Consiglio Direttivo

Quando

02/08/2022    
19:30 - 22:00

Dove

Sede LCFC
via Valdagno, 35, Udine, UD, 33100, Friuli Venezia Giulia

Event Type

1. Entrata in vigore delle modifiche normative decise lo scorso direttivo.
Il CD: delibera che le modifiche normative approvate nella scorsa riunione entrino in vigore dalla loro emanazione eccetto per il campionato carnico limitatamente a questa stagione.

2. Proposte consulta arbitrale.
Il CD: delibera quanto segue in relazione alle seguenti proposte.

1) Ricusazioni vanno motivate
Si sta valutando l’abolizione delle ricusazioni e verrà costituita una commissione per lo studio di tale idea.

2) Solo due livelli di merito, non tre
Si sta valutando l’abolizione dei livelli di merito, per cui la questione sarà oggetto di maggior approfondimento che verrà delegato a una commissione.

3) Gare di primo livello , siano dirette da arbitri di primo livello
Lo scopo della LCFC è quello di dare a tutti la possibilità di giocare e quindi di arbitrare.
In considerazione di tale principio cardine dello sport amatoriale non appare giustificato utilizzare nella designazione criteri basati esclusivamente su valutazioni tecniche.
Non si ravvisa infatti il motivo per cui non dovrebbe essere data la possibilità di arbitrare ogni tipo di gara a un arbitro, seppur non di primo livello, ma che risulti affidabile e collaborativo nell’ambito dell’associazione.

4) Chi fa due gare a settimana, la prima arbitra il collinare la seconda in over c11 o amatori C5.
Considerato che le partite over o di calcio a 5 comportano tendenzialmente un minor dispendio fisico nella direzione della gara, la proposta appare condivisibile. Il Consiglio pertanto invita a modificare i criteri di designazione prevedendo che una delle due gare sia una che comporti un minor dispendio fisico.

5) Ripristinare la vecchia regola del fallo laterale
La modifica apportata quest’anno appare ragionevole per cui si delega a una commissione lo studio della proposta.

6) Inserire regola Ifab nella rimessa dal fondo e punizione a favore dei difendenti nella propria area.
La regola internazionale ha l’evidente obiettivo di rendere il calcio più spettacolare, spingendo l’atleta a effettuare interventi, anche rischiosi, volti a recuperare il pallone in zona molto vantaggiosa come quella dell’area di rigore.
Se tale obiettivo appare comprensibile in spettacoli come le gare professionistiche o nello sport a prestazione assoluta, lo stesso non appare ragionevole in ambito amatoriale, dove la prestazione è relativa.
Inoltre ragioni di salute consigliano di non prevedere regole che spingano l’amatore verso una maggiore aggressività agonistica. Ciò anche in ragione del fatto che la preparazione atletica dell’amatore è alcune volte tale da esporlo a un maggior rischio di infortuni in caso di contrasti.
Si nomina in ogni caso una commissione per valutare la proposta.

7) Nomina del responsabile da parte degli stessi arbitri.
Dal 2014 si sta procedendo a una modifica organica dell’associazione che prevede la progressiva abolizione dei settori, con due obiettivi. Il primo è quello di trasmettere ai soci una maggiore consapevolezza in termini di appartenenza e d’identità, il secondo consiste nel garantire una più efficace organizzazione. Procedendo in coerenza con quanto finora svolto e in considerazione dei positivi risultati ottenuti, si ritiene che non ostino motivi alla soppressione dei settori arbitrale e disciplinare.
Anche a prescindere dal fatto che l’abolizione del settore arbitrale comporta di per sé il non accoglimento della richiesta, la stessa risulta inappropriata per diversi motivi.
Viene infatti richiesto di prevedere che un numero limitatissimo di soci abbia il diritto di nominare un proprio rappresentante. Anche se la richiesta non affronta tale aspetto, il privilegio che in tal modo verrebbe attribuito solo ad alcuni soci appare palesemente illegittimo.
Due altre considerazioni rafforzano la convinzione che la richiesta sia inammissibile.
Se il rappresentante di questi soci avesse funzioni organizzative non è comprensibile il motivo per cui la sua individuazione non dovrebbe spettare al consiglio direttivo, a cui lo statuto e l’assemblea delegano ragionevolmente la competenza di determinare l’assetto dell’associazione e le mansioni dei suoi dirigenti.
Se il rappresentante di questi soci avesse invece funzioni rappresentative, o meglio sindacali, questo fatto costituirebbe un gravissimo vulnus istituzionale perché in tal modo si disconoscerebbe al Presidente la funzione statutaria di garante di tutti i soci.

Il CD nomina componenti della commissione di studio dei punti 1, 2, 5 e 6 Silvestri, Comuzzi, Marcuzzi, Pettoello, Mattellone, Valerio. Riunione fissata per il 9 settembre alle ore 19:00.

3. Modifiche normative che prevedono l’eliminazione dei settori arbitrale e disciplinare.
Il CD: approva le modifiche proposte, disponendo che le stesse entrino in vigore a seguito dell’approvazione delle proposte di modifica degli articoli 12, 14, 15 dello Statuto e 5, 6, 7 della Carta dei principi (unanimità).

 4. Proposta di abbassare le sanzioni per mancata partecipazione o ritiro da gare, finali o manifestazioni ed eliminazione dell’istituto della dissociazione.
Il CD rinvia.

5. Proposta previsione rinvio straordinario (articoli 60 bis RA e 88 RD).
Il CD rinvia.

6. Esame proposte squadre riunioni annuali.
Il CD delibera come indicato in questa pagina.

Vengono rinviati i seguenti argomenti
7. Argomenti da definire.
a) Acquisizione personalità giuridica.
b) Sede.
c) Reclutamento arbitri (commissione: Comini responsabile, Consulta arbitrale, Chiandone).
d) Referti arbitrali (commissione: Mattellone responsabile, Pettoello, Comuzzi, De Cecco, Chiandone e Zorattini).
e) Eliminazione delle fasce arbitrali e del livello delle gare, con gestione particolare delle gare di difficoltà ambientale (commissione: Comuzzi responsabile, Pettoello, Polo Friz, Valerio, Mattellone, Specia, Chiandone e P. Cantoni).

Print Friendly, PDF & Email
We have placed cookies on your computer to help make this website better. Read the cookies policy
yes, I accept the cookies