Elisabetta, la videomaker della Lcfc

Elisabetta è una libera professionista che si occupa di modellazione 3D, siti web, di montaggio video e post-produzione per l’ambiente indie. Riprende spettacoli teatrali e, or,a filma e “assembla” le partite di calcio della Lega Calcio Friuli Collinare. Nella vita di tutti i giorni è una persona che conosce il suo obiettivo, sa quale strada percorrere per raggiungerlo e ha una particolarità importante: è riuscita a trasformare le sue passioni in un lavoro. In ambito sportivo ha praticato judo e nuoto per molti anni, provando poi l’avventura nel kick boxing, nella scherma e in varie attività di fitness. Ma i suoi ricordi adolescenziali sono legati al calcio giocato al campetto con gli amici e, forse, il ricordo di una passione mai sopita la rende molto partecipe nelle riprese e nei montaggi degli highlights targati Lcfc.

Com’è nata la collaborazione con la LCFC?

“Sono arriva in LCFC per caso, grazie al passaparola. Un mio caro amico, un regista che in passato aveva diretto delle trasmissioni televisive condotte da Paolo Comini, sapeva che stavate cercando qualcuno per i video e ha fatto il mio nome, ci siamo messi in contatto ed eccomi qui!”

Questa tua passione per le riprese da dove deriva?

“Possiamo dire che deriva dalla passione per il cinema e le serie tv. In questo ambito ho avuto la fortuna di fare qualche esperienza lavorativa e da lì ho cercato ogni modo per lavorare nel settore puntando a fare qualcosa da me.”

Visto dagli occhi di una donna, dopo circa 4 anni che giri per i terreni di gioco, che idea ti sei fatta del calcio amatoriale?

“Prima del mio arrivo in LCFC non conoscevo, ahimè, l’esistenza di questa Lega e di tutti i suoi campionati, rimanendo da subito sorpresa dal numero di persone, di giocatori, di appassionati.
Credevo che l’amatore fosse colui che, ormai fuori età, si ritrova a giocare con i suoi coetanei. Invece no. Il calcio amatoriale è molto di più! E l’ho capito dai primi campi in cui ho messo piede 4 anni fa. Il calcio amatoriale è divertimento, è competizione, ma la cosa che più mi colpisce è l’aggregazione. Vedere ragazzi del paese che si riuniscono in una squadra, il paese che si riunisce per guardare la partita, ragazzi che lasciano la categoria per giocare nella stessa squadra dell’amico e uomini adulti che continuano a giocare insieme da molti anni, alle volte per decenni, sono storie che mi stampano sempre un sorriso: perché? C’è poco da dire, questo modo di partecipare allo sport è bello!”

I tuo video hanno moltissime visualizzazioni sui canali della LCFC. Quando riprendi una partita le squadre sono collaborative? Hai la sensazione che questo progetto piaccia ai tesserati?

“Vengo sempre accolta benissimo e coccolata in ogni modo, quindi credo siano contenti di vedermi!
E sì, il video piace sicuramente, non tutti conoscono ancora questo progetto e mi dispiace non essere riuscita a raggiungere tutte le squadre.”

In questi quattro anni di riprese c’è qualche aneddoto simpatico che puoi raccontarci?

“Gran parte degli aneddoti vengono dal terzo tempo, momento fondamentale di ogni partita, e colgo l’occasione per ringraziare tutte le squadre che mi invitano con gran gioia a prendere parte a questo momento!

Ricordo terzi tempi con carbonara, maialino sul girarrosto, pizze, pastasciutta con 3 sughi diversi, grigliate, veramente tanti momenti belli! Tutti racchiusi dallo stare insieme, dimenticate le liti in campo ci si trova al chiosco a ridere, scherzare, a raccontarsi!

Un momento simpatico l’ho vissuto un paio di anni fa alla Strassoldo alcolica;
arrivo al campo, mi presento al dirigente, saluto l’arbitro e chiedo dove posso mettermi. Percorro tutto il campo per arrivare alla postazione e mentre preparo la telecamera, mi porgono una birra e mi dicono “casomai ti venisse sete prima della partita“. Ecco, accolta e coccolata!”

Riprendendo ascolterai sicuramente le battute degli spettatori: qual è quella che ricorre di più?

“Sicuramente la più usata quando sono nel campo è quella dei tifosi: “arbitro, oggi c’è la VAR!

Secondo te questo prodotto è migliorabile? Se si come?

“Si può sempre migliorare. Direi che, non potendo coprire più campi, mi piacerebbe che qualche video venisse dai giocatori o dai tifosi. Si potrebbe creare un collage di immagini in modo da poter condividere brevi video con azioni particolari, i gol degli altri campi etc. Una collaborazione in tal senso credo valorizzerebbe sempre di più il vostro calcio amatoriale.”

Print Friendly, PDF & Email