Pertegada corsaro a Bibione, Chiasiellis sontuoso.

ECCELLENZA

Diciassettesima giornata profondamente caratterizzata dal segno X nell’élite del calcio amatoriale: sono infatti ben quattro i pareggi maturati sul campo su sei partite disputate, di cui ben tre a reti inviolate. Una vittoria rischia però di far saltare il banco: è quella dello Ziracco sul campo del Cassacco Startep, complici anche gli stop di Thermokey (1-3 a favore della Savognese) e Pozzuolo (2-2 a Purgessimo contro il Turkey Pub). Con questi due punti la formazione del comune di  Remanzacco si candida prepotentemente a vincere il girone: sono solo due infatti i punti di distanza dalla Thermokey, gli stessi che separano il Pozzuolo dalla capolista, ma con una partita ancora da recuperare. Risulterà decisivo Pozzuolo-Ziracco alla diciannovesima giornata, senza sottovalutare nessuna partita visto il gran numero di squadre immischiate nella lotta salvezza e desiderose di conquistare i punti che varranno la permanenza in categoria.

PRIMA CATEGORIA

Non si è disputato il big match in programma nel girone A tra Tissano e Vacile, rendendo dunque  la classifica di difficile lettura: i boys di bomber Dreon sono attualmente al quarto posto a due lunghezze di distanza dalla capolista ma pagano un numero contingente di partite da recuperare, al termine delle quali potrebbero fare il definitivo salto che varrebbe l’Eccellenza. Rallenta parzialmente l’attuale capolista Colugna, fermata sullo 0-0 sul terreno amico da Al Cardinale. Va al Valcosa invece lo scontro con il Tolmezzo Carnia, due tra le grandi deluse del campionato: i due punti firmati da Marvin Basso sono indispensabili per mantenere viva una minima speranza di permanenza in categoria. Grande sbalzo in avanti del Valmeduna, attualmente al terzo posto in classifica: la vittoria con gli Highlanders vale il sorpasso in classifica e la facoltà di sognare in grande: 2-3 il finale.

Come il girone A, anche il B lascia presagire a un finale di stagione con il botto: gran parte del merito va al Morsan, impostosi 1-0 sulla capolista Trivignano, rete di Giuliano Picotti ad accorciare la graduatoria. “L’Asd Morsan ha la fortuna di avere mister Luca Ciani”-chiosano entusiasti dopo l’impresa-“il quale sa gestire al meglio una rosa di giocatori numerosa e tecnicamente valida, dando la giusta carica e intensità mentale a tutti, indipendentemente da chi vada o non vada in campo. Siamo convinti che se continueremo ad essere un gruppo unito ed entusiasta, come abbiamo fatto durante tutta questa stagione, non ci porremo nessun limite. L’importante è mettere il massimo impegno per divertirsi in campo e fuori, essendo questa anche la filosofia amatoriale.”Ne giovano sensibilmente sia il Ruda, corsaro sul campo del Galli (0-2) e Atletico Pertegada, vittorioso in trasferta sul campo della Polisportiva Bibione. Ha parlato della partita e della stagione Michele Baldin dell’Atletico: “Il derby con il Bibione è stato preparato come tutte le gare che stiamo affrontando, ovvero con impegno e profonda dedizione. Per quanto riguarda una eventuale promozione, non nascondo che sia bello pensarci, però devo essere realista e dire che abbiamo perso più di qualche elemento fondamentale per infortunio grave e questo ci mette nelle condizioni di essere molte volte decimati alle partite. La fortuna non è stata poi molto dalla nostra parte in questa annata, tra pali, traverse e qualche decisione arbitrale dubbia: ci crederemo fino alla fine mettendo in primis al sicuro la salvezza matematica e sperando in un salto di categoria”. In chiave salvezza, fondamentale la vittoria del Sette Sorelle sul San Marco Gradisca: i goal di Giulio Clementi e Federico Squin valgono il sorpasso in classifica e una momentanea tranquillità. Pareggio che non soddisfa pienamente nessuna delle due compagini quello uscito dal match di Torsa tra i padroni di casa e il Carlino San Gervasio: un punto che mantiene vive le speranze ma complica il cammino di tutte e due le formazioni.

SECONDA CATEGORIA

Il Real Sella mette una seria ipoteca sul girone A grazie al 2-1 sul Drink Team Goricizza. Ora i punti di vantaggio sulle dirette inseguitrici sono ben 7, anche se Atti Impuri (3-3 contro il Portomotori) e Palut Prissinins (vittoria 0-2 sul campo del Flumignan Possec) devono ancora recuperare due gare. I goal di Genci Allkanjari, Marco Camilot e Luca Covassin regalano ad un ormai condannato Pocenia la vittoria sul Chiarisacco, giusto premio per una squadra che ha dimostrato di non voler assolutamente mollar la presa.

9-0 assolutamente da record quello inflitto dal Muzzanella al Fobal nel B: assoluto protagonista Stefano Zentilin con una tripletta, partecipano alla festa anche Mattia Biondin con una doppietta, Alessio Italo Formentin, Stefano Tomba e Daniel Zanon. Non mollano la presa però né il Merce Rara (2-0 agli Amatori Gravo) nè il La Rosa (1-3 al Villesse), lasciando presagire ad un finale di stagione molto intenso.

Allungo decisivo in testa al girone C? Potrebbe esserlo, merito di Adorgnano e Billerio Magnano, le quali non mollano un colpo: 0-3 per la capolista sul difficile campo del Racchiuso, a segno Kevin Burtone e il solito Edoardo Scilipoti; 5-1 sul Tecnospine per la prima diretta inseguitrice.

Continuano la corsa tutte e tre le mattatrici del girone D, pronte a darsi battaglia fino in fondo per assicurarsi i due posti che valgono il salto di categoria: Warriors con ancora due punti di vantaggio grazie al successo sui sempre ostici Amatori Gonars (1-0, rete di Luigi Lanzilli), seguono Campeglio (1-2 sull’ormai condannato Accv) e pirotecnico 3-2 per Il Savio sul campo dei Redskins. Nelle zone basse vittoria fondamentale per la Effe 84 Friulclean nello scontro diretto su La Girada: il 2-1 maturato ai Rizzi risucchia di nuovo la formazione udinese nel vortice delle squadre che lottano per evitare gli ultimi tre posti.

TERZA CATEGORIA

Il pareggio nel big match del girone A tra AM Cisterna e Brigata Leonacco fa sicuramente più felice la squadra di casa, attualmente capolista del girone; reti della gara segnate da Daniele Sabbadini e Donato D’Agostini. Perde l’occasione di portarsi in solitaria al secondo posto il Susans, bloccato sullo 0-0 sul campo del Dream Team.

Il Corno Calcio alza bandiera bianca nella corsa al titolo, lasciando al San Vito e al Gruaro la quasi certezza di avere l’onore di partecipare al prossimo campionato di seconda categoria: dopo lo 0-2 patito proprio contro la formazione veneta nel match di venerdì solo un miracolo potrebbe permettere ai seggiolai di colmare il gap attuale di sei punti a cinque gare dal termine. Doppietta che vale un bella fetta di promozione siglate da Alex Querini.

Chiasiellis assolutamente sontuoso nel girone C: 30 punti su 17 gare giocate, una media di 1,76 punti a partita, nessuno a questi livelli in tutte le categorie. Nell’ultimo turno altro sontuoso 4-0 al Caffè Colonna e countdown che può iniziare a coronamento di una stagione spaziale. Il Pozzuolo rallenta invece in casa, fermato sullo 0-0 da La Fenice Biauzzo; la Virtus Udine, attualmente terza, accorcia così a cinque le distanze dall’ultimo posto disponibile per la promozione grazie al 2-1 ai Carioca, a cui non basta il primo goal stagionale (e che goal, botta al volo sotto alla traversa) di Davide Puzzolo. A cinque gare dalla fine la rimonta pare impossibile ma ogni scenario è aperto.

Cristian Tulissi

css.php