normativa

Normativa - Regolamento Calcio a 5
In vigore dal 17/12/2015
Per visualizzare il precedente testo dell'articolo (a destra) e le differenze rispetto a quello oggi in vigore clicca sulle seguenti date: 11/09/2015, 17/07/2014, 02/09/2010, 03/09/2009, 31/07/2007, 26/07/2000, 01/01/1970

16 Espulsione

a) Un tesserato, indipendentemente che si trovi in campo o in panchina e indifferentemente dal ruolo o funzione svolta, deve essere espulso con l’esibizione del cartellino rosso e abbandonare definitivamente il recinto di gioco se:
1) commette un fallo violento di gioco;
2) tiene una condotta violenta, compreso un tackle da dietro, di lato o da davanti, che provochi o possa provocare un infortunio all’avversario;
3) commette un atto gravemente sleale teso a impedire, con qualsiasi mezzo illecito, di segnare una rete a porta sguarnita. Per mezzo illecito si intende:
I) trattenere da tergo o fermare comunque (per la maglia, per i calzoncini, per le braccia, per le gambe, con uno sgambetto o in qualsiasi altro modo) un giocatore lanciato verso la porta avversaria, senza che nessun altro difendente (portiere compreso) gli si frapponga. Qualora tale infrazione sia commessa dal portiere, quest'ultimo deve essere espulso se, disinteressandosi del pallone, commette fallo o, pur avendolo toccato, viene superato dall'avversario e commette fallo da tergo;
II) impedire con le mani al pallone di entrare in rete (eccetto il portiere nella propria area di rigore;
4) riceve una seconda ammonizione nel corso della stessa gara.
b) Un tesserato, indipendentemente che si trovi in campo o in panchina e indifferentemente dal ruolo o funzione svolta, deve essere espulso con l’esibizione del cartellino verde e abbandonare definitivamente il recinto di gioco, con la possibilità di essere sostituito, se:
1) manifesta, con parole o gesti, la propria disapprovazione nei confronti dell'arbitro in maniera offensiva o gravemente irrispettosa:
2) usa un linguaggio ripetutamente o ostentatamente blasfemo;
3) ingiuria o minaccia con parole o gesti una persona;
4) sputa verso una persona.
Qualora il giocatore espulso con cartellino verde commettesse, prima dell'ingresso in campo del subentrante, un ulteriore atto illecito sanzionabile con l'espulsione con cartellino rosso, la sostituzione prevista non potrà essere più effettuata. Qualora, invece, il giocatore espulso con cartellino verde commettesse, dopo l'ingresso in campo del subentrante, un ulteriore atto illecito sanzionabile con l'espulsione con cartellino rosso, la sostituzione sarà valida.
c) Le integrazioni dei giocatori espulsi con il cartellino rosso vanno effettuate con il consenso dell'arbitro e dopo 2 minuti dalla ripresa del gioco, anche in modalità volante.
Il conteggio del tempo, a partire dalla ripresa del gioco, deve essere effettuato dal secondo arbitro, se previsto. In caso di espulsione di un calciatore alla fine di un periodo di gioco, il conteggio del tempo di penalizzazione deve essere proseguito nel tempo successivo, anche negli eventuali supplementari.
d) I giocatori espulsi possono essere sostituiti anche dopo la segnatura di una rete, secondo le seguenti modalità:
1) se le squadre giocano 5 giocatori contro 4 e quella in superiorità numerica segna una rete, la squadra in inferiorità può essere completata;
2) se le squadre giocano 4 giocatori contro 4 e viene segnata una rete (a prescindere da chi segna) le squadre possono essere completate;
3) se le squadre giocano 5 giocatori contro 3 ovvero 4 contro 3 e quella in superiorità numerica segna una rete, la squadra in inferiorità può reintegrarne uno;
4) se le squadre giocano 3 giocatori contro 3 e viene segnata una rete, le squadre possono includere un solo giocatore ciascuna;
5) se la squadra in inferiorità numerica segna una rete il gioco prosegue senza integrazioni.
Tale regola è riassunta nel seguente prospetto:
squadre segna una rete espulsi sostituibili della squadra
A B ↓ ↓ ↓
5 4 A 1 B
5 4 B NO B
4 4 A o B 1 A e B
3 3 A o B 1 A e B
4 3 A 1 B
4 3 B NO A e B
Comportamento ostruzionistico.
In caso di ostruzionismo o disobbedienza da parte di una squadra, l'Arbitro deve chiedere al Capitano della squadra colpevole di invitare i suoi compagni a tenere un comportamento corretto. Qualora il Capitano non cooperasse, l'Arbitro deve espellerlo con il cartellino rosso e rivolgere lo stesso invito al vice Capitano. In caso di mancata collaborazione, il Direttore di gara deve espellerlo, sempre con il cartellino rosso, e interrompere definitivamente la gara. L'interruzione definitiva della gara deve essere decisa anche nel caso in cui, nonostante il fattivo interessamento del Capitano o del vice Capitano, il comportamento dei giocatori resti immutato.
Riserve sulla regolarità della gara.Nel caso in cui il Capitano di una squadra esprima riserve sulla regolarità della gara, l’Arbitro, alla presenza del Capitano della squadra avversaria, deve riportarle sul proprio referto.

16 Espulsione

a) Un calciatore deve essere espulso con l’esibizione del cartellino rosso e abbandonare definitivamente il recinto di gioco se:
1) commette un fallo violento di gioco;
2) tiene una condotta violenta, compreso un tackle da dietro, di lato o da davanti, che provochi o possa provocare un infortunio all’avversario;
3) commette un atto gravemente sleale teso a impedire, con qualsiasi mezzo illecito, di segnare una rete a porta sguarnita. Per mezzo illecito si intende:
I) trattenere da tergo o fermare comunque (per la maglia, per i calzoncini, per le braccia, per le gambe, con uno sgambetto o in qualsiasi altro modo) un giocatore lanciato verso la porta avversaria, senza che nessun altro difendente (portiere compreso) gli si frapponga. Qualora tale infrazione sia commessa dal portiere, quest'ultimo deve essere espulso se, disinteressandosi del pallone, commette fallo o, pur avendolo toccato, viene superato dall'avversario e commette fallo da tergo;
II) impedire con le mani al pallone di entrare in rete (eccetto il portiere nella propria area di rigore;
4) riceve una seconda ammonizione nel corso della stessa gara.
b) Un calciatore deve essere espulso con l’esibizione del cartellino verde e abbandonare definitivamente il recinto di gioco, con la possibilità di essere sostituito, se:
1) manifesta, con parole o gesti, la propria disapprovazione nei confronti dell'arbitro in maniera offensiva o gravemente irrispettosa:
2) usa un linguaggio ripetutamente o ostentatamente blasfemo;
3) ingiuria o minaccia con parole o gesti una persona;
4) sputa verso una persona.
Qualora il giocatore espulso con cartellino verde commettesse, prima dell'ingresso in campo del subentrante, un ulteriore atto illecito sanzionabile con l'espulsione con cartellino rosso, la sostituzione prevista non potrà essere più effettuata. Qualora, invece, il giocatore espulso con cartellino verde commettesse, dopo l'ingresso in campo del subentrante, un ulteriore atto illecito sanzionabile con l'espulsione con cartellino rosso, la sostituzione sarà valida.
c) Le integrazioni dei giocatori espulsi con il cartellino rosso vanno effettuate con il consenso dell'arbitro e dopo 2 minuti dalla ripresa del gioco, anche in modalità volante.
Il conteggio del tempo, a partire dalla ripresa del gioco, deve essere effettuato dal secondo arbitro, se previsto. In caso di espulsione di un calciatore alla fine di un periodo di gioco, il conteggio del tempo di penalizzazione deve essere proseguito nel tempo successivo, anche negli eventuali supplementari.
d) I giocatori espulsi possono essere sostituiti anche dopo la segnatura di una rete, secondo le seguenti modalità:
1) se le squadre giocano 5 giocatori contro 4 e quella in superiorità numerica segna una rete, la squadra in inferiorità può essere completata;
2) se le squadre giocano 4 giocatori contro 4 e viene segnata una rete (a prescindere da chi segna) le squadre possono essere completate;
3) se le squadre giocano 5 giocatori contro 3 ovvero 4 contro 3 e quella in superiorità numerica segna una rete, la squadra in inferiorità può reintegrarne uno;
4) se le squadre giocano 3 giocatori contro 3 e viene segnata una rete, le squadre possono includere un solo giocatore ciascuna;
5) se la squadra in inferiorità numerica segna una rete il gioco prosegue senza integrazioni.
Tale regola è riassunta nel seguente prospetto:
squadre segna una rete espulsi sostituibili della squadra
A B ↓ ↓ ↓
5 4 A 1 B
5 4 B NO B
4 4 A o B 1 A e B
3 3 A o B 1 A e B
4 3 A 1 B
4 3 B NO A e B
Comportamento ostruzionistico.
In caso di ostruzionismo o disobbedienza da parte di una squadra, l'Arbitro deve chiedere al Capitano della squadra colpevole di invitare i suoi compagni a tenere un comportamento corretto. Qualora il Capitano non cooperasse, l'Arbitro deve espellerlo con il cartellino rosso e rivolgere lo stesso invito al vice Capitano. In caso di mancata collaborazione, il Direttore di gara deve espellerlo, sempre con il cartellino rosso, e interrompere definitivamente la gara. L'interruzione definitiva della gara deve essere decisa anche nel caso in cui, nonostante il fattivo interessamento del Capitano o del vice Capitano, il comportamento dei giocatori resti immutato.
Riserve sulla regolarità della gara.Nel caso in cui il Capitano di una squadra esprima riserve sulla regolarità della gara, l’Arbitro, alla presenza del Capitano della squadra avversaria, deve riportarle sul proprio referto.

16 Espulsione

a) Un calciatore deve essere espulso con l'esibizione del cartellino rosso e abbandonare definitivamente il recinto di gioco se:
1) commette un fallo violento di gioco;
2) tiene una condotta violenta, compreso un tackle da dietro, di lato o da davanti, che provochi o possa provocare un infortunio all'avversario;
3) sputa verso una persona;
4) impedisce alla squadra avversaria di segnare una rete o la priva di una evidente occasione da rete, toccando volontariamente il pallone con le mani (ciò non si applica al portiere dentro la propria area di rigore);
5) annulla una chiara occasione da rete, commettendo su un calciatore, che si dirige verso la porta avversaria, un fallo punibile con un calcio di punizione diretto o di rigore;
6) usa un linguaggio ripetutamente o ostentatamente blasfemo;
7) ingiuria o minaccia con parole o gesti una persona.
b) Un calciatore deve essere espulso con l'esibizione del cartellino verde e abbandonare definitivamente il recinto di gioco, con la possibilità di essere sostituito, se riceve una seconda ammonizione nel corso della stessa gara. Qualora il giocatore espulso con cartellino verde commettesse, prima dell'ingresso in campo del subentrante, un ulteriore atto illecito sanzionabile con l'espulsione, la sostituzione prevista non potrà essere più effettuata. Qualora, invece, il giocatore espulso con cartellino verde commettesse, dopo l'ingresso in campo del subentrante, un ulteriore atto illecito sanzionabile con l'espulsione, la sostituzione sarà valida.
c) Costituiscono condotta gravemente sleale i falli -sanzionabili con punizioni dirette - tesi a impedire con qualsiasi mezzo illecito l'evidente opportunità di segnare una rete a porta sguarnita. Con evidente opportunità di segnare una rete si intende: trattenere da tergo o fermare comunque (per la maglia, per i calzoncini, per le braccia, per le gambe, con uno sgambetto o in qualsiasi altro modo) un giocatore lanciato verso la porta avversaria, senza che nessun altro difendente (portiere compreso) gli si frapponga. Qualora tale infrazione sia commessa dal portiere, quest'ultimo deve essere espulso se, disinteressandosi del pallone, commette fallo o, pur avendo toccato il pallone, viene superato dall'avversario e commette fallo da tergo.
d) In caso di ostruzionismo o disobbedienza da parte di una squadra, l'arbitro deve chiedere al capitano della squadra colpevole di invitare i suoi compagni a tenere un comportamento corretto. Qualora il capitano non cooperasse, l'arbitro deve espellerlo e rivolgere lo stesso invito al vice capitano. In caso mancata collaborazione il direttore di gara deve espellerlo e interrompere definitivamente la gara. L'interruzione definitiva della gara deve essere decisa anche nel caso in cui, nonostante il fattivo interessamento del capitano o del vice capitano, il comportamento dei calciatori resti immutato.
e) Le integrazioni dei giocatori espulsi con cartellino rosso vanno effettuate a gioco fermo, con il consenso dell'arbitro e dopo 2 minuti dalla ripresa del gioco, anche in modalità volante.
f) Il conteggio del tempo, a partire dalla ripresa del gioco, deve essere effettuato dal secondo arbitro, se previsto. In caso di espulsione di un calciatore alla fine di un periodo di gioco, il conteggio del tempo di penalizzazione deve essere proseguito nel tempo successivo, anche negli eventuali supplementari.
g) I giocatori espulsi possono essere sostituiti anche dopo la segnatura di una rete, secondo le seguenti modalità:
1) se le quadre giocano 5 giocatori contro 4 e quella in superiorità numerica segna una rete, la squadra in inferiorità può essere completata;
2) se le squadre giocano 4 giocatori contro 4 e viene segnata una rete (a prescindere da chi segna) le squadre possono essere completate;
3) se le squadre giocano 5 giocatori contro 3 ovvero 4 contro 3 e quella in superiorità numerica segna una rete, la squadra in inferiorità può reintegrarne uno;
4) se le squadre giocano 3 giocatori contro 3 e viene segnata una rete, le squadre possono includere un solo giocatore ciascuna;
5) se la squadra in inferiorità numerica segna una rete il gioco prosegue senza integrazioni.
Tale regola è riassunta nel seguente prospetto:
squadre segna una rete espulsi sostituibili della squadra
A B ↓ ↓ ↓
5 4 A 1 B
5 4 B NO B
4 4 A o B 1 A e B
3 3 A o B 1 A e B
4 3 A 1 B
4 3 B NO A e B
Riserve sulla regolarità della gara.Nel caso in cui il capitano di una squadra esprima riserve sulla regolarità della gara, l’arbitro, alla presenza del capitano della squadra avversaria, deve riportarle sul proprio referto.

16 Espulsione

a) Un calciatore deve essere espulso con l’esibizione del cartellino rosso e abbandonare definitivamente il recinto di gioco se:
1) commette un fallo violento di gioco;
2) tiene una condotta violenta, compreso un tackle da dietro, di lato o da davanti, che provochi o possa provocare un infortunio all’avversario;
3) sputa verso una persona;
4) impedisce alla squadra avversaria di segnare una rete o la priva di una evidente occasione da rete, toccando volontariamente il pallone con le mani (ciò non si applica al portiere dentro la propria area di rigore);
5) annulla una chiara occasione da rete, commettendo su un calciatore, che si dirige verso la porta avversaria, un fallo punibile con un calcio di punizione diretto o di rigore;
6) usa un linguaggio ripetutamente o ostentatamente blasfemo;
7) ingiuria o minaccia con parole o gesti una persona.
b) Un calciatore deve essere espulso con l’esibizione del cartellino verde e abbandonare definitivamente il recinto di gioco, con la possibilità di essere sostituito, se riceve una seconda ammonizione nel corso della stessa gara. Qualora il giocatore espulso con cartellino verde commettesse, prima dell'ingresso in campo del subentrante, un ulteriore atto illecito sanzionabile con l'espulsione, la sostituzione prevista non potrà essere più effettuata. Qualora, invece, il giocatore espulso con cartellino verde commettesse, dopo l'ingresso in campo del subentrante, un ulteriore atto illecito sanzionabile con l'espulsione, la sostituzione sarà valida.
c) Costituiscono condotta gravemente sleale i falli - sanzionabili con punizioni dirette - tesi a impedire con qualsiasi mezzo illecito l’evidente opportunità di segnare una rete a porta sguarnita. Con evidente opportunità di segnare una rete si intende: trattenere da tergo o fermare comunque (per la maglia, per i calzoncini, per le braccia, per le gambe, con uno sgambetto o in qualsiasi altro modo) un giocatore lanciato verso la porta avversaria, senza che nessun altro difendente (portiere compreso) gli si frapponga. Qualora tale infrazione sia commessa dal portiere, quest’ultimo deve essere espulso se, disinteressandosi del pallone, commette fallo o, pur avendo toccato il pallone, viene superato dall’avversario e commette fallo da tergo.
d) In caso di ostruzionismo o disobbedienza da parte di una squadra, l’Arbitro deve chiedere al Capitano della squadra colpevole di invitare i suoi compagni a tenere un comportamento corretto. Qualora il Capitano non cooperasse, l’arbitro deve espellerlo e rivolgere lo stesso invito al vice Capitano. In caso mancata collaborazione il Direttore di gara deve espellerlo e interrompere definitivamente la gara. L’interruzione definitiva della gara deve essere decisa anche nel caso in cui, nonostante il fattivo interessamento del Capitano o del vice Capitano, il comportamento dei calciatori resti immutato.
e) Le integrazioni dei giocatori espulsi direttamente vanno effettuate a gioco fermo, con il consenso dell’arbitro e dopo 2 minuti dalla sanzione.
f) Il conteggio del tempo, a partire dalla ripresa del gioco, deve essere effettuato dal secondo arbitro, se previsto. In caso di espulsione di un calciatore alla fine di un periodo di gioco, il conteggio del tempo di penalizzazione deve essere proseguito nel tempo successivo, anche negli eventuali supplementari.
g) I giocatori espulsi possono essere sostituiti anche dopo la segnatura di una rete, secondo le seguenti modalità:
1) se le squadre giocano 5 giocatori contro 4 e quella in superiorità numerica segna una rete, la squadra in inferiorità può essere completata;
2) se le squadre giocano 4 giocatori contro 4 e viene segnata una rete (a prescindere da chi segna) le squadre possono essere completate;
3) se le squadre giocano 5 giocatori contro 3 ovvero 4 contro 3 e quella in superiorità numerica segna una rete, la squadra in inferiorità può reintegrarne uno;
4) se le squadre giocano 3 giocatori contro 3 e viene segnata una rete, le squadre possono includere un solo giocatore ciascuna;
5) se la squadra in inferiorità numerica segna una rete il gioco prosegue senza integrazioni.
Tale regola è riassunta nel seguente prospetto:
squadre segna una rete espulsi sostituibili della squadra
A B ↓ ↓ ↓
5 4 A 1 B
5 4 B NO B
4 4 A o B 1 A e B
3 3 A o B 1 A e B
4 3 A 1 B
4 3 B NO A e B
Riserve sulla regolarità della gara.Nel caso in cui il Capitano di una squadra esprima riserve sulla regolarità della gara, l’Arbitro, alla presenza del Capitano della squadra avversaria, deve riportarle sul proprio referto.

16 Espulsione

a) Un calciatore deve essere espulso (cartellino rosso) e abbandonare definitivamente il recinto di gioco se:
1) commette un fallo violento di gioco;
2) tiene una condotta violenta, compreso un tackle da dietro, di lato o da davanti, che provochi o possa provocare un infortunio all’avversario;
3) sputa verso una persona;
4) impedisce alla squadra avversaria di segnare una rete o la priva di una evidente occasione da rete, toccando volontariamente il pallone con le mani (ciò non si applica al portiere dentro la propria area di rigore);
5) annulla una chiara occasione da rete, commettendo su un calciatore, che si dirige verso la porta avversaria, un fallo punibile con un calcio di punizione diretto o di rigore;
6) usa un linguaggio ripetutamente o ostentatamente blasfemo;
7) ingiuria o minaccia con parole o gesti una persona.
b) Un calciatore deve essere espulso (cartellino verde) e abbandonare definitivamente il recinto di gioco, con la possibilità di essere sostituito, se riceve una seconda ammonizione nel corso della stessa gara.
c) Costituiscono condotta gravemente sleale i falli - sanzionabili con punizioni dirette - tesi a impedire con qualsiasi mezzo illecito l’evidente opportunità di segnare una rete a porta sguarnita. Con evidente opportunità di segnare una rete si intende: trattenere da tergo o fermare comunque (per la maglia, per i calzoncini, per le braccia, per le gambe, con uno sgambetto o in qualsiasi altro modo) un avversario lanciato verso la porta avversaria, senza che nessun altro difendente (portiere compreso) gli si frapponga. Qualora tale infrazione sia commessa dal portiere, quest’ultimo deve essere espulso se, disinteressandosi del pallone, commette fallo o, pur avendo toccato il pallone, viene superato dall’avversario e commette fallo da tergo.
d) In caso di ostruzionismo o disobbedienza da parte di una squadra, l’Arbitro deve chiedere al Capitano della squadra colpevole di invitare i suoi compagni a tenere un comportamento corretto. Qualora il Capitano non cooperasse, l’arbitro deve espellerlo e rivolgere lo stesso invito al vice Capitano. In caso mancata collaborazione il Direttore di gara deve espellerlo e interrompere definitivamente la gara. L’interruzione definitiva della gara deve essere decisa anche nel caso in cui, nonostante il fattivo interessamento del Capitano o del vice Capitano, il comportamento dei calciatori resti immutato.
e) Le sostituzioni dei giocatori espulsi vanno effettuate a gioco fermo, con il consenso dell’arbitro e dopo 2 minuti dalla sanzione.
f) Il conteggio del tempo, a partire dalla ripresa del gioco, deve essere effettuato dal secondo arbitro, se previsto. In caso di espulsione di un calciatore alla fine di un periodo di gioco, il conteggio del tempo di penalizzazione deve essere proseguito nel tempo successivo, anche negli eventuali supplementari.
g) I giocatori espulsi possono essere sostituiti anche dopo la segnatura di una rete, secondo le seguenti modalità:
1) se le squadre giocano 5 giocatori contro 4 e quella in superiorità numerica segna una rete, la squadra in inferiorità può essere completata;
2) se le squadre giocano 4 giocatori contro 4 e viene segnata una rete (a prescindere da chi segna) le squadre possono essere completate;
3) se le squadre giocano 5 giocatori contro 3 ovvero 4 contro 3 e quella in superiorità numerica segna una rete, la squadra in inferiorità può reintegrarne uno;
4) se le squadre giocano 3 giocatori contro 3 e viene segnata una rete, le squadre possono includere un solo giocatore ciascuna;
5) se la squadra in inferiorità numerica segna una rete il gioco prosegue senza integrazioni.
Tale regola è riassunta nel seguente prospetto:
squadre segna una rete espulsi sostituibili della squadra
A B ↓ ↓ ↓
5 4 A 1 B
5 4 B NO B
4 4 A o B 1 A e B
3 3 A o B 1 A e B
4 3 A 1 B
4 3 B NO A e B
Riserve sulla regolarità della gara.Nel caso in cui il Capitano di una squadra esprima riserve sulla regolarità della gara, l’Arbitro, alla presenza del Capitano della squadra avversaria, deve riportarle sul proprio referto.

16 Espulsione

a) Un calciatore deve essere espulso e abbandonare definitivamente il recinto di gioco se:
1) commette un fallo violento di gioco;
2) tiene una condotta violenta, compreso un tackle da dietro, di lato o da davanti, che provochi o possa provocare un infortunio all’avversario;
3) sputa verso una persona;
4) impedisce alla squadra avversaria di segnare una rete o la priva di una evidente occasione da rete, toccando volontariamente il pallone con le mani (ciò non si applica al portiere dentro la propria area di rigore);
5) annulla una chiara occasione da rete, commettendo su un calciatore, che si dirige verso la porta avversaria, un fallo punibile con un calcio di punizione diretto o di rigore;
6) usa un linguaggio ripetutamente o ostentatamente blasfemo;
7) ingiuria o minaccia con parole o gesti una persona;
8) riceve una seconda ammonizione nel corso della stessa gara.
b) Costituiscono condotta gravemente sleale i falli - sanzionabili con punizioni dirette - tesi a impedire con qualsiasi mezzo illecito l’evidente opportunità di segnare una rete a porta sguarnita. Con evidente opportunità di segnare una rete si intende: trattenere da tergo o fermare comunque (per la maglia, per i calzoncini, per le braccia, per le gambe, con uno sgambetto o in qualsiasi altro modo) un avversario lanciato verso la porta avversaria, senza che nessun altro difendente (portiere compreso) gli si frapponga. Qualora tale infrazione sia commessa dal portiere, quest’ultimo deve essere espulso se, disinteressandosi del pallone, commette fallo o, pur avendo toccato il pallone, viene superato dall’avversario e commette fallo da tergo.
c) In caso di ostruzionismo o disobbedienza da parte di una squadra, l’Arbitro deve chiedere al Capitano della squadra colpevole di invitare i suoi compagni a tenere un comportamento corretto. Qualora il Capitano non cooperasse, l’arbitro deve espellerlo e rivolgere lo stesso invito al vice Capitano. In caso mancata collaborazione il Direttore di gara deve espellerlo e interrompere definitivamente la gara. L’interruzione definitiva della gara deve essere decisa anche nel caso in cui, nonostante il fattivo interessamento del Capitano o del vice Capitano, il comportamento dei calciatori resti immutato.
d) Le sostituzioni dei giocatori espulsi vanno effettuate a gioco fermo, con il consenso dell’arbitro e dopo 2 minuti dalla sanzione.
e) Il conteggio del tempo, a partire dalla ripresa del gioco, deve essere effettuato dal secondo arbitro, se previsto. In caso di espulsione di un calciatore alla fine di un periodo di gioco, il conteggio del tempo di penalizzazione deve essere proseguito nel tempo successivo, anche negli eventuali supplementari.
f) I giocatori espulsi possono essere sostituiti anche dopo la segnatura di una rete, secondo le seguenti modalità:
1) se le squadre giocano 5 giocatori contro 4 e quella in superiorità numerica segna una rete, la squadra in inferiorità può essere completata;
2) se le squadre giocano 4 giocatori contro 4 e viene segnata una rete (a prescindere da chi segna) le squadre possono essere completate;
3) se le squadre giocano 5 giocatori contro 3 ovvero 4 contro 3 e quella in superiorità numerica segna una rete, la squadra in inferiorità può reintegrarne uno;
4) se le squadre giocano 3 giocatori contro 3 e viene segnata una rete, le squadre possono includere un solo giocatore ciascuna;
5) se la squadra in inferiorità numerica segna una rete il gioco prosegue senza integrazioni.
Tale regola è riassunta nel seguente prospetto:
squadre segna una rete espulsi sostituibili della squadra
A B ↓ ↓ ↓
5 4 A 1 B
5 4 B NO B
4 4 A o B 1 A e B
3 3 A o B 1 A e B
4 3 A 1 B
4 3 B NO A e B
Riserve sulla regolarità della gara.Nel caso in cui il Capitano di una squadra esprima riserve sulla regolarità della gara, l’Arbitro, alla presenza del Capitano della squadra avversaria, deve riportarle sul proprio referto.

16 Espulsione

a) Un calciatore deve essere espulso e abbandonare definitivamente il recinto di gioco se:
1) è colpevole di condotta violenta o gravemente sleale;
2) pronunica frasi ingiuriose o volgari;
3) incorre nella seconda amminizione;
b) Costituiscono condotta gravemente sleale i falli - sanzionabili con punizioni dirette - tesi a impedire con qualsiasi mezzo illecito l’evidente opportunità di segnare una rete a porta sguarnita. Con evidente opportunità di segnare una rete si intende: trattenere da tergo o fermare comunque (per la maglia, per i calzoncini, per le braccia, per le gambe, con uno sgambetto o in qualsiasi altro modo) un avversario lanciato verso la porta avversaria, senza che nessun altro difendente (portiere compreso) gli si frapponga. Qualora tale infrazione sia commessa dal portiere, quest’ultimo deve essere espulso se, disinteressandosi del pallone, commette fallo o, pur avendo toccato il pallone, viene superato dall’avversario e commette fallo da tergo.
c) In caso di ostruzionismo o disobbedienza da parte di una squadra, l’Arbitro deve chiedere al Capitano della squadra colpevole di invitare i suoi compagni a tenere un comportamento corretto. Qualora il Capitano non cooperasse, l’arbitro deve espellerlo e rivolgere lo stesso invito al vice Capitano. In caso mancata collaborazione il Direttore di gara deve espellerlo e interrompere definitivamente la gara. L’interruzione definitiva della gara deve essere decisa anche nel caso in cui, nonostante il fattivo interessamento del Capitano o del vice Capitano, il comportamento dei calciatori resti immutato.
d) Le sostituzioni dei giocatori espulsi vanno effettuate a gioco fermo, con il consenso dell’arbitro e dopo 2 minuti dalla sanzione.
e) Il conteggio del tempo, a partire dalla ripresa del gioco, deve essere effettuato dal secondo arbitro, se previsto. In caso di espulsione di un calciatore alla fine di un periodo di gioco, il conteggio del tempo di penalizzazione deve essere proseguito nel tempo successivo, anche negli eventuali supplementari.
f) I giocatori espulsi possono essere sostituiti anche dopo la segnatura di una rete, secondo le seguenti modalità:
1) se le squadre giocano 5 giocatori contro 4 e quella in superiorità numerica segna una rete, la squadra in inferiorità può essere completata;
2) se le squadre giocano 4 giocatori contro 4 e viene segnata una rete (a prescindere da chi segna) le squadre possono essere completate;
3) se le squadre giocano 5 giocatori contro 3 ovvero 4 contro 3 e quella in superiorità numerica segna una rete, la squadra in inferiorità può reintegrarne uno;
4) se le squadre giocano 3 giocatori contro 3 e viene segnata una rete, le squadre possono includere un solo giocatore ciascuna;
5) se la squadra in inferiorità numerica segna una rete il gioco prosegue senza integrazioni.
Tale regola è riassunta nel seguente prospetto:
squadre segna una rete espulsi sostituibili della squadra
A B ↓ ↓ ↓
5 4 A 1 B
5 4 B NO B
4 4 A o B 1 A e B
3 3 A o B 1 A e B
4 3 A 1 B
4 3 B NO A e B
Riserve sulla regolarità della gara.Nel caso in cui il Capitano di una squadra esprima riserve sulla regolarità della gara, l’Arbitro, alla presenza del Capitano della squadra avversaria, deve riportarle sul proprio referto.

16 Espulsione

a) Un tesserato, indipendentemente che si trovi in campo o in panchina e indifferentemente dal ruolo o funzione svolta, deve essere espulso con l’esibizione del cartellino rosso e abbandonare definitivamente il recinto di gioco se:
1) commette un fallo violento di gioco;
2) tiene una condotta violenta, compreso un tackle da dietro, di lato o da davanti, che provochi o possa provocare un infortunio all’avversario;
3) commette un atto gravemente sleale teso a impedire, con qualsiasi mezzo illecito, di segnare una rete a porta sguarnita. Per mezzo illecito si intende:
I) trattenere da tergo o fermare comunque (per la maglia, per i calzoncini, per le braccia, per le gambe, con uno sgambetto o in qualsiasi altro modo) un giocatore lanciato verso la porta avversaria, senza che nessun altro difendente (portiere compreso) gli si frapponga. Qualora tale infrazione sia commessa dal portiere, quest'ultimo deve essere espulso se, disinteressandosi del pallone, commette fallo o, pur avendolo toccato, viene superato dall'avversario e commette fallo da tergo;
II) impedire con le mani al pallone di entrare in rete (eccetto il portiere nella propria area di rigore;
4) riceve una seconda ammonizione nel corso della stessa gara.
b) Un tesserato, indipendentemente che si trovi in campo o in panchina e indifferentemente dal ruolo o funzione svolta, deve essere espulso con l’esibizione del cartellino verde e abbandonare definitivamente il recinto di gioco, con la possibilità di essere sostituito, se:
1) manifesta, con parole o gesti, la propria disapprovazione nei confronti dell'arbitro in maniera offensiva o gravemente irrispettosa:
2) usa un linguaggio ripetutamente o ostentatamente blasfemo;
3) ingiuria o minaccia con parole o gesti una persona;
4) sputa verso una persona.
Qualora il giocatore espulso con cartellino verde commettesse, prima dell'ingresso in campo del subentrante, un ulteriore atto illecito sanzionabile con l'espulsione con cartellino rosso, la sostituzione prevista non potrà essere più effettuata. Qualora, invece, il giocatore espulso con cartellino verde commettesse, dopo l'ingresso in campo del subentrante, un ulteriore atto illecito sanzionabile con l'espulsione con cartellino rosso, la sostituzione sarà valida.
c) Le integrazioni dei giocatori espulsi con il cartellino rosso vanno effettuate con il consenso dell'arbitro e dopo 2 minuti dalla ripresa del gioco, anche in modalità volante.
Il conteggio del tempo, a partire dalla ripresa del gioco, deve essere effettuato dal secondo arbitro, se previsto. In caso di espulsione di un calciatore alla fine di un periodo di gioco, il conteggio del tempo di penalizzazione deve essere proseguito nel tempo successivo, anche negli eventuali supplementari.
d) I giocatori espulsi possono essere sostituiti anche dopo la segnatura di una rete, secondo le seguenti modalità:
1) se le squadre giocano 5 giocatori contro 4 e quella in superiorità numerica segna una rete, la squadra in inferiorità può essere completata;
2) se le squadre giocano 4 giocatori contro 4 e viene segnata una rete (a prescindere da chi segna) le squadre possono essere completate;
3) se le squadre giocano 5 giocatori contro 3 ovvero 4 contro 3 e quella in superiorità numerica segna una rete, la squadra in inferiorità può reintegrarne uno;
4) se le squadre giocano 3 giocatori contro 3 e viene segnata una rete, le squadre possono includere un solo giocatore ciascuna;
5) se la squadra in inferiorità numerica segna una rete il gioco prosegue senza integrazioni.
Tale regola è riassunta nel seguente prospetto:
squadre segna una rete espulsi sostituibili della squadra
A B ↓ ↓ ↓
5 4 A 1 B
5 4 B NO B
4 4 A o B 1 A e B
3 3 A o B 1 A e B
4 3 A 1 B
4 3 B NO A e B
Comportamento ostruzionistico.
In caso di ostruzionismo o disobbedienza da parte di una squadra, l'Arbitro deve chiedere al Capitano della squadra colpevole di invitare i suoi compagni a tenere un comportamento corretto. Qualora il Capitano non cooperasse, l'Arbitro deve espellerlo con il cartellino rosso e rivolgere lo stesso invito al vice Capitano. In caso di mancata collaborazione, il Direttore di gara deve espellerlo, sempre con il cartellino rosso, e interrompere definitivamente la gara. L'interruzione definitiva della gara deve essere decisa anche nel caso in cui, nonostante il fattivo interessamento del Capitano o del vice Capitano, il comportamento dei giocatori resti immutato.
Riserve sulla regolarità della gara.Nel caso in cui il Capitano di una squadra esprima riserve sulla regolarità della gara, l’Arbitro, alla presenza del Capitano della squadra avversaria, deve riportarle sul proprio referto.

Articolo precedente: 15 Ammonizione
Articolo successivo: 17 Tiri di rigore per la determinazione della squadra vincente
Print Friendly, PDF & Email