normativa

Normativa - Regolamento Calcio a 5
In vigore dal 20/06/2013
Per visualizzare il precedente testo dell'articolo (a destra) e le differenze rispetto a quello oggi in vigore clicca sulle seguenti date: 30/06/2012, 02/09/2010, 03/09/2009, 31/07/2007, 10/08/2006, 26/07/2000

14ter Calcio di rigore

a) Il rigore è un calcio di punizione diretto e deve essere battuto dal punto del calcio di rigore (art. 1/c) dopo il fischio dell’Arbitro, pena la sua ripetizione.
Il calciatore incaricato di battere il calcio di rigore deve essere chiaramente identificato.
Se il rigore viene calciato senza preavviso da un compagno del giocatore designato, il gioco riprenderà con un calcio di punizione indiretto a favore della squadra avversaria dal punto del calcio di rigore, previa ammonizione del giocatore che ha commesso l'infrazione.
b) Prima dell’esecuzione, tutti i calciatori, a eccezione dell’incaricato del tiro, devono stare all’interno del terreno di gioco, ma fuori dell’area di rigore, dietro la linea del punto del calcio di rigore e a una distanza di almeno mt. 5 dal punto del calcio di rigore. Il portiere difendente deve trovarsi, tra i pali, sulla linea della propria porta, senza muovere i piedi prima che il pallone sia calciato.L’incaricato al tiro deve calciare il pallone in avanti e non può toccarlo una seconda volta prima che lo stesso sia toccato da un altro giocatore.
c) Se il calcio di rigore viene concesso al termine di uno dei tempi regolamentari o supplementari (art.6/b) l’eventuale rete è valida se il pallone entra in porta prima che si sia esaurito l’effetto dinamico l’effetto dinamico prodotto dal tiro.
d) Nel caso sia commessa un’infrazione al comma b) da parte:
1- di un calciatore della squadra difendente, il calcio di rigore deve essere ripetuto se la rete non è stata segnata.
2- di un calciatore della squadra attaccante, la rete deve essere annullata e il calcio di rigore ripetuto, salvo il caso in cui il calciatore che ha battuto il calcio di rigore tocchi un’altra volta il pallone dopo averlo calciato.
e) Un calciatore quando batte un calcio di rigore può effettuare una finta, ma non gli è consentito arrestare la rincorsa, pena l’ammonizione e l’annullamento della rete. In questo caso deve essere disposta la ripetizione del calcio di rigore.

14ter Calcio di rigore

a) Il rigore è un calcio di punizione diretto e deve essere battuto dal punto del calcio di rigore (art. 1/c) dopo il fischio dell’Arbitro, pena la sua ripetizione.
Il calciatore incaricato di battere il calcio di rigore deve essere chiaramente identificato.
b) Prima dell’esecuzione, tutti i calciatori, a eccezione dell’incaricato del tiro, devono stare all’interno del terreno di gioco, ma fuori dell’area di rigore, dietro la linea del punto del calcio di rigore e a una distanza di almeno mt. 5 dal punto del calcio di rigore. Il portiere difendente deve trovarsi, tra i pali, sulla linea della propria porta, senza muovere i piedi prima che il pallone sia calciato.L’incaricato al tiro deve calciare il pallone in avanti e non può toccarlo una seconda volta prima che lo stesso sia toccato da un altro giocatore.
c) Se il calcio di rigore viene concesso al termine di uno dei tempi regolamentari o supplementari (art.6/b) l’eventuale rete è valida se il pallone entra in porta prima che si sia esaurito l’effetto dinamico l’effetto dinamico prodotto dal tiro.
d) Nel caso sia commessa un’infrazione al comma b) da parte:
1- di un calciatore della squadra difendente, il calcio di rigore deve essere ripetuto se la rete non è stata segnata.
2- di un calciatore della squadra attaccante, la rete deve essere annullata e il calcio di rigore ripetuto, salvo il caso in cui il calciatore che ha battuto il calcio di rigore tocchi un’altra volta il pallone dopo averlo calciato.
e) Un calciatore quando batte un calcio di rigore può effettuare una finta, ma non gli è consentito arrestare la rincorsa, pena l’ammonizione e l’annullamento della rete. In questo caso deve essere disposta la ripetizione del calcio di rigore.

14ter Calcio di rigore

a) Il rigore è un calcio di punizione diretto e deve essere battuto dal punto del calcio di rigore (art. 1/c) dopo il fischio dell’Arbitro, pena la sua ripetizione.
b) Prima dell’esecuzione, tutti i calciatori, a eccezione dell’incaricato del tiro, devono stare all’interno del rettangolo di gioco, ma fuori dell’area di rigore a una distanza di almeno mt. 5 dal punto del calcio di rigore. Il portiere difendente deve trovarsi, tra i pali, sulla linea della propria porta, senza muovere i piedi prima che il pallone sia calciato.L’incaricato al tiro deve calciare il pallone in avanti e non può toccarlo una seconda volta prima che lo stesso sia toccato da un altro giocatore.
c) Se il calcio di rigore viene concesso al termine di uno dei tempi regolamentari o supplementari (art.6/b) l’eventuale rete è valida se il pallone entra in porta prima che si sia interrotto l’effetto dinamico prodotto dal tiro (per esempio: dopo che la palla ha toccato uno o entrambi i pali della porta o la sbarra trasversale o il portiere).
d) Nel caso sia commessa un’infrazione al comma b) da parte:
1- di un calciatore della squadra difendente, il calcio di rigore deve essere ripetuto se la rete non è stata segnata.
2- di un calciatore della squadra attaccante, la rete deve essere annullata e il calcio di rigore ripetuto, salvo il caso in cui il calciatore che ha battuto il calcio di rigore tocchi un’altra volta il pallone dopo averlo calciato.
e) Un calciatore quando batte un calcio di rigore può effettuare una finta, ma non gli è consentito arrestare la rincorsa, pena l’ammonizione e l’annullamento della rete. In questo caso deve essere disposta la ripetizione del calcio di rigore.

14ter Calcio di rigore

a) Il rigore è un calcio di punizione diretto e deve essere battuto dal punto del calcio di rigore (art. 1/b) dopo il fischio dell’Arbitro, pena la sua ripetizione.
b) Prima dell’esecuzione, tutti i calciatori, a eccezione dell’incaricato del tiro, devono stare all’interno del rettangolo di gioco, ma fuori dell’area di rigore a una distanza di almeno mt. 5 dal punto del calcio di rigore. Il portiere difendente deve trovarsi, tra i pali, sulla linea della propria porta, senza muovere i piedi prima che il pallone sia calciato.L’incaricato al tiro deve calciare il pallone in avanti e non può toccarlo una seconda volta prima che lo stesso sia toccato da un altro giocatore.
c) Se il calcio di rigore viene concesso al termine di uno dei tempi regolamentari o supplementari (art.6/b) l’eventuale rete è valida se il pallone entra in porta prima che si sia interrotto l’effetto dinamico prodotto dal tiro (per esempio: dopo che la palla ha toccato uno o entrambi i pali della porta o la sbarra trasversale o il portiere).
d) Nel caso sia commessa un’infrazione al comma b) da parte:
1- di un calciatore della squadra difendente, il calcio di rigore deve essere ripetuto se la rete non è stata segnata.
2- di un calciatore della squadra attaccante, la rete deve essere annullata e il calcio di rigore ripetuto, salvo il caso in cui il calciatore che ha battuto il calcio di rigore tocchi un’altra volta il pallone dopo averlo calciato (art. 10/g).
e) Un calciatore quando batte un calcio di rigore può effettuare una finta, ma non gli è consentito arrestare la rincorsa, pena l’ammonizione e l’annullamento della rete. In questo caso deve essere disposta la ripetizione del calcio di rigore.

14ter Calcio di rigore

a) Il rigore è un calcio di punizione diretto e deve essere battuto dal punto del calcio di rigore (art. 1/b) dopo il fischio dell’Arbitro, pena la sua ripetizione.
b) Prima dell’esecuzione, tutti i calciatori, a eccezione dell’incaricato del tiro, devono stare all’interno del rettangolo di gioco, ma fuori dell’area di rigore a una distanza di almeno mt. 5 dal punto del calcio di rigore. Il portiere difendente deve trovarsi, tra i pali, sulla linea della propria porta, senza muovere i piedi prima che il pallone sia calciato.L’incaricato al tiro deve calciare il pallone in avanti e non può toccarlo una seconda volta prima che lo stesso sia toccato da un altro giocatore.
c) Se il calcio di rigore viene concesso al termine di uno dei tempi regolamentari o supplementari (art.6/b) l’eventuale rete è valida se il pallone entra in porta prima che si sia interrotto l’effetto dinamico prodotto dal tiro (per esempio: dopo che la palla ha toccato uno o entrambi i pali della porta o la sbarra trasversale o il portiere).
d) Nel caso sia commessa un’infrazione al comma b) da parte:
1- di un calciatore della squadra difendente, il calcio di rigore deve essere ripetuto se la rete non è stata segnata.
2- di un calciatore della squadra attaccante, la rete deve essere annullata e il calcio di rigore ripetuto, salvo il caso in cui il calciatore che ha battuto il calcio di rigore tocchi un’altra volta il pallone dopo averlo calciato (art. 10/g).
e) Un calciatore quando batte un calcio di rigore può effettuare una finta, ma non gli è consentito arrestare la rincorsa, pena l’ammonizione e l’annullamento della rete. In questo caso deve essere disposta la ripetizione del calcio di rigore.
f) Per determinare la squadra vincente, in caso di gare a eliminazione diretta, l'arbitro fa battere, al termine di due periodi di gara o dei tempi supplementari, se previsti 5 tiri di rigore secondo le seguenti modalità:
1- nessun calciatore espulso può calciare rigori;
2- i capitani delle rispettive squadre indicano all'arbitro i numeri di maglia dei giocatori incaricati di battere i rigori;
3- l'arbitro sceglie la porta verso la quale devono essere i battuti i rigori medesimi;
4- l'arbitro procede con i capitani al sorteggio della squadra;
La vincente eseguirà il primo tiro;
5- tutti i calciatori devono sostare nella metà del terreno di gioco opposta a quella dove si battono i rigori, eccetto il portiere non impegnato, che deve stare fuori dell'area;
6- qualsiasi calciatore può sostituire il portiere;
7- i rigori devono essere calciati, alternativamente, da cinque giocatori diversi di entrambe le squadre;
8- perdurando la parità, deve essere calciato ad oltranza-da giocatori diversi dai primi cinque e a esaurimento dei calciatori in lista gara-un rigore per parte fino a quando, a parità di tiri, una squadra realizza una rete più dell'altra;
9- in caso di ulteriore parità, le squadre designano di volta in volta il giocatore incaricato di battere un nuovo rigore;
10- le serie dei rigori possono essere ripetute fino a quando una squadra, a parità di tiri, realizza una rete più dell'altra;
11- qualora abbiano calciato un rigore tutti i giocatori di una squadra che ha concluso la gara in inferiorità numerica l'altra, senza terminare la rotazione, può far calciare nuovamente il rigore a un suo giocatore che lo ha gia tirato.

14ter Calcio di rigore

a) Il rigore è un calcio di punizione diretto e deve essere battuto dal punto del calcio di rigore (art. 1/b) dopo il fischio dell’Arbitro, pena la sua ripetizione.
b) Prima dell’esecuzione, tutti i calciatori, a eccezione dell’incaricato del tiro, devono stare all’interno del rettangolo di gioco, ma fuori dell’area di rigore a una distanza di almeno mt. 5 dal punto del calcio di rigore. Il portiere difendente deve trovarsi, tra i pali, sulla linea della propria porta, senza muovere i piedi prima che il pallone sia calciato.L’incaricato al tiro deve calciare il pallone in avanti e non può toccarlo una seconda volta prima che lo stesso sia toccato da un altro giocatore.
c) Se il calcio di rigore viene concesso al termine di uno dei tempi regolamentari o supplementari (art.6/b) l’eventuale rete è valida se il pallone entra in porta prima che si sia interrotto l’effetto dinamico prodotto dal tiro (per esempio: dopo che la palla ha toccato uno o entrambi i pali della porta o la sbarra trasversale o il portiere).
d) Nel caso sia commessa un’infrazione al comma b) da parte:
1- di un calciatore della squadra difendente, il calcio di rigore deve essere ripetuto se la rete non è stata segnata.
2- di un calciatore della squadra attaccante, la rete deve essere annullata e il calcio di rigore ripetuto, salvo il caso in cui il calciatore che ha battuto il calcio di rigore tocchi un’altra volta il pallone dopo averlo calciato (art. 10/g).
e) Un calciatore quando batte un calcio di rigore può effettuare una finta, ma non gli è consentito arrestare la rincorsa, pena l’ammonizione e l’annullamento della rete. In questo caso deve essere disposta la ripetizione del calcio di rigore.
f) Per determinare la squadra vincente, in caso di gare a eliminazione diretta, l'arbitro fa battere, al termine di due periodi di gara o dei tempi supplementari, se previsti 5 tiri di rigore secondo le seguenti modalità:
1- nessun calciatore espulso può calciare rigori;
2- i capitani delle rispettive squadre indicano all'arbitro i numeri di maglia dei giocatori incaricati di battere i rigori;
3- l'arbitro sceglie la porta verso la quale devono essere i battuti i rigori medesimi;
4- l'arbitro effettua il sorteggio per decidere quale squadra effettua il primo tiro;
5- tutti i calciatori devono sostare nella metà del terreno di gioco opposta a quella dove si battono i rigori, eccetto il portiere non impegnato, che deve stare fuori dell'area;
6- qualsiasi calciatore può sostituire il portiere;
7- i rigori devono essere calciati, alternativamente, da cinque giocatori diversi di entrambe le squadre;
8- perdurando la parità, deve essere calciato ad oltranza-da giocatori diversi dai primi cinque e a esaurimento dei calciatori in lista gara-un rigore per parte fino a quando, a parità di tiri, una squadra realizza una rete più dell'altra;
9- in caso di ulteriore parità, le squadre designano di volta in volta il giocatore incaricato di battere un nuovo rigore;
10- le serie dei rigori possono essere ripetute fino a quando una squadra, a parità di tiri, realizza una rete più dell'altra;
11- qualora abbiano calciato un rigore tutti i giocatori di una squadra che ha concluso la gara in inferiorità numerica l'altra, senza terminare la rotazione, può far calciare nuovamente il rigore a un suo giocatore che lo ha gia tirato.

14ter Calcio di rigore

a) Il rigore è un calcio di punizione diretto e deve essere battuto dal punto del calcio di rigore dopo il fischio dell’Arbitro, pena la sua ripetizione.
b) Prima dell’esecuzione, tutti i calciatori, a eccezione dell’incaricato del tiro, devono stare all’interno del rettangolo di gioco, ma fuori dell’area di rigore a una distanza di almeno mt. 5 dal punto del calcio di rigore. Il portiere difendente deve trovarsi, tra i pali, sulla linea della propria porta, senza muovere i piedi prima che il pallone sia calciato.L’incaricato al tiro deve calciare il pallone in avanti e non può toccarlo una seconda volta prima che lo stesso sia toccato da un altro giocatore.
c) Se il calcio di rigore viene concesso al termine di uno dei tempi regolamentari o supplementari l’eventuale rete è valida se il pallone entra in porta prima che si sia interrotto l’effetto dinamico prodotto dal tiro (per esempio: dopo che la palla ha toccato uno o entrambi i pali della porta o la sbarra trasversale o il portiere).
d) Nel caso sia commessa un’infrazione al comma b) da parte:
1- di un calciatore della squadra difendente, il calcio di rigore deve essere ripetuto se la rete non è stata segnata.
2- di un calciatore della squadra attaccante, la rete deve essere annullata e il calcio di rigore ripetuto, salvo il caso in cui il calciatore che ha battuto il calcio di rigore tocchi un’altra volta il pallone dopo averlo calciato.
e) Un calciatore quando batte un calcio di rigore può effettuare una finta, ma non gli è consentito arrestare la rincorsa, pena l’ammonizione e l’annullamento della rete. In questo caso deve essere disposta la ripetizione del calcio di rigore.
f) Per determinare la squadra vincente, in caso di gare a eliminazione diretta, l'arbitro fa battere, al termine di due periodi di gara o dei tempi supplementari, se previsti 5 tiri di rigore secondo le seguenti modalità:
1- nessun calciatore espulso può calciare rigori;
2- i capitani delle rispettive squadre indicano all'arbitro i numeri di maglia dei giocatori incaricati di battere i rigori;
3- l'arbitro sceglie la porta verso la quale devono essere i battuti i rigori medesimi;
4- l'arbitro effettua il sorteggio per decidere quale squadra effettua il primo tiro;
5- tutti i calciatori devono sostare nella metà del terreno di gioco opposta a quella dove si battono i rigori, eccetto il portiere non impegnato, che deve stare fuori dell'area;
6- qualsiasi calciatore può sostituire il portiere;
7- i rigori devono essere calciati, alternativamente, da cinque giocatori diversi di entrambe le squadre;
8- perdurando la parità, deve essere calciato ad oltranza-da giocatori diversi dai primi cinque e a esaurimento dei calciatori in lista gara-un rigore per parte fino a quando, a parità di tiri, una squadra realizza una rete più dell'altra;
9- in caso di ulteriore parità, le squadre designano di volta in volta il giocatore incaricato di battere un nuovo rigore;
10- le serie dei rigori possono essere ripetute fino a quando una squadra, a parità di tiri, realizza una rete più dell'altra;
11- qualora abbiano calciato un rigore tutti i giocatori di una squadra che ha concluso la gara in inferiorità numerica l'altra, senza terminare la rotazione, può far calciare nuovamente il rigore a un suo giocatore che lo ha gia tirato.

Articolo precedente: 14bis Punizioni indirette
Articolo successivo: 15 Ammonizione
Print Friendly, PDF & Email