Scarsini, pareggio di rigore. E che Lowenthal!

Sempre più in fuga il Paularo, ancora una volta vincente quando siamo all’ottava giornata del girone di Prima Categoria. Fin qui irresistibile il percorso dei ragazzi di capitan Cescutti, cinque punti conta il loro vantaggio sulle seconde in classifica. Anche in questa giornata è arrivata una vittoria, stavolta esterna, sull’Ampezzo. Reti di Di Gleria e Urban per gli ospiti, dall’altra parte non basta invece Frassinelli. Perde ancora terreno invece la formazione degli Sclapeciocs, fermati sul pareggio dal Betania, squadra che tutt’ora conta solo un punto in meno. “E’ stato un derby molto sentito, quindi molto nervoso” racconta Claudio D’Aronco del Betania, “non sono mancati i ribaltamenti del risultato. Il primo vantaggio è stato nostro con gol di Vidoni. A quel punto i nostri avversari hanno pareggiato e poi ottenuto il vantaggio, al quale abbiamo risposto pareggiando su rigore trasformato da Scarsini (foto)”. Anche Michele Bearzi, mister degli Sclapeciocs insiste sul grande agonismo visto sul campo: “Non una partita da ricordare dal punto di vista tecnico bensì condizionata forse un po’ troppo dal nervosismo delle due squadre. Tirando le somme il pareggio è il risultato più giusto in quanto rispecchia quello che si è visto in campo, due squadre combattive che non mollano fino all’ottantesimo”. L’Arta Terme ed il Malborghettone, dal canto loro, non sono certo state a guardare, raccogliendo i punti della vittoria ed agganciando gli Sclapeciocs al secondo posto. Vittoria senza patemi tra l’altro per entrambe le compagini, con l’Arta che si affida ad un Lowenthal in gran spolvero, tripletta per lui contro il Davar, mentre il Malborghettone realizza quattro reti contro un buon avversario come la Dognese, compiendo anche il sorpasso in classifica.

Per l’ottava giornata di Seconda Categoria a Chiusaforte si affrontavano il Celtic Scluse ed il Socchieve, partita di alta classifica che doveva decidere quale tra le due avrebbe ottenuto il secondo posto e la nomina a prima inseguitrice verso la prima posizione. A deciderla ci ha pensato Franco Tuti del Celtic con un elegante tiro addirittura dai 40 metri. Michele Donadelli, mister proprio dei Celtic, ci descrive di che partita si è trattata: “Abbiamo preparato il match in modo attento, cercando di impedire le giocate del bomber Verona e del centrale Tacus, cosa che siamo riusciti a fare molto bene. Il Socchieve ha sofferto le nostre ripartenze ma soprattutto il nostro impeccabile reparto difensivo. Per quanto riguarda la classifica abbiamo già raggiunto l’obiettivo della scorsa stagione, ovvero migliorarci. Ora continueremo a giocare per divertirci e per consolidare il gruppo, dando sempre il massimo”. Intanto però il Preone Becs non sbaglia l’occasione contro il fanalino di coda Ter.Ca.l, superandolo con una goleada, 7-2 il punteggio finale.

Francesco Paissan

Print Friendly, PDF & Email
css.php