Coppa AreaPN. Trionfa il Calcio Giais

Sabato 25 maggio, presso il campo sportivo di San Martino di Campagna, è andato in scena l’epilogo della Coppa AreaPN, manifestazione che ha visto affrontarsi tutte le compagini impegnate nel campionato pordenonese.

Ad avere la meglio sulle rivali è stato il Calcio Giais che, dopo aver vinto  il proprio girone composto da F.A.I.D. (unica sconfitta subita in stagione per i vincitori del Campionato Area PN), Borgo Palse e BudoiaPedemontana, superato, nelle sfide ad eliminazione diretta,  un ostico Via Verdi e, in semifinale il Sacile (vincitore della Championship 3), ha sfidato nell’epilogo  gli amici e rivali della GSR Arzene. E’ stata una sfida equilibrata decisa solo nel secondo tempo supplementare dalla rete di Andrea Basso Luca, sigillo che vale l’ambita Coppa. Trofeo che permette al Calcio Gias di aggiudicarsi il posto di rappresentante di AreaPN alle finali regionali della Lega Calcio Friuli Collinare che si disputeranno a Ravascletto il prossimo weekend. (Potete trovare QUI il programma completo delle finali regionali)

La finale, già dalle prime fasi, fa capire che vivrà sul filo dell’equilibrio, con le due compagini attente a non commettere errori e con qualche paura nel proporre gioco in avanti.

Tra le due sembra il Calcio Giais quella più intenzionata a provarci ed infatti il primo squillo della gara, viene dai piedi di Mauro Zammattio che, infilatosi tra le linee della difesa avversaria, dopo aver dribblato due avversari, calcia debolmente tra le braccia del portiere.

Prova a rispondere l’Arzene con un ispirato Lenarduzzi, il migliore dei suoi, che con un incursione centrale conclude sopra la traversa.

Al 15′ passa in vantaggio il Calcio Giais grazie al suo bomber Marco Romagnoli: il suo pallonetto millimetrico al volo, scavalca l’estremo difensore avversario. Qualche secondo di suspance con la palla che viene respinta da un difensore dando l’impressione del goal-nongoal ma il collaboratore di linea, Carlomagno, ben appostato, segnala che la palla ha superato la linea convalidando così la rete ai pedemontani.

L’Arzene non ci sta e si lancia all’arrembaggio lasciando quasi sempre due soli uomini in difesa e spingendo a più non posso con gli esterni. Il Calcio Giais non riesce ad approfittare della parità numerica concessa in attacco e fatica a contenere i movimenti continui tra le linee dell’ottimo Lenarduzzi e le ripetute sovrapposizioni di Visalli.

Il goal dell’Arzene sembra essere nell’aria dato che il Giais fatica ad uscire pulito dal pressing avversario, subendo gli incroci e gli scambi tra Visalli, Culos, Lenarduzzi e Jesku.

La seconda occasione importante però capita ancora nei piedi del Giais e sembra quasi di assistere al replay del primo goal. Questa volta è Vittorio Toffoli ad arrivare a tu per tu con il portiere avversario, calcia e sulla respinta riesce a ribadire di testa verso la porta, un difensore respinge ma questa volta, il guardalinee ancora posizionato benissimo, riferisce che la palla non ha varcato la linea.

Il secondo tempo inizia con la stessa verve con cui si è concluso il primo, con l’Arzene intenzionato a recuperare lo svantaggio concedendosi qualche rischio ed il Giais chiuso ed alla ricerca dell’uscita in ripartenza.

Mentre l’Arzene continua a spingere, è il Giais ad avere la palla per chiudere virtualmente l’incontro. Serie di scambi tra i centrocampisti biancorossi dopo un recupero palla, lancio in profondità e salvataggio della difesa in calcio d’angolo. Sugli sviluppi di quest’ultimo, batti e ribatti in mischia e la palla esce sui piedi di Vitali che, sbilanciato, calcia fuori da pochi passi con i propri compagni che già pensavano al goal.

Al 20′ , Arzene protagonista, recupero palla a metà campo, incursione violenta sull’esterno, cross pennellato alla perfezione su cui, con uno stacco da applausi in mezzo a due difensori, arriva Lenarduzzi che, oltre ad impattare la sfera con un tempo perfetto, la direziona con una precisione chirurgica verso il secondo palo dove non può nulla l’incolpevole Mirko Boschian.

1 a 1 e palla al centro, tutto da rifare per il Calcio Giais che ora deve stare attento a non subire il contraccolpo psicologico.

L’Arzene continua a spingere sulle ali dell’entusiasmo ma di fatto la partita scorre fino al termine senza grosse emozioni.

Si va quindi ai supplementari, le squadre sono stanche e si nota dal calo del ritmo e dall’aumento del numero di interventi fallosi, seppur non cattivi. Il primo tempo supplementare scivola via con le due compagini attente a non subire un goal che sanno di non riuscire a recuperare viste le scarse energie a disposizione. Ruotano le sostituzioni anche in vista dei possibili calci di rigore per dar modo, soprattutto ai tiratori, di riposare e per provare a dare una spinta in più con gente fresca sperando nell’invenzione di un singolo.

E l’invenzione sperata arriva al 3′ del secondo tempo supplementare, quando dopo un lancio dalle retrovie, la respinta dei difensori dell’Arzene arriva tra i piedi di Andrea Basso Luca, controllo di esterno, sprint verso il centro liberandosi di due avversari e fucilata dai 30 metri che si infila alle spalle del portiere, riportando in vantaggio i Pedemontani.

Le energie sono finite, il Calcio Giais si chiude nella propria metà campo e contrasta tutti i tentativi di affondo dell’Arzene concedendo anche un paio di calci da fermo molto pericolosi dove però, grazie alle capacità aeree di Dino Lorenzin, Cremon e Vitali e la reattività di Boschian, riesce a mantenere il controllo della situazione, portando così a casa il sudato trofeo.

Il Tabellino

Calcio Gias – GSR Arzene 1 – 1  (2 – 1  dts)

Calcio Giais: Mirko Boschian Boschin, Dimitri Basso Delle Vedove, Andrea Basso Luca, Stefano Basso Luca, Milo Biasutti, Paolo Bottecchia, Darwin Corona, Francesco Cremon, Filippo Faggianato, Fabrizio La Marca, Dino Lorenzin, Edi Lorenzin, Rudy Marcuola Bel, Luca Mio, Marco Romagnoli, Vittorio Toffoli, Sandro Vitali, Alessio Zammattio, Mauro Zammattio.

Dirigente: Igor Polo Friz

GSR Arzene: Mattia Poniz, Gianni Avoledo, Federico Culos, Omar Dal Pozzo, Gianpiero De Iorio, Armando Domi, Cristian Fornasier, Nertil Jesku, Simone Lenarduzzi, Alessandro Leon, Luca Leon, Vincenzo Malgeri, Alessandro Umberto Moro, Michele Pittaro, Alessandro Riservato, Daniele Truant, Gianluca Visalli.

Dirigente: Paolo Castellan, Manuele Dozzi, Paolo Pittaro.

Arbitro: Alex Marcuzzi, coadiuvato dai collaboratori Francesco Fabris e Mario Nicola Carlomagno.

Marcatori: 15′ pt Marco Romagnoli (Calcio Giais) – 20’st Simone Lenarduzzi (GSR Arzene) – 3’sts Andrea Basso Luca (Calcio Giais).

Note: Ammoniti Filippo Faggianato, Rudy Marcuola, Sandro Vitali (Calcio Giais) – Federico Culos, Gianpiero De Iorio, Luca Leon, Michele Pittaro (GSR Arzene).

Ricerca collaboratori

Vi piacerebbe scrivere di calcio amatoriale, raccontare il vostro campionato, intervistare qualche personaggio della Lcfc e fare i reporter sul campo?

La Lega Calcio Friuli Collinare seleziona per il suo portale  aspiranti giornalisti web writer per rapporto di collaborazione annuale a partire dalla stagione 2019/20. Si richiedono serietà e buona proprietà di scrittura. Inviare propria candidatura a mail [email protected]

CFC11: Paravano fa felice il Nojar-Zellina

Terza giornata per i gironi della Coppa Friuli a 11: i mini gruppi da quattro squadre terminano così la prima fase.

Nel girone A certe di accedere al prossimo turno sono Valmeduna e Atleticocerveza. Fantin e compagni superano il Dignano, 4-1, doppietta di Bortolussi, e si garantiscono il primo posto. Così racconta degli obiettivi della sua squadra Livio Del Bianco: “Dopo un finale di campionato che ci ha lasciati un po’ con l’amaro in bocca, nonostante questo fosse il primo anno in Eccellenza, abbiamo deciso che c’erano tutti i presupposti per partecipare finalmente alla Coppa Friuli. Il gruppo ha ancora voglia di allenarsi, giocare e fare un po’ di chiosco assieme, anche se fino ad ora siamo stati penalizzati dalla costante pioggia. Il nostro obiettivo ora è quello di divertirci cercando di giocare bene: fino ad ora ci siamo riusciti vincendo le tre partite del girone. Ovviamente cercheremo di goderci il torneo fino alla fine“. All’Atleticocerveza basta invece il 2-2 sul campo dell’ACCV.

Continua...

OVR40: Bandera e Fabbri lanciano il Tricesimo

Le avverse condizioni climatiche ostacolano ma non bloccano il proseguimento della seconda fase del campionato Geretti. Si gioca la terza giornata delle cinque previste e nel gruppo A1, valido per il titolo del campionato, le due gare in programma sono state rinviate. Sfide disputate invece nel girone A2 dove si lotta per non retrocedere con La Rosa e lo Ziracco Calcio che si accontentano

Continua...

OVR50: Tutto pronto per le semifinali

Si è conclusa la seconda fase del campionato Over50. A staccare il pass per le semifinali sono Glorie Cordignano 47, Veterani Udine, ASA Sangiorgina e Amasanda 86, che ora si contenderanno l’accesso alla finalissima dell’8 giugno. Fuori dai giochi, invece, i campioni in carica del Da Nando. In questo ultimo turno i vincitori della scorsa edizione si sbarazzano per 6 a 1 del Portover (sugli scudi Gioachino Cantarutti, tripletta per lui), ma i due punti così ottenuti non bastano.

Continua...

CFC11: Dell’Arche ci prende gusto, Galli al comando

Seconda giornata per la Coppa Friuli che consegna già i primi verdetti dei gironcini iniziali.

La Valmeduna si prende prepotentemente la testa del girone A con due vittorie in altrettante gare e mette al sicuro la qualificazione: 2-3 sul campo dell’ACCV nell’ultimo turno, Fantin (doppietta) e Borrello si confermano ancora ad alti livelli e continuano a regalare punti con i loro gol.

Continua...

AM5: Formentera Team inossidabile: è caccia del tris!

Al termine di una stagione molto lunga e faticosa, le semifinali di ritorno decretano le squadre che si giocheranno il titolo nei vari giorni degli Amatori a 5.

Nel girone Inferno, come accade ormai da qualche anno a questa parte, la finale vedrà in campo il Formentera Team, attuale detentore del titolo. Dopo la vittoria all’andata contro la Modus-Stellare, capitan D’Orlando e compagni si confermano anche nel ritorno imponendosi 5-2, tripletta di Turchetti e doppietta di Ongaro.

Continua...

Carnico: Crots e Malborhettone debuttano con vittoria

Seconda giornata in archivio per il Carnico, campionato che entra ufficialmente nel vivo e comincia a delineare quelle che saranno le gerarchie dei due gironi da qui all’ultima giornata.

In Eccellenza, complici i turni di riposo e alcune gare che devono essere ancora recuperate, a comandare in solitaria e a punteggio pieno è la Dognese, questa settimana corsara sull’ostico campo di Paularo grazie alla prima rete stagionale di Clapiz.

Continua...

OVR40: La Rosa verso la salvezza, il Farra frena La Valanghe

La seconda fase del campionato Geretti prosegue con la seconda giornata dei vari gironcini di categoria. Nel Girone A1 scendono in campo solamente Warriors e Spilimbergo, con gli ospiti che riescono ad imporsi grazie alla rete di Cinausero. Momento opaco per i Warriors che, nonostante due punti bonus con cui hanno iniziato la seconda fase, in queste due partite non sono riusciti a raccogliere neppure un punto.

Continua...

CFC11: Belleri fa già sul serio, Valmeduna ok

Come ogni anno, la fine del campionato coincide con l’inizio della Coppa Friuli per il Collinare a 11, che quest’anno registra un sensibile aumento delle squadre iscritte. Caratteristica di quest’edizione, però, anche il maltempo, che ha condizionato il primo turno.

Il girone A va però regolarmente in campo: il Dignano supera 2-0 l’ACCV con una doppietta di Fadi e mette in tasca due punti fondamentali per centrare il passaggio del turno.

Continua...

AM5: Laurencigh atomico, Sbregabalon e Duronons si annullano

Negli Amatori a 5 è tempo di semifinali: inizia infatti il periodo topico della stagione, al termine del quale verranno decretate le tre formazioni vincitrici dei gironi Inferno, Purgatorio e Paradiso.

Nel girone Inferno è l’equilibrio a farla da padrone. Il colpo di giornata lo mette a segno il Formentera Team espugnando il campo della prima classificata della seconda fase, Modus-Stellare: 3-4 il punteggio al triplice fischio, a segno per gli ospiti D’Orlando, Turchetti, Scridel e Morandini, tiene vive le speranze locali per il ritorno la tripletta di Lendaro.

Continua...