Malborghettone rallenta la capolista. Becs, continua la favola

Undicesimo turno di campionato anche in Prima categoria. L’impresa della settimana la firma il Malborghettone andando a strappare un pareggio sul campo della capolista Paularo: in goal per i locali Emilio Forgiarini a cui ha risposto Alberto Agostinis. Rimane ad un tiro di schioppo dal secondo posto il Betania dopo aver sconfitto per 2-4 l’Arta, condannando la formazione della città termale ad ottenere almeno un paio di vittorie da qui alla fine per poter dormire sonni tranquilli in chiave salvezza: alla doppietta del solito scatenato Giovanni Lowenthal hanno risposto il cecchino dagli undici metri Scarsini (2), Visentin e Sattolo.

Ben sette reti invece tra Davar e Ampezzo: gli ospiti hanno espugnato Ovaro per 3-4 e possono così continuare a sperare in una salvezza che se conquistata avrebbe quasi del miracolo. Segno X invece in quel di Gemona del Friuli tra Dognese e Sclapeciocs; il commento di mister Stefano Di Bernardo: “Ottima partita per entrambe le squadre, vera e maschia, diretta bene dal signor Margherita. Complimenti agli Sclapeciocs, ottimi rivali come sempre, ma soprattuto ai miei che hanno interpretato molto bene la partita come era stata impostata. Un plauso ai due portieri, superatisi con due parate spettacolari valse un goal per parte; da segnalare il pareggio subito a causa di un autogol sicuramente non fortunato“.

La squadra del momento in Seconda categoria sono sicuramente i Becs di Preone, autori di un formidabile cambio di marcia nel girone di ritorno. Nell’ultimo turno anche il Celtic Scluse ha dovuto lasciare il passo alla capolista, impostasi per 0-1 con goal di Licio Cortolezzis. Ha rilasciato una lunga dichiarazione sul match e sulla realtà dei Becs un quasi emozionato ma sicuramente molto entusiasta ed orgoglioso presidente Michele Marcato: “Partita vera tra due squadre che a mio parere hanno tutte le carte in regola per centrare la promozione. Pur potendo contare su due risultati positivi abbiamo cercato ugualmente la vittoria proponendo il nostro gioco: molto compatti dietro, tanta densità in mezzo e una sola punta a dare profondità aspettando il supporto dei due laterali alti. Loro sono partiti a mille come era prevedibile, hanno spinto molto creando una sola palla goal. Il nostro mister ha saputo leggere molto bene la partita e con qualche aggiustamento siamo riusciti cresciuti a tal punto che dopo aver pareggiato le occasioni da rete siamo arrivati al goal su palla inattiva: punizione dalla distanza nel calciata dal nostro bomber Maldera, respinta corta e lesto e abilissimo Cortolezzis a ribattere in rete. Al riposo con il vantaggio i “ragazzi” di mister Comis sono rimasti concentrati e pronti a ribattere colpo su colpo i giochi  avversari. Hanno effettuato dei cambi per cercare di invertire l’inerzia della gara: nonostante i centimetri in campo, le contromosse del nostro mister li hanno obbligati a concludere solo dalla lunghissima distanza. Posso quindi dire che il secondo tempo è stato bello dal punto di vista agonistico e noi siamo stati bravi a tenere il vantaggio senza subire nulla. Gli ultimi dieci minuti effettivi più sei di recupero assegnati dal sempre positivo sig.Alessio hanno visto gli ospiti riversarsi in avanti ma anche in questo caso il nostro mister ha saputo operare molto bene mettendo in campo Martinis nel ruolo di unico attaccante e arretrando Maldera in mezzo al campo, assicurandosi così una migliore gestione di palla e molte punizioni a favore. Al triplice fischio l’esultanza dei Becs è esplosa e si è fatta sentire fino in paese. Una favola!“- continua poi il presidente-“Non posso negare ovviamente che la vittoria di questo big-match non ci dia felicità però a me, in veste di Presidente, quello che più rende orgoglioso e felice è pensare al gruppo che si è creato. Hanno sempre giocato tutti, tutti sono stati utili alla causa, e quando dico tutti intendo anche giovani che mai avevano toccato un pallone. Vederli in campo con ultra cinquantenni disposti a sedersi in panchina oppure entrare in campo senza mai sollevare alcun problema, mettendo in secondo piano il risultato: fantastico! Voglio ringraziare il nostro mister, il signor Mario Comis, vero artefice di questa ottima stagione, tutti i nostri sostenitori e quanti hanno operato in silenzio per garantire sempre il terzo tempo nonché il nostro mago del campo Rino Ianich che ci ha sempre fatto giocare su un tappeto. Questi siamo noi: i Becs di Preone“. Poker del Socchieve al Ter.ca.I: Alan Verona a segno con una tripletta. Vincono anche i Nolas e Lops contro l’Atletico Bancone in un match tra due squadre senza grossi obiettivi di classifica: per i locali in goal Erik De Infanti e Valerio Sandri, per gli ospiti Francesco Tezza.

Cristian Tulissi

Print Friendly, PDF & Email
css.php