3° turno PLAY-OFF (Ritorno): FELETTIS UNITED C.5 – LA BOMBONERA 2 – 2

Dentro o fuori per i ragazzi di mister Bergagna che, senza Pali, cercano di ribaltare il 3 a 2 della gara di andata.

Il Felettis parte a grandi ritmi, pressione a tutto campo e rotazioni frequenti per mettere in difficoltà il giro palla della Bombonera. A metà tempo, dopo una prima parte di gara senza grosse emozioni, i bianco-neri trovano il vantaggio: assist di Vida che premia la sovrapposizione di Orso che in corsa trova l’angolo alto alla sinistra di Lardo. E’ uno United concentrato e aggressivo capace di chiudere tutti gli spazi agli avversari che però nei minuti finali della prima frazione di gioco trovano il pari con uno dei loro classici: Giusti imposta da dietro, palla in profondità per Posca che la difende e gliela restituisce serve sulla corsa, diagonale millimetrico di punta a togliere il tempo a Martina e l’1 a 1 è servito.

Nella ripresa il Felettis forza ancor di più la pressione, ma la Bombonera riesce a trovare i giusti tempi per l’uscita portando Marcuzzi a tu per tu con Martina che in uscita disperata riesce col tacco ad intercettare il diagonale, ma la palla rotola beffardamente in rete. Sull’ 1 a 2 al Felettis servono due reti per andare quanto meno ai rigori. La reazione non si fa attendere e da schema su palla inattiva capitan Burlon trova la rete del pareggio. Il finale è un assedio con gli ospiti costretti ad usare le maniere forti per fermare le trame dei padroni di casa. Tre gli ammoniti e due i cartellini verdi per un regolamento che premia il gioco duro garantendo alla Bombonera, nonostante le due espulsioni, di rimanere sempre in parità numerica e portare a casa il passaggio alle semifinali. Nemmeno l’utilizzo di Vida come portiere di movimento nei minuti finali permette allo United di trovare la via del gol.

Si chiude ai quarti una stagione comunque da ricordare grazie allo storico terzo posto nella regular season, con i ragazzi di mister Bergagna capaci di lottare per il titolo fino a poche gare dal termine. (Fabio).

Lascia un commento