normativa

Normativa - Regolamento Attività - Gare
In vigore dal 02/09/2010
Per visualizzare il precedente testo dell'articolo (a destra) e le differenze rispetto a quello oggi in vigore clicca sulle seguenti date: 22/04/2020, 16/09/2019, 19/10/2018, 13/09/2018, 21/09/2017, 17/12/2015, 20/06/2013, 30/06/2012, 31/07/2007, 10/08/2006, 26/07/2000, 01/01/1970

66 Adempimenti preliminari

Almeno 15 minuti prima dell'orario ufficiale di gara, l'accompagnatore ufficiale deve presentare all'arbitro:
a) i documenti d'identità delle persone ammesse all'interno del campo di gioco;
b) tre copie della lista gara debitamente compilata.
L'accompagnatore ufficiale e il capitano della squadra hanno diritto di prendere visione nello spogliatoio dell'arbitro e sotto il controllo dello stesso, della lista gara, e dei documenti di identificazione della squadra avversaria prima o dopo la gara o durante l'intervallo.
L'arbitro, prima di ammettere i tesserati all'interno del campo di gioco, deve provvedere a identificarli controllando che i dati dei documenti di identità corrispondano a quelli indicati nella lista gara.
Sono considerati documenti d'identità - anche se scaduti, ma non prima della data di rilascio della tessera sociale - quelli rilasciati dalle autorità istituzionali competenti (la carta d'identità, la patente, il passaporto, tessere di riconoscimento rilasciate da Enti pubblici a ciò autorizzati, la fotocopia autenticata dei predetti documenti d'identità, il cartellino plastificato rilasciato dalla LCFC); non sono validi ai fini della identificazione i documenti di Associazioni private, tessere associative e similari, fotocopie non autenticate di documenti pur regolamentari.
L'arbitro può consentire l'accesso al campo di gioco di un tesserato, privo del documento d'identità, nel solo caso lo conosca personalmente.
Una squadra deve cominciare la partita con un numero di giocatori non inferiore a 7 per il calcio a 11 e a 3 per il calcio a 5. In caso contrario la squadra è considerata a tutti gli effetti rinunciataria alla partita.

66 Adempimenti della squadra: preliminari e successivi alla gara.

ADEMPIMENTI PRELIMINARI
Prima dell'orario di inizio della gara - almeno 15 minuti per il calcio a 5 e 20 minuti per il calcio a 11 - l'accompagnatore della squadra, che è quello ufficiale o in sua mancanza il capitano, deve presentare all'arbitro:
- la lista gara in unico originale,
- i documenti di identità delle persone ammesse all'interno del campo di gioco.

LISTA GARA
La lista gara deve essere esclusivamente quella scaricabile dall'area riservata della squadra, non sono ammessi equipollenti, pena le sanzioni previste dall'art. 93 R.D.
La lista gara deve essere compilata in ogni sua parte e sottoscritta dall'accompagnatore della squadra, pena la sanzione prevista dall'art. 86 R.D.
La lista gara è in parte precompilata con i seguenti dati:
a) estremi della gara;
b) nominativo dell’arbitro designato e quello del visionatore arbitrale, se designato;
c) denominazione della squadra;
d) cognome, nome, data di nascita, situazione disciplinare e data di scadenza del certificato medico di ogni tesserato, oltre l'eventuale abilitazione all'uso del defibrillatore;
e) data e ora della stampa della lista gara con indicazione se la stessa ha valore ai fini disciplinari.
Prima di consegnare la lista all'arbitro,l’accompagnatore della squadra deve integrarla con i seguenti dati:
a) numero di maglia dell'atleta, in difetto quest'ultimo non potrà prendere parte alla partita;
b) le seguenti lettere corrispondenti alle relative funzioni ricoperte dai tesserati:
- P = tesserati presenti alla gara e identificati dall'arbitro,
- C = capitano,
- VC = vice capitano,
- D = dirigente;
- GL = guardalinee,
- A = accompagnatore ufficiale,
c) colore delle divise utilizzate nella partita,
d) nome, cognome, tipo e numero del documento d’identità dell’eventuale addetto al defibrillatore, qualora non tesserato, da scrivere nell'apposito spazio.
In conformità a quanto previsto dall'art. 43/m R.D., se la lista gara è stata scaricata dall'area riservata della squadra il giorno stesso della partita, è legittimato a partecipare al gioco chi non ha riportato affianco al proprio nominativo la parola SQUALIFICATO o la data del termine della squalifica a tempo. Non ha valore la colonna relativa alla situazione disciplinare se la lista gara è scaricata un giorno diverso da quello della partita.

DOCUMENTI DI IDENTITÀ
Sono considerati documenti d'identità, anche se scaduti, quelli rilasciati dalle autorità istituzionali competenti (la carta d'identità, la patente, il passaporto, tessere di riconoscimento rilasciate da enti pubblici a ciò autorizzati, la fotocopia autenticata dei predetti documenti d'identità, il cartellino plastificato rilasciato dalla LCFC); non sono validi ai fini della identificazione i documenti di associazioni private, tessere associative e similari, fotocopie non autenticate di detti documenti.

REQUISITI PER LA PARTECIPAZIONE ALLA GARA
Non possono prendere parte al gioco tesserati che nella lista gara, a fianco del loro nominativo nella colonna destinata al certificato medico (VM), abbiano riportato la dizione “SCADUTA”, ciò anche nel caso in cui sia esibito certificato valido, pena le sanzioni previste dall'art. 130 R.D.
Una squadra deve iniziare la partita con un numero di giocatori non inferiore a 7 per il calcio a 11 e a 3 per il calcio a 5, pena le sanzioni previste dall'art. 94 R.D.
La presentazione della lista gara su cui compaiano nominativi di atleti in numero superiore a quello previsto dall'art. 65/a R.A. comporta la sanzione prevista dall'art. 97 R.D. Tale sanzione non può essere disposta qualora il numero dei nominativi sia stato regolarizzato prima dell'inizio della partita.

ADEMPIMENTI SUCCESSIVI
L'accompagnatore della squadra ha diritto di prendere visione, nello spogliatoio dell'arbitro e sotto il controllo dello stesso, della lista gara e dei documenti di identificazione dei tesserati della squadra avversaria prima o dopo la gara.
Al termine della gara l’accompagnatore della squadra deve verificare, sempre nello spogliatoio dell'arbitro, la lista gara dopo che la stessa è stata integrata dal direttore di gara ai sensi dell'art. 67, 6° comma R.A.
La lista gara deve essere sempre sottoscritta dall'arbitro e dall'accompagnatore della squadra.
Dopo la sottoscrizione quest’ultimo ha diritto di fotografare entrambe le liste, anche ai fini della prova per un eventuale ricorso.
Qualora i dati riportati dall'arbitro risultassero errati, l’accompagnatore della squadra lo farà presente all'arbitro stesso, affinché li corregga. Qualora l'arbitro si rifiutasse di farlo, l’accompagnatore della squadra spunterà l’apposita casella sulla lista gara e trascriverà la richiesta di correzione sulla facciata posteriore sottoscrivendola e avendo cura di fotografarla a fini probatori. Se l'arbitro non glielo consentisse l’accompagnatore della squadra dovrà segnalarlo al procuratore di Lega per e-mail.

66 Adempimenti preliminari alla gara per la squadra.

Almeno 15 minuti prima dell'orario ufficiale di gara per il calcio a 5 e 20 minuti per il calcio a 11, l'accompagnatore ufficiale o in sua mancanza il capitano della squadra deve presentare all'arbitro:
1) i documenti d'identità delle persone ammesse all'interno del campo di gioco. Sono considerati documenti d'identità, anche se scaduti, quelli rilasciati dalle autorità istituzionali competenti (la carta d'identità, la patente, il passaporto, tessere di riconoscimento rilasciate da enti pubblici a ciò autorizzati, la fotocopia autenticata dei predetti documenti d'identità, il cartellino plastificato rilasciato dalla LCFC); non sono validi ai fini della identificazione i documenti di associazioni private, tessere associative e similari, fotocopie non autenticate di detti documenti.
2) tre copie della lista gara debitamente compilata da consegnare all'arbitro nel termine previsto dal primo comma. La lista gara deve essere quella scaricabile dal sito web della LCFC, deve essere compilata in ogni sua parte e sottoscritta dall'accompagnatore ufficiale o, in sua mancanza, dal capitano, pena la sanzione prevista dall'art. 86 R.D. In ogni caso nella lista gara sono riportati i seguenti dati inseriti nel gestionale:
a) gli estremi della gara;
b) la denominazione della squadra;
c) il cognome, il nome, la data di nascita e la data di scadenza del certificato medico di ogni tesserato e dell'eventuale abilitazione all'uso del defibrillatore;
d) data e ora della stampa della lista gara.
Al momento della consegna della lista gara all'arbitro, sulla stessa devono essere indicati:
I) il numero di maglia dell'atleta presente, in difetto l'atleta non potrà prendere parte alla partita, pena le sanzioni previste dall'art. 93 RD;
II) le seguenti lettere corrispondenti alle relative funzioni ricoperte dai tesserati:
P = tesserati presenti alla gara e identificati dall'arbitro,
C = capitano,
VC = vicecapitano,
D = dirigente;
G = guardalinee,
A = accompagnatore ufficiale,
M = medico,
MS = massaggiatore,
T = giocatore titolare (solo per le manifestazioni nelle quali è previsto un limite alle sostituzioni).
I primi giocatori riportati sulla lista gara non devono necessariamente essere quelli che cominciano la partita.
III) il colore delle divise utilizzate nella partita.
Una squadra deve iniziare la partita con un numero di giocatori non inferiore a 7 per il calcio a 11 e a 3 per il calcio a 5, pena le sanzioni previste dall'art. 94 R.D.
La presentazione della lista gara su cui compaiano nominativi di atleti in numero superiore a quello previsto dall'art. 65/a R.A. comporta la sanzione prevista dall'art. 97 R.D. Tale sanzione non può essere disposta qualora il numero dei nominativi sia stato regolarizzato prima dell'inizio della partita.
La presenza di tesserati non atleti nel campo di gioco oltre al numero previsto dall'art. 65/c/d/e R.A. comporta la sanzione prevista dall'art. 88 R.D.
L'accompagnatore ufficiale e il capitano della squadra hanno diritto di prendere visione nello spogliatoio dell'arbitro e sotto il controllo dello stesso, della lista gara, e dei documenti di identificazione della squadra avversaria prima o dopo la gara o durante l'intervallo.
Al termine della gara il dirigente accompagnatore o, in sua mancanza, il capitano devono verificare, presso lo spogliatoio dell'arbitro, la lista gara, dopo che la stessa è stata integrata dal direttore di gara ai sensi del comma 6 dell'art. 67 R.A.
Qualora i dati riportati dall'arbitro risultino errati, il rappresentante della squadra lo farà presente all'arbitro, affinché li corregga. Qualora l'arbitro non intendesse apportare correzioni, il rappresentante della squadra trascrive la richiesta di correzione in calce o sul retro della propria lista gara in tutte e quattro le copie. Se l'arbitro non glielo consentisse il rappresentante della squadra deve segnalarlo al procuratore di Lega per e-mail.
In ogni caso il rappresentante della squadra deve sottoscrivere la lista gara, perché, in difetto, non avranno valore eventuali contestazioni sui dati riportati dall'arbitro sulla lista gara.

66 Adempimenti preliminari alla gara per la squadra.

Almeno 15 minuti prima dell'orario ufficiale di gara per il calcio a 5 e 20 minuti per il calcio a 11, l'accompagnatore ufficiale o in sua mancanza il capitano della squadra deve presentare all'arbitro:
1) i documenti d'identità delle persone ammesse all'interno del campo di gioco. Sono considerati documenti d'identità, anche se scaduti, quelli rilasciati dalle autorità istituzionali competenti (la carta d'identità, la patente, il passaporto, tessere di riconoscimento rilasciate da enti pubblici a ciò autorizzati, la fotocopia autenticata dei predetti documenti d'identità, il cartellino plastificato rilasciato dalla LCFC); non sono validi ai fini della identificazione i documenti di associazioni private, tessere associative e similari, fotocopie non autenticate di detti documenti.
2) quattro copie della lista gara debitamente compilata da consegnare all'arbitro nel termine previsto dal primo comma. La lista gara deve essere quella scaricabile dal sito web della LCFC, deve essere compilata in ogni sua parte e sottoscritta dall'accompagnatore ufficiale o, in sua mancanza, dal capitano, pena la sanzione prevista dall'art. 86 R.D. In ogni caso nella lista gara sono riportati i seguenti dati inseriti nel gestionale:
a) gli estremi della gara;
b) la denominazione della squadra;
c) il cognome, il nome, la data di nascita e la data di scadenza del certificato medico di ogni tesserato e dell'eventuale abilitazione all'uso del defibrillatore;
d) data e ora della stampa della lista gara.
Al momento della consegna della lista gara all'arbitro, sulla stessa devono essere indicati:
I) il numero di maglia dell'atleta presente, in difetto l'atleta non potrà prendere parte alla partita, pena le sanzioni previste dall'art. 93 RD;
II) le seguenti lettere corrispondenti alle relative funzioni ricoperte dai tesserati:
P = tesserati presenti alla gara e identificati dall'arbitro,
C = capitano,
VC = vicecapitano,
D = dirigente;
G = guardalinee,
A = accompagnatore ufficiale,
M = medico,
MS = massaggiatore,
T = giocatore titolare (solo per le manifestazioni nelle quali è previsto un limite alle sostituzioni).
I primi giocatori riportati sulla lista gara non devono necessariamente essere quelli che cominciano la partita.
III) il colore delle divise utilizzate nella partita.
Una squadra deve iniziare la partita con un numero di giocatori non inferiore a 7 per il calcio a 11 e a 3 per il calcio a 5, pena le sanzioni previste dall'art. 94 R.D.
La presentazione della lista gara su cui compaiano nominativi di atleti in numero superiore a quello previsto dall'art. 65/a R.A. comporta la sanzione prevista dall'art. 97 R.D. Tale sanzione non può essere disposta qualora il numero dei nominativi sia stato regolarizzato prima dell'inizio della partita.
La presenza di tesserati non atleti nel campo di gioco oltre al numero previsto dall'art. 65/c/d/e R.A. comporta la sanzione prevista dall'art. 88 R.D.
L'accompagnatore ufficiale e il capitano della squadra hanno diritto di prendere visione nello spogliatoio dell'arbitro e sotto il controllo dello stesso, della lista gara, e dei documenti di identificazione della squadra avversaria prima o dopo la gara o durante l'intervallo.
Al termine della gara il dirigente accompagnatore o, in sua mancanza, il capitano devono verificare, presso lo spogliatoio dell'arbitro, la lista gara, dopo che la stessa è stata integrata dal direttore di gara ai sensi del comma 6 dell'art. 67 R.A.
Qualora i dati riportati dall'arbitro risultino errati, il rappresentante della squadra lo farà presente all'arbitro, affinché li corregga. Qualora l'arbitro non intendesse apportare correzioni, il rappresentante della squadra trascrive la richiesta di correzione in calce o sul retro della propria lista gara in tutte e quattro le copie. Se l'arbitro non glielo consentisse il rappresentante della squadra deve segnalarlo al procuratore di Lega per e-mail.
In ogni caso il rappresentante della squadra deve sottoscrivere la lista gara, perché, in difetto, non avranno valore eventuali contestazioni sui dati riportati dall'arbitro sulla lista gara.

66 Adempimenti preliminari alla gara per la squadra.

Almeno 15 minuti prima dell'orario ufficiale di gara per il calcio a 5 e 20 minuti per il calcio a 11, l'accompagnatore ufficiale o in sua mancanza il capitano della squadra deve presentare all'arbitro:
1) i documenti d'identità delle persone ammesse all'interno del campo di gioco. Sono considerati documenti d'identità, anche se scaduti, quelli rilasciati dalle autorità istituzionali competenti (la carta d'identità, la patente, il passaporto, tessere di riconoscimento rilasciate da enti pubblici a ciò autorizzati, la fotocopia autenticata dei predetti documenti d'identità, il cartellino plastificato rilasciato dalla LCFC); non sono validi ai fini della identificazione i documenti di associazioni private, tessere associative e similari, fotocopie non autenticate di detti documenti.
2) quattro copie della lista gara debitamente compilata (una da consegnare prima dell'inizio della partita alla squadra avversaria, una che conserverà l'arbitro e una da consegnare, dopo eventuali integrazioni, al termine della gara a ciascuna squadra). La lista gara deve essere quella scaricabile dal sito web della LCFC, deve essere compilata in ogni sua parte e sottoscritta dall'accompagnatore ufficiale o, in sua mancanza, dal capitano, pena la sanzione prevista dall'art. 86 R.D. In ogni caso la lista gara deve indicare:
a) gli estremi della gara;
b) la denominazione dell'associazione;
c) il colore delle divise utilizzate nella partita;
d) il cognome, il nome, la data di nascita e la data di scadenza del certificato medico di ogni tesserato.
Al momento della consegna della lista gara all'arbitro, sulla stessa devono essere indicati:
I) il numero di maglia dell'atleta presente, in difetto l'atleta non potrà prendere parte alla partita, pena le sanzioni previste dall'art. 93 RD;
II) le seguenti lettere corrispondenti alle relative funzioni ricoperte dai tesserati:
P = tesserati presenti alla gara e identificati dall'arbitro,
C = capitano,
VC = vicecapitano,
D = dirigente;
G = guardalinee,
A = accompagnatore ufficiale,
M = medico,
MS = massaggiatore,
T = giocatore titolare (solo per le manifestazioni nelle quali è previsto un limite alle sostituzioni).
I primi giocatori riportati sulla lista gara non devono necessariamente essere quelli che cominciano la partita.
Una squadra deve iniziare la partita con un numero di giocatori non inferiore a 7 per il calcio a 11 e a 3 per il calcio a 5, pena le sanzioni previste dall'art. 94 R.D.
La presentazione della lista gara su cui compaiano nominativi di atleti in numero superiore a quello previsto dall'art. 65/a R.A. comporta la sanzione prevista dall'art. 97 R.D. Tale sanzione non può essere disposta qualora il numero dei nominativi sia stato regolarizzato prima dell'inizio della partita.
La presenza di tesserati non atleti nel campo di gioco oltre al numero previsto dall'art. 65/c/d/e R.A. comporta la sanzione prevista dall'art. 88 R.D.
L'accompagnatore ufficiale e il capitano della squadra hanno diritto di prendere visione nello spogliatoio dell'arbitro e sotto il controllo dello stesso, della lista gara, e dei documenti di identificazione della squadra avversaria prima o dopo la gara o durante l'intervallo.
Al termine della gara il dirigente accompagnatore o, in sua mancanza, il capitano devono verificare, presso lo spogliatoio dell'arbitro, la lista gara, dopo che la stessa è stata integrata dal direttore di gara ai sensi del comma 6 dell'art. 67 R.A.
Qualora i dati riportati dall'arbitro risultino errati, il rappresentante della squadra lo farà presente all'arbitro, affinché li corregga. Qualora l'arbitro non intendesse apportare correzioni, il rappresentante della squadra trascrive la richiesta di correzione in calce o sul retro della propria lista gara in tutte e quattro le copie. Se l'arbitro non glielo consentisse il rappresentante della squadra deve segnalarlo al procuratore di Lega per e-mail.
In ogni caso il rappresentante della squadra deve sottoscrivere la lista gara, perché, in difetto, non avranno valore eventuali contestazioni sui dati riportati dall'arbitro sulla lista gara.

66 Adempimenti preliminari alla gara per la squadra.

Almeno 15 minuti prima dell'orario ufficiale di gara per il calcio a 5 e 20 minuti per il calcio a 11, l'accompagnatore ufficiale o in sua mancanza il capitano della squadra deve presentare all'arbitro:
1) i documenti d'identità delle persone ammesse all'interno del campo di gioco. Sono considerati documenti d'identità, anche se scaduti, quelli rilasciati dalle autorità istituzionali competenti (la carta d'identità, la patente, il passaporto, tessere di riconoscimento rilasciate da enti pubblici a ciò autorizzati, la fotocopia autenticata dei predetti documenti d'identità, il cartellino plastificato rilasciato dalla LCFC); non sono validi ai fini della identificazione i documenti di associazioni private, tessere associative e similari, fotocopie non autenticate di detti documenti.
2) quattro copie della lista gara debitamente compilata (una da consegnare prima dell'inizio della partita alla squadra avversaria, una che conserverà l'arbitro e una da consegnare, dopo eventuali integrazioni, al termine della gara a ciascuna squadra). La lista gara deve essere quella scaricabile dal sito web della LCFC, deve essere compilata in ogni sua parte e sottoscritta dall'accompagnatore ufficiale o, in sua mancanza, dal capitano, pena la sanzione prevista dall'art. 86 R.D. In ogni caso la lista gara deve indicare:
a) gli estremi della gara;
b) la denominazione dell'associazione;
c) il colore delle divise utilizzate nella partita;
d) il cognome, il nome, la data di nascita e la data di scadenza del certificato medico di ogni tesserato.
Al momento della consegna della lista gara all'arbitro, sulla stessa devono essere indicati:
I) il numero di maglia dell'atleta presente, in difetto l'atleta non potrà prendere parte alla partita, pena le sanzioni previste dall'art. 93 RD;
II) le seguenti lettere corrispondenti alle relative funzioni ricoperte dai tesserati:
P = tesserati presenti alla gara e identificati dall'arbitro,
C = capitano,
VC = vicecapitano,
D = dirigente;
G = guardalinee,
A = accompagnatore ufficiale,
M = medico,
MS = massaggiatore,
T = giocatore titolare (solo per il calcio a 11 Collinare).
I primi giocatori riportati sulla lista gara non devono necessariamente essere quelli che cominciano la partita.
Una squadra deve iniziare la partita con un numero di giocatori non inferiore a 7 per il calcio a 11 e a 3 per il calcio a 5, pena le sanzioni previste dall'art. 94 R.D.
La presentazione della lista gara su cui compaiano nominativi di atleti in numero superiore a quello previsto dall'art. 65/a R.A. comporta la sanzione prevista dall'art. 97 R.D. Tale sanzione non può essere disposta qualora il numero dei nominativi sia stato regolarizzato prima dell'inizio della partita.
La presenza di tesserati non atleti nel campo di gioco oltre al numero previsto dall'art. 65/c/d/e R.A. comporta la sanzione prevista dall'art. 88 R.D.
L'accompagnatore ufficiale e il capitano della squadra hanno diritto di prendere visione nello spogliatoio dell'arbitro e sotto il controllo dello stesso, della lista gara, e dei documenti di identificazione della squadra avversaria prima o dopo la gara o durante l'intervallo.
Al termine della gara il dirigente accompagnatore o, in sua mancanza, il capitano devono verificare, presso lo spogliatoio dell'arbitro, la lista gara, dopo che la stessa è stata integrata dal direttore di gara ai sensi del comma 6 dell'art. 67 R.A.
Qualora i dati riportati dall'arbitro risultino errati, il rappresentante della squadra lo farà presente all'arbitro, affinché li corregga. Qualora l'arbitro non intendesse apportare correzioni, il rappresentante della squadra trascrive la richiesta di correzione in calce o sul retro della propria lista gara in tutte e quattro le copie. Se l'arbitro non glielo consentisse il rappresentante della squadra deve segnalarlo al procuratore di Lega per e-mail.
In ogni caso il rappresentante della squadra deve sottoscrivere la lista gara, perché, in difetto, non avranno valore eventuali contestazioni sui dati riportati dall'arbitro sulla lista gara.

66 Adempimenti preliminari alla gara per la squadra.

Almeno 15 minuti prima dell'orario ufficiale di gara per il calcio a 5 e 20 minuti per il calcio a 11, l'accompagnatore ufficiale o in sua mancanza il capitano della squadra deve presentare all'arbitro:
1) i documenti d'identità delle persone ammesse all'interno del campo di gioco. Sono considerati documenti d'identità, anche se scaduti, quelli rilasciati dalle autorità istituzionali competenti (la carta d'identità, la patente, il passaporto, tessere di riconoscimento rilasciate da enti pubblici a ciò autorizzati, la fotocopia autenticata dei predetti documenti d'identità, il cartellino plastificato rilasciato dalla LCFC); non sono validi ai fini della identificazione i documenti di associazioni private, tessere associative e similari, fotocopie non autenticate di detti documenti.
2) tre copie della lista gara debitamente compilata. La lista gara deve essere quella scaricabile dal sito web della LCFC, deve essere compilata in ogni sua parte e sottoscritta dall'accompagnatore ufficiale o, in sua mancanza, dal capitano, pena la sanzione prevista dall'art. 86 R.D. In ogni caso la lista gara deve indicare:
a) gli estremi della gara;
b) la denominazione dell'associazione;
c) il colore delle divise utilizzate nella partita;
d) il cognome, il nome, la data di nascita e la data di scadenza del certificato medico di ogni tesserato.
Al momento della consegna della lista gara all'arbitro, sulla stessa devono essere indicati:
I) il numero di maglia dell'atleta presente, in difetto l'atleta non potrà prendere parte alla partita, pena le sanzioni previste dall'art. 93 RD;
II) le seguenti lettere corrispondenti alle relative funzioni ricoperte dai tesserati:
P = tesserati presenti alla gara e identificati dall'arbitro,
C = capitano,
VC = vicecapitano,
D = dirigente;
G = guardalinee,
A = accompagnatore ufficiale,
M = medico,
MS = massaggiatore,
T = giocatore titolare (solo per il calcio a 11 Collinare).
I primi giocatori riportati sulla lista gara non devono necessariamente essere quelli che cominciano la partita.
Una squadra deve iniziare la partita con un numero di giocatori non inferiore a 7 per il calcio a 11 e a 3 per il calcio a 5, pena le sanzioni previste dall'art. 94 R.D.
La presentazione della lista gara su cui compaiano nominativi di atleti in numero superiore a quello previsto dall'art. 65/a R.A. comporta la sanzione prevista dall'art. 97 R.D. Tale sanzione non può essere disposta qualora il numero dei nominativi sia stato regolarizzato prima dell'inizio della partita.
La presenza di tesserati non atleti nel campo di gioco oltre al numero previsto dall'art. 65/c/d/e R.A. comporta la sanzione prevista dall'art. 88 R.D.
L'accompagnatore ufficiale e il capitano della squadra hanno diritto di prendere visione nello spogliatoio dell'arbitro e sotto il controllo dello stesso, della lista gara, e dei documenti di identificazione della squadra avversaria prima o dopo la gara o durante l'intervallo.
Al termine della gara il dirigente accompagnatore o, in sua mancanza, il capitano devono verificare, presso lo spogliatoio dell'arbitro, la lista gara, dopo che la stessa è stata integrata dal direttore di gara ai sensi del comma 6 dell'art. 67 R.A.
Qualora i dati riportati dall'arbitro risultino errati, il rappresentante della squadra lo farà presente all'arbitro, affinché li corregga. Qualora l'arbitro non intendesse apportare correzioni, il rappresentante della squadra trascrive la richiesta di correzione in calce o sul retro della propria lista gara in tutte e tre le copie. Se l'arbitro non glielo consentisse il rappresentante della squadra deve segnalarlo al procuratore di Lega per e-mail.
In ogni caso il rappresentante della squadra deve sottoscrivere la lista gara, perché, in difetto, non avranno valore eventuali contestazioni sui dati riportati dall'arbitro sulla lista gara.

66 Adempimenti preliminari

Almeno 15 minuti prima dell'orario ufficiale di gara, l'accompagnatore ufficiale o in sua mancanza il capitano della squadra deve presentare all'arbitro:
a) i documenti d'identità delle persone ammesse all'interno del campo di gioco;
b) tre copie della lista gara debitamente compilata.
L'accompagnatore ufficiale e il capitano della squadra hanno diritto di prendere visione nello spogliatoio dell'arbitro e sotto il controllo dello stesso, della lista gara, e dei documenti di identificazione della squadra avversaria prima o dopo la gara o durante l'intervallo.
L'arbitro, prima di ammettere i tesserati all'interno del campo di gioco, deve provvedere a identificarli controllando che i dati dei documenti di identità corrispondano a quelli indicati nella lista gara.
Sono considerati documenti d'identità - anche se scaduti, ma non prima della data di rilascio della tessera sociale - quelli rilasciati dalle autorità istituzionali competenti (la carta d'identità, la patente, il passaporto, tessere di riconoscimento rilasciate da Enti pubblici a ciò autorizzati, la fotocopia autenticata dei predetti documenti d'identità, il cartellino plastificato rilasciato dalla LCFC); non sono validi ai fini della identificazione i documenti di Associazioni private, tessere associative e similari, fotocopie non autenticate di documenti pur regolamentari.
L'arbitro può consentire l'accesso al campo di gioco di un tesserato, privo del documento d'identità, nel solo caso lo conosca personalmente. L'arbitro deve controllare la data di scadenza del certificato medico riportata nella lista gara e non dovrà far giocare la partita agli atleti che hanno un certificato medico scaduto.
Una squadra deve cominciare la partita con un numero di giocatori non inferiore a 7 per il calcio a 11 e a 3 per il calcio a 5. In caso contrario la squadra è considerata a tutti gli effetti rinunciataria alla partita.

66 Adempimenti preliminari

Almeno 15 minuti prima dell'orario ufficiale di gara, l'accompagnatore ufficiale o in sua mancanza il capitano della squadra deve presentare all'arbitro:
a) i documenti d'identità delle persone ammesse all'interno del campo di gioco;
b) tre copie della lista gara debitamente compilata.
L'accompagnatore ufficiale e il capitano della squadra hanno diritto di prendere visione nello spogliatoio dell'arbitro e sotto il controllo dello stesso, della lista gara, e dei documenti di identificazione della squadra avversaria prima o dopo la gara o durante l'intervallo.
L'arbitro, prima di ammettere i tesserati all'interno del campo di gioco, deve provvedere a identificarli controllando che i dati dei documenti di identità corrispondano a quelli indicati nella lista gara.
Sono considerati documenti d'identità - anche se scaduti, ma non prima della data di rilascio della tessera sociale - quelli rilasciati dalle autorità istituzionali competenti (la carta d'identità, la patente, il passaporto, tessere di riconoscimento rilasciate da Enti pubblici a ciò autorizzati, la fotocopia autenticata dei predetti documenti d'identità, il cartellino plastificato rilasciato dalla LCFC); non sono validi ai fini della identificazione i documenti di Associazioni private, tessere associative e similari, fotocopie non autenticate di documenti pur regolamentari.
L'arbitro può consentire l'accesso al campo di gioco di un tesserato, privo del documento d'identità, nel solo caso lo conosca personalmente.
Una squadra deve cominciare la partita con un numero di giocatori non inferiore a 7 per il calcio a 11 e a 3 per il calcio a 5. In caso contrario la squadra è considerata a tutti gli effetti rinunciataria alla partita.

66 Adempimenti preliminari

Almeno 15 minuti prima dell'orario ufficiale di gara, l'Accompagnatore ufficiale deve presentare all'Arbitro:
a) i documenti d'identità delle persone ammesse all'interno del campo di gioco;
b) tre copie della lista gara debitamente compilata.
L'Accompagnatore ufficiale e il Capitano della squadra hanno diritto di avere in visione dall'Arbitr la lista gara, e i documenti di identificazione della squadra avversaria prima o dopo la gara o durante l'intervallo.
L'arbitro, prima di ammettere i Tesserati all'interno del campo di gioco, deve provvedere a identificarli controllando che i dati dei documenti di identità corrispondano a quelli indicati nella lista gara.
Sono considerati documenti d'identità - anche se scaduti, ma non prima della data di rilascio della tessera sociale - quelli rilasciati dalle autorità istituzionali competenti (la carta d'identità, la patente, il passaporto, tessere di riconoscimento rilasciate da Enti pubblici a ciò autorizzati, la fotocopia autenticata dei predetti documenti d'identità, il cartellino plastificato rilasciato dalla LCFC); non sono validi ai fini della identificazione i documenti di Associazioni private, tessere associative e similari, fotocopie non autenticate di documenti pur regolamentari.
L'Arbitro può consentire l'accesso al campo di gioco di un tesserato, privo del documento d'identità, nel solo caso lo conosca personalmente.
Una squadra deve cominciare la partita con un numero di giocatori non inferiore a 7 per il calcio a 11 e a 3 per il calcio a 5. In caso contrario la squadra è considerata a tutti gli effetti rinunciataria alla partita.

66 Tempi d'attesa

a) Le squadre devono presentarsi sul campo di gioco in tempo per consentire un puntuale inizio della gara nell'orario previsto.
b) Il termine massimo di attesa per la presentazione sul terreno di gioco delle squadre è fissato nella durata di un tempo di gara.
c) Le squadre che si presentano in campo oltre i predetti termini sono considerate rinunciatarie alla gara (art. 98 RD).
d) Oltre il predetto termine le Associazioni, con il preventivo assenso dell'Arbitro, possono accordarsi in forma scritta per disputare comunque la partita.
Se la gara non può concludersi per qualsiasi motivo, l'accordo perde ogni valore con le relative conseguenze.
e) Nel caso in cui la gara si disputi in un campo sprovvisto dell'impianto d'illuminazione (art. 5/b RA) e il ritardo nella presentazione dell'Associazione comportasse, per qualsiasi motivo (per esempio sopraggiunta oscurità), l'impossibilità a concludere la gara l'Associazione ritardataria sarà considerata a tutti gli effetti rinunciataria.

66 Adempimenti preliminari

Almeno 15 minuti prima dell'orario ufficiale di gara, l'Accompagnatore ufficiale deve presentare all'Arbitro:
a) le tessere sociali delle persone ammesse all'interno del campo di gioco;
b) i documenti d'identità delle persone ammesse all'interno del campo di gioco;
c) quattro copie della lista gara;
d) la busta e il referto arbitrale (per le sole associazioni prime nominate).
L'Accompagnatore ufficiale e il Capitano della squadra hanno diritto di avere in visione dall'Arbitro la lista gara, le tessere e i documenti di identificazione della squadra avversaria prima o dopo la gara o durante l'intervallo.
L'arbitro, prima di ammettere i Tesserati all'interno del campo di gioco, deve provvedere a identificarli controllando che i dati dei documenti di identità corrispondano a quelli delle tessere e ai nominativi trascritti nella lista gara.
Sono considerati documenti d'identità - anche se scaduti, ma non prima della data di rilascio della tessera sociale - quelli rilasciati dalle autorità istituzionali competenti (la carta d'identità, la patente, il passaporto, tessere di riconoscimento rilasciate da Enti pubblici a ciò autorizzati, la fotocopia autenticata dei predetti documenti d'identità, il cartellino plastificato rilasciato dalla LCFC); non sono validi ai fini della identificazione i documenti di Associazioni private, tessere associative e similari, fotocopie non autenticate di documenti pur regolamentari.
L'Arbitro può consentire l'accesso al campo di gioco di un tesserato, privo del documento d'identità, nel solo caso lo conosca personalmente.
Una squadra deve cominciare la partita con un numero di giocatori non inferiore a 7 per il calcio a 11 -4 per il calcio a 7-3 per il calcio a 5. In caso contrario la squadra è considerata a tutti gli effetti rinunciataria alla partita.

66 Adempimenti preliminari alla gara per la squadra.

Almeno 15 minuti prima dell'orario ufficiale di gara per il calcio a 5 e 20 minuti per il calcio a 11, l'accompagnatore ufficiale o in sua mancanza il capitano della squadra deve presentare all'arbitro:
1) i documenti d'identità delle persone ammesse all'interno del campo di gioco.
Sono considerati documenti d'identità, anche se scaduti, quelli rilasciati dalle autorità istituzionali competenti (la carta d'identità, la patente, il passaporto, tessere di riconoscimento rilasciate da Enti pubblici a ciò autorizzati, la fotocopia autenticata dei predetti documenti d'identità, il cartellino plastificato rilasciato dalla LCFC); non sono validi ai fini della identificazione i documenti di Associazioni private, tessere associative e similari, fotocopie non autenticate di detti documenti.
2) tre copie della lista gara debitamente compilata.
La lista gara deve essere quella scaricabile dal sito web della LCFC, deve essere compilata in ogni sua parte e sottoscritta dall'accompagnatore ufficiale o, in sua mancanza, dal capitano, pena la sanzione prevista dall'art. 86 RD. In ogni casola lista gara deve indicare:
a) gli estremi della gara;
b) la denominazione dell'Associazione;
c) il colore delle divise utilizzate nella partita;
d) il cognome, il nome, la data di nascita e la data di scadenza del certificato medico di ogni tesserato.
Al momento della consegna della lista gara all'arbitro, sulla stessa devono essere indicati:
I) il numero di maglia dell’atleta presente, in difetto l’atleta non potrà prendere parte alla partita, pena le sanzioni previste dall’art. 93 RD;
II) le seguenti lettere corrispondenti alle relative funzioni ricoperte dai tesserati:
P = tesserati presenti alla gara e identificati dall’arbitro,
C = capitano,
VC = vicecapitano,
D = dirigente;
G = guardalinee,
A = accompagnatore ufficiale,
M = medico,
MS = massaggiatore,
T = giocatore titolare (solo per il calcio a 11 Collinare).
I primi giocatori riportati sulla lista gara non devono necessariamente essere quelli che cominciano la partita.
Una squadra deve iniziare la partita con un numero di giocatori non inferiore a 7 per il calcio a 11 e a 3 per il calcio a 5, pena le sanzioni previste dall’art. 94 RD.
La presentazione della lista gara su cui compaiano nominativi di atleti in numero superiore a quello previsto dall'art. 65/a RA comporta la sanzione prevista dall'art. 97 RD. Tale sanzione non può essere disposta qualora il numero dei nominativi sia stato regolarizzato prima dell'inizio della partita.
La presenza di tesserati non atleti nel campo di gioco oltre al numero previsto dall'art. 65/c/d/e RA comporta la sanzione prevista dall'art. 88 RD.
L'accompagnatore ufficiale e il capitano della squadra hanno diritto di prendere visione nello spogliatoio dell'arbitro e sotto il controllo dello stesso, della lista gara, e dei documenti di identificazione della squadra avversaria prima o dopo la gara o durante l'intervallo.
Al termine della gara il dirigente accompagnatore o, in sua mancanza, il capitano devono verificare, presso lo spogliatoio dell’arbitro, la lista gara, dopo che la stessa è stata integrata dal direttore di gara ai sensi del comma 6 dell’art. 67R.A.
Qualora i dati riportati dall’arbitro risultino errati, il rappresentante della squadra lo farà presente all’arbitro, affinché li corregga. Qualora l’arbitro non intendesse apportare correzioni, il rappresentante della squadra trascrive la richiesta di correzione in calce o sul retro della propria lista gara in tutte e tre le copie. Se l’arbitro non glielo consentisse il rappresentante della squadra deve segnalarlo al Procuratore di Lega per e-mail.
In ogni caso il rappresentante della squadra deve sottoscrivere la lista gara, perché, in difetto, non avranno valore eventuali contestazioni sui dati riportati dall’arbitro sulla lista gara.

Articolo precedente: 65ter Validità della lista gara
Articolo successivo: 67 Lista gara
Print Friendly, PDF & Email