Normativa

Normativa - Regolamento Calcio a 11
In vigore dal 01/09/2021
Per visualizzare il precedente testo dell'articolo (a destra) e le differenze rispetto a quello oggi in vigore clicca sulle seguenti date: 31/07/2007, 10/08/2006

11 Rimessa dal fondo

a) La rimessa dal fondo è la modalità con cui la squadra difendente riprende il gioco quando il pallone, toccato per ultimo da un giocatore della squadra avversaria, ha interamente superato la linea di porta per terra o in aria, senza che una rete sia stata segnata.
b) La rimessa deve essere calciata da un giocatore da un punto qualsiasi dell’area di porta.
c) I giocatori avversari devono posizionarsi al di fuori dell'area di rigore fino a quando il pallone non sia in gioco (art. 7 C11).
d) Chi ha battuto la rimessa dal fondo non può giocare il pallone una seconda volta prima che questo sia stato toccato da un altro giocatore.
e) Su rimessa dal fondo può essere segnata direttamente una rete.

INFRAZIONI E SANZIONI
f) In caso di violazione del punto d), se il pallone è in gioco, l'arbitro deve accordare alla squadra avversaria un calcio di punizione indiretto dal punto in cui è stata commessa l'infrazione o diretto se il pallone è stato toccato con le mani. Nel caso fosse il portiere a toccare il pallone con le mani il calcio di punizione sarà diretto solo se toccato fuori area.

11 Fuori gioco

Un calciatore si trova in posizione di fuori gioco quando è più vicino alla linea di porta avversaria sia rispetto al pallone, sia al penultimo avversario (qualunque parte della testa, del corpo o del piede del calciatore, escluse le braccia).
Un calciatore non si trova in posizione di fuori gioco quando:
• si trova nella propria metà del terreno di gioco;
• si trova in linea con il penultimo avversario;
• si trova in linea con i due ultimi avversari.
Essere in posizione di fuori gioco non è di per sé un’infrazione.
La posizione di fuori gioco di un calciatore deve essere punita solo se, nel momento in cui il pallone è toccato o giocato da uno dei suoi compagni, il calciatore, a giudizio dell’arbitro, prende parte attiva al gioco:
• intervenendo nel gioco (giocare o toccare il pallone calciato da un compagno di squadra);
• influenzando un avversario (impedire a un avversario, che ne è in grado, di giocare il pallone ostruendogli chiaramente la visuale, limitandogli i movimenti o facendo gesti e movimenti che lo ingannino o lo distraggano);
• traendo vantaggio da tale posizione (per esempio giocare un pallone che rimbalza sul palo o sulla traversa stando in una posizione di fuori gioco, oppure giocare un pallone che rimbalza su un avversario stando in posizione di fuori gioco).
Non è in fuori gioco il calciatore che riceve direttamente il pallone:
• su calcio di rinvio;
• su rimessa dalla linea laterale;
• su calcio d’angolo.
Per tutte le infrazioni alla Regola del fuorigioco, l’arbitro accorda alla squadra avversaria un calcio di punizione indiretto, che deve essere eseguito nel punto in cui l’infrazione è stata commessa.

11 Fuori gioco

Un calciatore si trova in posizione di fuori gioco quando è più vicino alla linea di porta avversaria (qualunque parte della testa, del corpo o del piede dal calciatore sia più vicino alla linea di porta avversaria rispetto al pallone e al penultimo difensore.Le braccia non sono incluse in questa definizione), sia rispetto al pallone, sia al penultimo avversario.
Un calciatore non si trova in posizione di fuori gioco quando:
• si trova nella propria metà del terreno di gioco;
• si trova in linea con il penultimo avversario;
• si trova in linea con i due ultimi avversari.
Essere in posizione di fuori gioco non è di per sé un’infrazione.
La posizione di fuori gioco di un calciatore deve essere punita solo se, nel momento in cui il pallone è toccato o giocato da uno dei suoi compagni, il calciatore, a giudizio dell’arbitro, prende parte attiva al gioco:
• intervenendo nel gioco (giocare o toccare il pallone calciato da un compagno di squadra);
• influenzando un avversario (impedire a un avversario, che ne è in grado, di giocare il pallone ostruendogli chiaramente la visuale, limitandogli i movimenti o facendo gesti e movimenti che lo ingannino o lo distraggano);
• traendo vantaggio da tale posizione (per esempio giocare un pallone che rimbalza sul palo o sulla traversa stando in una posizione di fuori gioco, oppure giocare un pallone che rimbalza su un avversario stando in posizione di fuori gioco).
Non è in fuori gioco il calciatore che riceve direttamente il pallone:
• su calcio di rinvio;
• su rimessa dalla linea laterale;
• su calcio d’angolo.
Per tutte le infrazioni alla Regola del fuorigioco, l’arbitro accorda alla squadra avversaria un calcio di punizione indiretto, che deve essere eseguito nel punto in cui l’infrazione è stata commessa.
Print Friendly, PDF & Email
Print Friendly, PDF & Email
We have placed cookies on your computer to help make this website better. Read the cookies policy
yes, I accept the cookies