OVR40c5: STU Fagagna, esordio con i botti

La seconda giornata di campionato fa emergere le potenzialità di un paio di squadre come STU Fagagna e Manzignel, team ambiziosi la cui partenza lancia un segnale forte a tutte le altre contendenti.

Lo STU non si nasconde, esordisce con una prestazione da incorniciare, ed affonda un Mima non ancora al completo scoprendo un inaspettato bomber, Stefano Stella. Ci racconta l’exploit il dirigente ospite Raffaele Canciani:  la sfida è stata equilibrata solo i primi 5’. Un grandissimo Pietro Iriti  ha fatto la differenza e, causa l’infortunio di Dimitri Zuttion,  il mister ha lanciato in campo Stefano Stella, solitamente impegnato a difendere i pali,  venendo ripagato da una prestazione super. Stefano può fare anche il giocatore di movimento, ha un piede potente e preciso! Nel complesso ottima prestazione di capitan Stefano Tarussio e compagni, anche se di fronte e’ sembrata una Mima rimaneggiata ma con un gran portiere!” Per la cronaca ecco lo score ospite con Stefano Stella e Pietro Iriti capocannonieri di giornata con 5 reti a testa, seguiti dai sigilli di Marco Bianchin, Stefano Tarussio e Dimitri Zuttion. Per i locali l’unica firma è quella di uno dei “picici” dell’anno scorso, Franco Tuti. 

A punteggio pieno il Manzignel dopo il settebello calato nel fortino di Manzinello contro il quotato Prost. “La partita – chiosa Luca Corgnali  si mette subito bene per il Manzignel, capace, al primo minuto, di passare in vantaggio, con una conclusione da fuori di Franco Beltrame. I padroni di casa manovrano con ordine, gestiscono bene la gara e allungano sul 3 a 0 grazie alla mia marcatura ed al sigillo di Daniele Passoni. Nel secondo tempo il Prost ha una bella reazione: accorcia le distanze con  Alberto Lorenzoni e costringe il portiere del Manzignel Francesco Pizzutti a qualche intervento di rilievo. Il forcing espone però gli ospiti al contropiede avversario e il Manzignel mette al sicuro il risultato con la tripletta del bomber Edi Paravano e la marcatura di Francesco Disnan, in una partita molto combattuta ma sostanzialmente corretta. Un plauso al pubblico di Manzinello,  sempre presente in gran numero!”. Da segnalare, nelle fila ospiti, la doppietta di Alberto Lorenzoni e il timbro di Cristian Bianchin.

Ricordate la dichiarazione di Marino Blason della passata settimana? Quella in cui, dopo la sconfitta casalinga, deluso, voleva appendere le scarpe al chiodo? Ebbene pare che il bomber udinese abbia cambiato non solo idea ma anche marcia visto che, nello splendido pareggio in esterni in casa del favorito Stappo (in una recente foto), la sua superlativaprestazione è stata determinante. L’Abramo Impianti, infatti, sfiora il colpaccio ma viene raggiunta allo scoccar di sirena da una fantastica rete di Notarfrancesco.E’ lo Stappo a portarsi in vantaggio – racconta Alessandro Fabro – con Del Frate ma a metà della frazione di gioco, prima Biancuzzi e poi Blason, con una doppietta, ribaltano il punteggio portandosi sul 1 a 3. Del Frate però non molla e allo scadere dell’atto accorcia e realizza un sigillo che dà coraggio ai suoi compagni. Ad inizio ripresa comincia anche la partita di Notarfrancesco che, quasi subito, riporta tutto in parità. I minuti passano e grazie alle splendide parate dei due estremi difensori le reti rimangono sgonfie. Ma Biancuzzi e Blason non ci stanno e con un uno/due, al 17′ e al 20′, portano sul doppio vantaggio l’Abramo Impianti. Per loro sembra fatta. Notarfrancesco, da buon capitano, prende per mano i suoi e, prima li riporta in corsa e poi , all’ultimo secondo, realizza una splendida rete (la terza personale della serata) che vale il pareggio. Una patta che, a mio parere, è un risultato tutto sommato giusto”.

Chiude la giornata la sfida tra Bild e Tired Pigs. Sono i locali a mettere sul tavolo il poker vincente raggiungendo la prima vittoria stagionale. “L’equilibrio – racconta il locale Luca Domini – si rompe dopo pochi minuti grazie al gol di Matteo De Benedetti in una sfida che si mantiene in bilico per larghi tratti, fino a un raddoppio arrivato  verso la fine del 1° tempo ad opera di Alessandro Bressanelli, lesto a ripetersi anche in avvio di ripresa. Risultato in ghiaccio e gol della tranquillità con la rete di Mauro Peressini,  ben posizionato su calcio d’angolo. Migliore in campo Bressanelli per Bild e Meneghini per gli ospiti che, con le sue parate, ha tenuto  il risultato incerto per quasi tutta la partita”.

Print Friendly, PDF & Email