Virtus e Friends, presenti guardando al futuro

Virtus e Friends, presenti guardando al futuro

“I risultati di queste prime partite? Non vanno guardati. Quella di quest’anno è una prova generale in vista della prossima stagione”. Il presidente della Virtus&Friends Denis Tomadini riassume così il proprio pensiero: si guarda al futuro e non al presente. Su quest’ultimo è già stato compiuto un mezzo miracolo iscrivendo alla stagione appena partita due squadre frutto della fusione di tre gloriose realtà del recente passato: la Virtus&Friends esiste oggi anche e soprattutto grazie alla collaborazione messa in piedi con i colleghi Emanuel Del Degan dei Toto e gli amici e Carlo Pecile dei Forever Black Stuff.

Inevitabile che l’inizio di questa nuova avventura abbia bisogno di tempo per portare a dei risultati sul campo. In Coppa infatti i Virtus&Friends sono reduci da due sconfitte in altrettanti incontri: dopo il 9-3 patito dal Depover è arrivato un 8-0 per mano dei Vg San Daniele.

“I risultati di queste prime partite non vanno guardati – sottolinea Tomadini – siamo ancora in fase di conoscenza tra i giocatori, era inimmaginabile fare bene da subito. Dobbiamo avere il tempo necessario per amalgamarci, siamo in piena fase di rodaggio”. L’orgoglio comunque è tanto per essere riusciti ad iscrivere il team nonostante le difficoltà post-pandemiche. “Non è stato facile – continua Tomadini – in tanti si sono arresi, più di qualcuno ha deciso di smettere di giocare mentre qualcun altro attende tempi migliori prima di ricominciare. Noi tra Over 40 e Over 50 siamo riusciti a tesserare ben 60 giocatori: tra infortuni e impegni è un numero che può permetterci di far fronte alle partite in programma. L’obiettivo? Consolidare il gruppo costruendo dal basso con la volontà di fare bene nella prossima stagione. Quella di quest’anno sarà una sorta di prova generale in vista del campionato ’22-’23”.

Intanto in Coppa, oltre al girone F dove appunto comandano Depover e Vg San Daniele, altri raggruppamenti stanno già dando indicazioni su chi sia già in forma e chi meno. Nell’A, ad esempio, buona la prima dei favoriti Gjanes, che hanno la meglio per 1-0 sulla Coop Premariacco: “Abbiamo condotto noi la partita – sottolinea l’allenatore del club di Moimacco Michele Caiati – solo un sontuoso Bellin ha negato nel primo tempo il meritato vantaggio a Ferraro prima e a Panebianco poi”. Gli ospiti tuttavia si sono resi pericolosi in ripartenza sfiorando anche il vantaggio su un capovolgimento di fronte dopo un clamoroso palo colpito da Cudrig ma un prodigioso intervento di Urciuolo (al debutto in maglia Gjanes) ha evitato lo svantaggio ai padroni di casa, che nella ripresa hanno trovato il gol-vittoria con un’incursione in area di Gnoni: “Prestazione maiuscola la sua” commenta Caiati.

Nel girone B Tecnospine a quota 3 punti dopo il 4-1 al Carnia United: Squecco con una doppietta, Zilli e Florit con un gol a testa i marcatori per i gemonesi, mentre per i carnici la rete della bandiera è stata di Mentil.

Primo posto assicurato nel girone E per i Warriors dopo la doppia vittoria con Brigata Brovada prima e Climassistance poi, sconfitto per 5-2 grazie a Lanzilli, Peressutti, Scherf e Scauzilli (doppietta), con Bozhiqi e Valentinuzzi che non sono bastati agli ospiti.

Infine nel girone G Comuzzi regala i primi due punti dell’anno alla Dimensione Giardino nell’1-0 all’Ac La Rosa.

Matteo Femia

Print Friendly, PDF & Email
We have placed cookies on your computer to help make this website better. Read the cookies policy
yes, I accept the cookies