle spalle dell’inedito duo Galantini e George “Carioca” Cioroaca.
Pronti via e Galantini vuole farsi subito notare dal Mister, omaggiandolo per averlo piazzato in prima linea, con un lancio millimetrico per Ciorba: peccato che centri millimetricamente l’orecchio del giocatore avversario mettendolo al tappeto……e la partita non è neanche cominciata……
Però il tandem d’attacco ci mette poco ad ingranare e subito partono a raffica i lanci lunghi per cercare la velocità del rumeno e delle ali, producendo purtroppo tanti fuorigioco (alcuni inesistenti), soprattutto quello al 2° minuto su George, al quale tutta la tribuna rumereggia. O come al 18° come un rapidissimo scambio sull’asse Zanussi-Cioroaca-Said, sfuma per un “non nulla” per off-side. Stessa situazione pericolosa con il marocchino Said al 22°, ma anche qui niente di fatto: i padroni di casa attuano con successo la tattica del fuorigioco.
Su falli conquistati da Galantini, prima lo stesso Galax ci prova (alto dal limite) e successivamente (32°) Said spara alto (punizioni da rivedere in allenamento per lui).
Un arbitro un po’ polemico verso il Mister Alino (che si prende i rimproveri per colpa degli ultrà) manda tutti a bere un thè caldo sul risultato di 0-0.
Ma la partita riprende nel secondo tempo così come si era conclusa: col Billerio in avanti, ma pur sempre sPuntato e poco incisivo negli ultimi metri. E’ per questo che Mr. Revelant, consigliato da un vecchio leone, dopo 5 minuti della ripresa toglie lo spompato Galantini (troppi scatti alla sua veneranda età) per l’inserimento di forze fresche e un rimescolamento di carte in tavola: Süt in fascia e Ciorba in avanti con Cioroaca, poi spazio anche per Mime e Minisini.
Buona l’intenzione al 13° di Ciorba che sull’ennesima punizione conquistata sulla trequarti prova a sorprendere tutti con un rasoterra per George che purtroppo non aggancia e la palla è preda del portiere. Buona l’idea!
Al 20° è sempre Ciorba che su girata al volo, manda a lato; e sull’unica occasione pericolosa dei padroni di casa, il Billerio trema e rischia di capitolare, ma un superbo Bistecute chiude la saracinesca e salva il risultato su incursione dalla sinistra e tiro dal limite dell’area piccola.
Il Billerio ci mette poco a riprendere in mano le redini della partita con un fulmineo contropiede sul quale si vedono negati il goal dal muro difensivo, in successione, sia Ciorba che George.
Cerca la gloria il Mime, subentrato da poco, con una delle sue cavalcate sulla fascia destra, ma giunto sul fondo, spreca da posizione defilata; e subito dopo un veloce scambio Mime-Ciorba-Cek porta alla conclusione quest’ultimo che purtroppo spara alto.
Siamo alle battute finali, ma purtroppo non c’è il lieto fine per i gialloblu che solamente sfiorano la vittoria (in due occasioni) la quale non sarebbe stata per niente demeritata: al 40°, lungo rinvio di Bistecute, spizzicata di Ciorba e, al limite dell’area, per un niente Süt non aggancia; ed un minuto più tardi, proprio allo scadere, Said dalla sinistra entra in area ma calcia male di sinistro e dà solo l’illusione del goal, facendo andare la palla sulla rete esterna!
Termina 0-0 un’ottima partita, dominata a lunghi tratti dal Billerio, che (continua) a dare segni di miglioramento. Mister Alino può essere soddisfatto per un risultato positivo, pur avendo molte assenze importanti, su un campo ostico e pesante, arrivato contro una diretta concorrente.
E poi tutti (o quasi) a mangiare una pizza al Riviera, con ottimo spirito di gruppo, come da tradizione!
Vitiis nemo sine nascitur

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenti

Leave a Reply

Devi essere loggato per inserire un commento

css.php