FC11: Vacile re d’andata, Lokomotiv riparte

Si conclude dopo 11 giornate di passione il girone d’andata dell’Eccellenza e Prima categoria del Collinare a 11.

Vacile campione d’inverno nell’élite amatoriale con pieno merito. Nessuno infatti è riuscito a fare meglio: quindici i punti raccolti, frutto di sei vittorie, tre pareggi e una sola sconfitta, arrivata nel derby per mano del Valmeduna. Nello scontro diretto di sabato contro uno Ziracco distaccato di una sola lunghezza le due squadre dimostrano di valere la posizione di classifica che occupano: il 2 a 2 finale porta le firme di Lorenzo Natale e Michele Soligon per i locali, Davide Boreanaz e Ivan Saccavini per gli ospiti.

Completa la sontuosa rimonta e si piazza al terzo posto la Valmeduna, formazione fortemente penalizzata da un inizio ad handicap ma capace di riprendere la marcia con convinzione. Così racconta la vittoria casalinga sulla Thermokey lo storico capitano Livio Del Bianco: “Ottimo inizio degli ospiti, capaci di creare qualche grattacapo al nostro estremo Vanin con tiri dalla distanza, ma a passare in  vantaggio siamo noi con l’undicesimo centro in campionato di Fantin. La Thermokey però non subisce il colpo e allo scadere della prima frazione sigla la rete del pari con Giametta. La ripresa si apre con la rete del vantaggio ospite siglata nuovamente da Giametta su punizione. Da qui la nostra partita cambia e cominciamo a mettere pressione con Bortolussi e Fantin, anche se la rete del pari viene siglata a pochi minuti dalla fine da Roitero con un gran tiro al volo dal limite dall’area. I nostri sforzi per vincerla sono premiati poi dal secondo gol all’ultimo respiro di Fantin, che ci regala due punti importanti al termine di una partita corretta e combattuta. Ottimo l’arbitraggio del signor Redivo“. Fa un bel balzo in avanti il Drag Store che sconfigge per 1-2 i Warriors, ora al penultimo posto. Torna invece a muovere la classifica dopo un periodo nero la Lokomotiv Trivignano, anche se solo con un punto. L’incontro con il sempre temibile Merce Rara finisce 1-1, e ad andare in rete sono i due bomber Antonio Iurlaro e Denni Deak. Queste le parole del dirigente ospite Andrea Sau: “All’inizio i padroni di casa falliscono una grandissima occasione a tu per tu con il portiere, ma a metà della prima frazione siamo noi a passare con Deak: palla recuperata al limite, due uomini saltati e gol. Andiamo anche vicini al vantaggio con un’azione solitaria di Rampino prima di un’altra clamorosa occasione fallita dal Trivignano a pochi metri dalla linea. Il pareggio arriva al ventesimo del secondo tempo con un autentico siluro di Iurlaro da azione di corner, palla sul palo e poi in rete. Prima del triplice fischio ancora una grande occasione per Deak fermato solo da un intervento miracoloso di un difensore e poi Pahor“. Chiude il quadro il pareggio per 2 a 2 tra Jalmicco e Nojar Zellina, punto che fa comodo a due squadre fortemente immischiate nella zona rossa.

Bagarre in testa alla Prima A: il pareggio della capolista Turkey Pub sul campo della Dinamo Korda non costa troppo caro in classifica, vista la sconfitta degli Highlanders sul proprio campo nello scontro diretto contro il Cassacco Startrep, decisivi Roberto Devreux e Fabio Fanti. Per tornare ai piani alti il Tolmezzo Carnia mette in mostra gol e spettacolo: quella sul campo del Braulins è una vittoria roboante, con il tabellino che al triplice fischio recita 4-5 ed evidenzia la prestazione sontuosa di Stefano Vidoni, attaccante capace di andare a segno con una tripletta che vale la testa della classifica marcatori. Termina invece 1-1 ColugnaGunners, dove a Michele Di Piazza risponde Mattia Caruzzi. Vale oro in chiave salvezza il blitz del Campeglio sul campo del Tramonti. 1-2 il risultato finale, a definire una classifica molto corta che preannuncia un ritorno da vivere tutto d’un fiato sia in testa che in coda.

Nel girone B il solito Real Sella legittima il titolo di campione d’inverno conquistato con largo anticipo non lasciando scampo alla Polisportiva Bibione in un match pieno di insidie: in gol Davide Belleri, Andrea Bettin e Enrico Paroni. Non molla però la presa il Sette Sorelle – rete di Alessandro Casasola – nella vittoria contro il Muzzanella, mentre accorcia verso l’alto anche il La Rosa che espugna per 0-1 il campo del Pozzuolo, decisivo Francesco Napoli. In chiave salvezza mette due tasselli importanti lo Sclaunicco superando un Tissano comunque in ripresa: 3-1 il finale. Si conclude infine a reti inviolate Atletico PertegadaRuda.

Print Friendly, PDF & Email