normativa

Normativa - Regolamento Calcio a 5
In vigore dal 07/03/2019
Per visualizzare il precedente testo dell'articolo (a destra) e le differenze rispetto a quello oggi in vigore clicca sulle seguenti date: 26/07/2000

1 Terreno di gioco

A) DIMENSIONI: Il terreno di gioco deve essere rettangolare, piano, liscio, privo di asperità e deve avere le seguenti misure:
- lunghezza minimo m 25 massimo m 42;
- larghezza minimo m 15 massimo m 25.
In ogni caso la lunghezza deve essere maggiore della larghezza.
B) SEGNATURA: il terreno di gioco deve essere delimitato da linee chiaramente visibili e di larghezza massima cm 8, che fanno parte integrante della sua superficie.
I lati maggiori del terreno sono denominati linee laterali, quelli minori linee di porta. Attraverso il terreno, per tutta la sua larghezza, deve essere tracciata la linea mediana.
Nel centro deve essere chiaramente segnato un punto, intorno al quale deve essere tracciata una circonferenza avente un raggio di m 3. In ciascun vertice d’angolo del terreno è tracciato verso l’interno del campo un arco di cerchio di raggio massimo di cm. 25.
C) AREA DI RIGORE: da entrambe le linee di porta, facendo centro in ciascun palo e con raggio compreso tra un minimo di m 4 e un massimo di m 6 (in proporzione alla larghezza del terreno di gioco), devono essere tracciate, all'interno del terreno, due semicirconferenze congiunte da una retta lunga m 3 parallela alla linea di porta.
Il punto del calcio di rigore, deve essere segnato in modo visibile a m 6 dalla linea di porta ed equidistante dai pali.
D) ZONA DELLE SOSTITUZIONI: sulla linea laterale, dal lato dove sono ubicate le panchine dei giocatori di riserva, devono essere tracciate perpendicolarmente a essa due linee lunghe cm 80, equidistanti m 3 dalla linea mediana.
E) LE PORTE: sono collocate al centro di ciascuna linea di porta e sono costituite da due pali verticali ed equidistanti.
I pali devono essere congiunti alle loro estremità superiore da una sbarra trasversale posta a m 2,00 dal suolo (misura presa dal bordo inferiore).
La distanza tra i due pali deve essere di m 3,00.
I pali, di colore contrastante con l’ambiente e il fondo del terreno di gioco, devono avere identica larghezza e spessore non superiori a cm 8 ed essere di materiale resistente nonché fissati al suolo in modo sicuro.
Le porte mobili possono essere utilizzate solo se vincolate al terreno in modo sicuro da impedire il ribaltamento. In difetto l’arbitro deve astenersi dal dare inizio a una gara.
Dietro le porte devono essere fissate ai pali, alla sbarra trasversale e al suolo reti di colore contrastante con l’ambiente e il fondo del terreno di gioco.
Le reti devono essere sostenute nella parte superiore da idonei supporti.
La maglia della rete non deve consentire il passaggio del pallone.
Le reti sono obbligatorie, in mancanza di esse l’arbitro deve astenersi dal dare inizio a una gara.
Le porte e le reti non devono costituire alcun pericolo per i giocatori.
Se la sbarra trasversale viene spostata o si rompe, il gioco deve essere sospeso fino a quando la stessa non sarà riparata e rimessa nella sua posizione. Se la sbarra trasversale è riparabile, la gara riprenderà con una rimessa da parte dell’arbitro nel punto in cui si trovava il pallone nel momento dell’interruzione del gioco. Se la riparazione fosse impossibile, la gara dovrà essere interrotta.

1 Terreno di gioco

a) Dimensioni: il terreno di gioco deve essere piano, liscio, privo di asperità, rettangolare e deve avere le seguenti misure:
massima minima
lunghezza 42 25
larghezza 25 15
In ogni caso la lunghezza deve essere maggiore della larghezza.
b) Segnatura: il terreno di gioco deve essere delimitato da linee, che fanno parte integrante della sua superficie, chiaramente visibili, di cm. 8 di larghezza. I lati maggiori del terreno sono denominati linee laterali, quelli minori linee di porta.
Attraverso il terreno, per tutta la sua larghezza, deve essere tracciata la linea mediana.
Nel centro deve essere chiaramente segnato un punto, intorno al quale deve essere tracciata una circonferenza avente un raggio di mt. 3.
All’intersezione tra le linee laterali e le linee di porta, verso l’interno del campo, può essere segnato un quarto di circonferenza di raggio massimo di cm. 25.
c) Area di rigore: da entrambe le linee di porta, facendo centro in ciascun palo e con raggio compreso tra un minimo di mt. 4 e un massimo di mt. 6 (in proporzione alla larghezza del terreno di gioco), devono essere tracciate, all’interno del terreno, due semicirconferenze, congiunte da una retta parallela alla linea di porta lunga mt. 3.
A metà di tale retta e a distanza di mt. 6 dal centro di ciascuna linea di porta perpendicolarmente a essa, deve essere segnato, in modo chiaramente visibile, il punto del calcio di rigore.
d) Zona delle sostituzioni: sulla linea laterale, dal lato dove sono ubicate le panchine dei calciatori di riserva, devono essere tracciate perpendicolarmente a essa due linee lunghe cm. 80, ed equidistanti mt. 3 dalla linea mediana.
e) Le porte: al centro di ciascuna linea di porta devono essere collocate le porte, costituite da due pali verticali, equidistanti dagli angoli e distanti tra di loro, all’interno, mt. 3.
I pali devono essere congiunti alle loro estremità da una sbarra trasversale alta mt. 2 dal terreno (misurata dal bordo inferiore).
I pali e la sbarra trasversale devono avere lo stesso spessore e comunque non superiore a cm. 8. Dietro le porte devono essere fissate ai pali e alla sbarra trasversale le reti, che, sostenute nella parte inferiore da aste ricurve o da altri idonei supporti, non devono costituire intralcio ai calciatori né consentire il passaggio del pallone.
Le reti delle porte sono obbligatorie.
In mancanza di esse l’Arbitro deve astenersi dal dare inizio a una gara ufficiale.
Le porte possono essere bianche, ovvero a tratti alternati bianconero o biancorosso, purché siano contrastanti con l’ambiente e il fondo del terreno di gioco.

Articolo successivo: 2 Pallone
Print Friendly, PDF & Email