Buja Millennium esempio di amatorialità

Mentre il San Daniele è sempre più vicino a concludere il girone Inferno al primo posto, forte di sei punti di vantaggio sulla seconda in classifica, è decisamente più complicato fare una previsione sulle restanti posizioni utili per i gironcini. Si contano infatti sette squadre racchiuse in due punti, alle quali va aggiunta anche la Dimensione Giardino che deve giocare alcune partite arretrate ma che dista solo quattro punti dal secondo posto. Molti dei risultati di questa 13ª giornata hanno favorito questo ammassamento, per esempio la sconfitta dello Spilimbergo per mano di un redivivo Manzano.E’ Tomasin il protagonista principale di questo “delitto perfetto” con la sua doppietta, che rende inutile il gol dello spilimberghese Cesaratto. Perde anche l’OverSangiorginaUd nello scontro d’alta classifica col San Daniele. Abbiamo già parlato del balzo in avanti dei sandanielesi, concentriamoci quindi sullo stop della Sangiorgina, uno stop che permette a molte inseguitrici un pericoloso riavvicinamento. E’ il caso del Milan Club S.Vito che, con la straripante vittoria per 5-1 sul Ziracco Calcio, si issa al secondo posto. Di Bellinato (2), Mattiussi, Serafin e Tracanelli. La Dimensione Giardino ottiene una vittoria importante contro il Cerneglons, colpito dalle mercature di Cantarutti e Battistella, quest’ultimo autore di due reti. Al Cerneglons non basta la doppietta di Petris per evitare la sconfitta. Sorridono a metà gli Warriors dopo il pareggio in casa del Premariacco, forse i più contenti per il risultato finale visto che, con questo pari, i padroni di casa hanno ottenuto il primo punto della loro stagione.

Il girone Purgatorio vede La Rosa ancora padrona del girone con due punti di vantaggio (ed una partita in meno giocata) sul Carnia United. Per mantenere il primato La Rosa doveva riuscire ad espugnare il campo del CRSF Versa, operazione riuscita grazie ai gol di Macuglia e Manfrin. Non è stata da meno l’impresa del Carnia United che ha ospitato e sconfitto la Folgore Over 40 in una partita che ci è stata raccontata da Alessandro Guidetti del Carnia: “Abbiamo espresso un ottimo gioco già nel primo tempo, terminato col risultato di due reti a zero, reti ad opera di Luca Nodale con un ottimo tiro al volo che si è insaccato alle spalle del portiere ospite e poi con il nostro bomber Clapiz. Nel secondo tempo la Folgore ha accorciato le distanze al 20′ con D’Odorico, abile ad inserirsi tra due difensori e trafiggere il portiere in uscita. Al 30′ Nodale segna il suo secondo gol della giornata superando in velocità i difensori e concludendo con un diagonale che non lascia scampo al portiere ospite. Ora abbiamo un trend di 4 vittorie consecutive e non ci nascondiamo: puntiamo decisamente alle prime 3 posizioni. Saranno le trasferte le insidie per noi visto che in casa non abbiamo mai perso sin qui”. Amasanda 86 e Over Gunners 95 non approfittano della caduta della Folgore e si spartiscono i due punti in palio nel match che li vedeva opposti. Ha del clamoroso invece la vittoria della Climassistance, ultima in classifica, contro l’Al Sole 2, squadra che invece è in piena lotta per la prima posizione. Luccitti e Manzella firmano il ribaltone finale, regalando alla Climassistance la prima vittoria stagionale.

L’ASD Calcio Medea, ancora a punteggio pieno, e l’Over Tricesimo, che ha perso solo una partita e lascio indovinare a voi contro di chi, sembrano ormai aver preso il largo rispetto alle altre compagini del girone Paradiso. Trascinato dalla tripletta di Bergomas, il Medea travolge il Totò e gli Amici, continuando nel suo percorso netto. Bastano, si fa per dire, quattro gol invece al Tricesimo per avere la meglio sugli Amatori Calcio Farra. Tolte le due corazzate, è il Feletto ’90 Sottocastello la formazione che occupa la posizione più alta, ovvero il terzo posto. In questa giornata ha pure superato, grazie ai gol di Grillo, Mesaglio e Morandini, la Virtus Udine 93, nella quale Floreani e Gallo hanno provato a pareggiare il risultato. La Brigata Brovada non va oltre il pareggio contro La Fortezza di Coradazzi e Tommasini, gli autori dei due gol che sono valsi il pareggio. Può festeggiare infine anche il Buja Millennium che, grazie a due protagonisti come Dervisci e Fava, realizzatori di doppiette, hanno superato il Portover per 5-3. C’è soddisfazione nelle parole di Carlo Ciani, presidente del Buja: “Il Portover è, ormai da un paio d’anni, una di quelle squadre con le quali ce la giochiamo sempre, anche se secondo me in questa partita la loro formazione era rimaneggiata. Noi invece, anche se magari non abbiamo qualità tecniche elevate, siamo comunque sempre in grado di avere un elevato numero di giocatori, specie quando giochiamo in casa. La partita alla fine è stata bella, combattuta. Noi ce la mettiamo sempre tutta ed alla fine siamo meritatamente riusciti a spuntarla. Per quanto riguarda la stagione direi che sta andando come al solito, con i risultati che tardano ad arrivare, un pò per colpa nostra visto che non abbiamo quella varietà tecnica che altre squadre offrona ma, in qualche caso,  anche per qualche direzione arbitrale che favorisce altre formazioni più forti.  Resta poi il fatto che noi non abbiamo quella voglia di stravincere che hanno altre squadre, noi siamo la squadra amatoriale per eccellenza. Abbiamo anche una età media piuttosto elevata, con gente che a 61 anni non vede l’ora di scendere in campo, e noi non possiamo che essere contenti per tutto questo. Per non parlare del dopo-partita: sia che giochiamo in casa, sia che giochiamo fuori andiamo sempre a cena insieme e qualche volta capita di avere più gente a mangiare che non a giocare, ma in fondo è questo il bello del calcio amatoriale”.

Print Friendly, PDF & Email
css.php