AM5: Il punto sulla quinta di campionato

Quinta giornata della prima fase negli Amatori a 5: siamo al giro di boa per i minigironcini, le prossime quattro gare saranno decisive per dividere le formazioni nei tre gironi primaverili.

Pokerissimo Nobile. Vittoria molto importante ai fini della classifica per lo STU Fagagna contro i Troncos, tenuti così a distanza di tre punti. Nel 9-6 finale spiccano le cinque reti di Nobile che così sale a quota 10 in classifica marcatori. Il giovane attaccante viola proverà sicuramente ad eguagliare il record di 44 reti messe a segno ormai due stagioni fa, indispensabili allora per portare i suoi a giocarsi la finalissima del girone Inferno a Lignano.

Concretezza e primato. Il Capo Horn sale al primo posto (in coabitazione con il Real Tresesin) nel girone B superando con il minimo scarto le Black Panters: decidono Stegnjaja e Zanitti, agli ospiti non basta Salvador. La classifica comunque rimane molto corta e presenta ben cinque squadre in un fazzoletto di due punti, senza dimenticarsi degli Sbregabalon che sono finalmente riusciti a sbloccarsi e hanno tutte le intenzioni di risalire.

Vittoria scacciapensieri. Il River Platano supera il Santamaria 2-6 e coglie così la seconda vittoria stagionale, indispensabile per non perdere la scia dalle prime posizioni e provare a rientrare come nella scorsa stagione nel girone Inferno. Doppietta di Pierdominici nel 2-6 finale.

La dichiarazione. La dirigenza del PSE Palmanova C5 racconta così la decisione di intraprendere l’avventura negli Amatori a 5: “Tutto è nato lo scorso anno quando ci siamo trovati senza portiere e a competere con un livello di squadre a nostro avviso molto alto. Vedendo la formula degli Amatori a 5, ci è sembrato essere un campionato più adatto a noi, soprattutto per i tre scaglioni che si vanno a formare in primavera“. Continua poi sugli obiettivi: “In primis vogliamo divertirci e fare gruppo, provando anche a toglierci qualche soddisfazione giocando ogni partita con entusiasmo e al massimo delle nostre capacità. In secondo luogo c’è volontà di praticare in modo corretto il calcio a 5, disciplina che si differenzia dal calcio che tutti conoscono. Le cose da imparare sono molte e gli errori non mancano ma crediamo che questo sport abbia il suo fascino“.

Print Friendly, PDF & Email