normativa

Normativa - Regolamento Attività - Direzione delle gare
In vigore dal 13/07/2017
Per visualizzare il precedente testo dell'articolo (a destra) e le differenze rispetto a quello oggi in vigore clicca sulle seguenti date: 20/06/2013, 30/06/2011, 31/07/2007, 10/08/2006

41 Designazione dell'arbitro

L'incarico a dirigere una gara è di esclusiva competenza del designatore (art. 12.c R.O.).
La designazione dell'arbitro deve essere eseguita mediante il sistema gestionale, secondo i criteri stabiliti da apposito regolamento emanato dal consiglio direttivo. In caso di mancato funzionamento dello stesso o di urgenza a provvedere, l'individuazione dell'arbitro verrà effettuata dal designatore che terrà conto della difficoltà della partita e della graduatoria di merito dell'arbitro stesso.
Il designatore determina preventivamente in 3 fasce le gare, a seconda della loro importanza e della difficoltà tecnica, indipendentemente dalla categoria a cui appartengono le squadre.
Prima fascia: gare molto impegnative;
seconda fascia: gare di media difficoltà;
terza fascia: gare di livello ordinario.
Le gare che hanno una rilevante importanza ai fini di una classifica, quelle relative alle fasi finali e gli spareggi sono sempre di seconda o prima fascia.
Il designatore individua, mediante il sistema informatico, l'arbitro adeguato a dirigere la gara, tenendo conto della difficoltà della partita e della graduatoria di merito dell'arbitro stesso.
Le gare di prima fascia devono essere dirette da arbitri di primo livello o secondo livello.
Le gare di seconda e terza fascia possono essere dirette da più arbitri qualsiasi livello.
Le designazioni devono esser pubblicate sul sito www.lcfc.it.

41 Designazione dell'arbitro

Il designatore determina preventivamente in 3 fasce le gare, a seconda della loro importanza e della difficoltà tecnica, indipendentemente dalla categoria a cui appartengono le squadre.
Prima fascia: gare molto impegnative;
seconda fascia: gare di media difficoltà;
terza fascia: gare di livello ordinario.
Le gare che hanno una rilevante importanza ai fini di una classifica, quelle relative alle fasi finali e gli spareggi sono sempre di seconda o prima fascia.
Il designatore individua, mediante il sistema informatico, l'arbitro adeguato a dirigere la gara, tenendo conto della difficoltà della partita e della graduatoria di merito dell'arbitro stesso.
Le gare di prima fascia devono essere dirette da arbitri di primo livello o secondo livello.
Le gare di seconda e terza fascia possono essere dirette da più arbitri qualsiasi livello.
Le designazioni devono esser pubblicate sul sito www.lcfc.it.

41 Designazione dell'arbitro

Il designatore determina preventivamente in 4 fasce le gare, a seconda della loro importanza e della difficoltà tecnica, indipendentemente dalla categoria a cui appartengono le squadre.
Prima fascia: gare estremamente impegnative;
seconda fascia: gare difficoltose;
terza fascia: gare di media difficoltà;
quarta fascia: gare di livello ordinario.
Le gare che hanno una rilevante importanza ai fini di una classifica, quelle relative alle fasi finali e gli spareggi sono sempre di seconda o prima fascia.
Il designatore individua, mediante il sistema informatico, l’arbitro adeguato a dirigere la gara, tenendo conto della difficoltà della partita e della graduatoria di merito dell’arbitro stesso.
Le gare di prima fascia devono essere dirette da arbitri di primo livello.
Le gare di seconda fascia possono essere dirette da arbitri di primo o secondo livello.
Le gare di terza fascia possono essere dirette da arbitri di primo, secondo o terzo livello.
Le gare di quarta fascia possono essere dirette da arbitri di qualsiasi livello.
Le designazioni devono esser pubblicate sul sito www.lcfc.it.

41 Designazione dell'arbitro

Il Designatore determina preventivamente in 4 fasce le gare, a seconda della loro importanza e della difficoltà tecnica, indipendentemente dalla categoria a cui appartengono le squadre.
Prima fascia: gare estremamente impegnative;
seconda fascia: gare difficoltose;
terza fascia: gare di media difficoltà;
quarta fascia: gare di livello ordinario.
Le gare che hanno una rilevante importanza ai fini di una classifica, quelle relative alle fasi finali e gli spareggi sono sempre di seconda o prima fascia.
Il Designatore individua l’arbitro adeguato a dirigere la gara, tenendo conto della difficoltà della partita e della graduatoria di merito dell’arbitro stesso.
Le gare di prima fascia devono essere dirette da arbitri di primo livello.
Le gare di seconda fascia possono essere dirette da arbitri di primo o secondo livello.
Le gare di terza fascia possono essere dirette da arbitri di primo, secondo o terzo livello.
Le gare di quarta fascia possono essere dirette da arbitri di qualsiasi livello.
Le designazioni devono esser pubblicate sul sito www.lcfc.it.

41 Arbitro

Le gare organizzate dalla LCFC devono essere dirette da un Arbitro indicato dal Designatore.
Gli Arbitri hanno il compito e il dovere di:
1) presentarsi sul campo di gioco almeno mezz'ora prima del previsto inizio della gara;
2) dirigere le gare in base alla Normativa e al Regolamento di gioco di calcio approvato dalla LCFC;
3) redigere il referto arbitrale in modo completo, veridico e leggibile;
4) mantenere il segreto sul contenuto del referto;
5) compilare compiutamente e con assoluta veridicità la propria scheda personale e segnalare con immediatezza eventuali variazioni;
6) frequentare le riunioni assembleari;
7) segnalare con immediatezza al Designatore arbitrale competente ogni anomalia ritenuta tale da menomare la propria idoneità o attitudine fisica;
8) inviare per fax il referto di gara e la richiesta di rimborso spese entro le ore 14,00 del giorno successivo a quello in cui si è disputata la partita. Ai fini dell'accertamento fa fede la data di ricezione del fax. Il mancato rispetto di tale prescrizione è sanzionato con pena equivalente a quella della non corretta compilazione del referto.
E' obbligatoria per tutti gli arbitri, la seguente tenuta di gara:
a)casacca, pantaloncini e calzettoni, che devono essere di colore differente da quello delle maglie delle due squadre; nel caso in cui l'arbitro indossi una casacca non di colore nero egli deve inderogabilmente avere una muta di riserva nera;
b) scarpe da calcio;
c) distintivo della LCFC;
d) taccuino con i cartellini rosso e giallo;
e) orologio con cronometro;
f) fischietto.
Qualora sia prevista una terna arbitrale o il doppio Arbitro, la loro divisa di gara deve inderogabilmente essere uguale, pena la sanzione prevista dall'articolo 145 RD.
Nel caso in cui la partita non possa disputarsi per l'inadempimento dell'obbligo previsto dalla precedente lettera a) l'Arbitro è inderogabilmente soggetto alla sanzione prevista dall'articolo 153 RD.
L'assegnazione a svolgere attività a livelli territoriale, regionale e nazionale è determinata dal riconoscimento, da parte del Responsabile del Settore Arbitrale, di effettive capacità tecniche e comportamentali dimostrate durante la stagione sportiva.

Articolo precedente: 40 Commissione per determinazione delle graduatorie di merito
Articolo successivo: 42 Ripetizione del corso e dell'esame abilitativo
Print Friendly, PDF & Email